Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I giornalisti stranieri sono molto entusiasti del nuovo Munch Museum – NRK Culture and Entertainment

Alcuni critici ritengono che il museo da 2,7 miliardi sia il più vicino possibile a un aeroporto oa un semplice centro commerciale.

Ma cosa dicono i giornalisti stranieri che hanno anche visitato il museo?

Diventa fonte di ispirazione per i documentari

Piero Mascara si è recato a Oslo dall’Italia. È il fondatore della filiale italiana del canale culturale Arte.

Fu sorpreso, prima di tutto, da ciò che vide. Per la sua impressione generale della Norvegia si basa sui Vichinghi. Ma ha dato al museo l’impressione che Oslo fosse una città moderna che lavorava per diventare una capitale culturale globale.

Ecco come si presenta il foyer di Munch, il nuovo Munch Museum.

Foto: Javier Ernesto Auris Chavez / NRK

– Sono d’accordo che ci ricorda un aeroporto. Ma questa non è una cosa negativa. Perché un centro serve, soprattutto se si vuole creare una capitale culturale mondiale. Munch è un nuovo centro nel mondo.

Muscara ha amato così bene ciò che ha visto che sarebbe tornato per realizzare un documentario su Edvard Munch.

– Sono rimasto scioccato da quanto fosse chiara l’immagine di Munch come artista. Voglio tornare a Oslo per fare un documentario su di esso.

– Riflette una vita complessa

Martin Arndtzen è un critico d’arte per la Radio Svedese. Sebbene concordi un po’ sul fatto che tutto ci ricordi un triste aeroporto, ama la collocazione data dal museo nello spazio urbano e la famosa spaccatura in cima all’edificio. Si crede che simbolizzi la vita di Edvard Munch.

Redazione culturale Martin Arndtzen

Martin Arndtzen, critico d’arte per la Radio Svedese.

Foto: Matthias Alm/Radio svedese

La vita non era facile.

L’arte di Munch riflette tutta la sua vita nei suoi aspetti complessi e stimolanti. Questo sta per crack.

Ma per quanto riguarda l’interno?

Non hai una grande sensazione quando entri nell’edificio. Ma penso che la stanza dove appendi la lavagna funzioni bene. La sua arte ha molto spazio, quindi puoi vederne l’ampiezza.

Meglio con la luce naturale

Nicholas Bernau è un giornalista della radio nazionale tedesca.

Si pensa che lo spazio espositivo all’interno del museo assomigli a un normale museo, ma:

Non mi piace usare la luce artificiale.

Bernau spiega che poiché lo stesso Munch dipingeva alla luce naturale, anche la sua arte doveva essere esposta alla luce naturale.

I curatori amano la luce artificiale perché dà loro il controllo sull’arte. La luce naturale cambia continuamente e non c’è mai un secondo che sia uniforme. Munch lo sapeva. Quindi ho pensato che fosse un errore fondamentale usare la luce artificiale.

Molto meglio del vecchio museo

L’editore artistico di Dagens Nyheter, Birgitta Rubin, pensava che il nuovo museo fosse molto meglio di quello vecchio a Twain.

– L’edificio ha una silhouette elegante e imponente nel nuovo codice a barre di Oslo. I panorami sono incredibili e, soprattutto, lo spazio espositivo è più generoso e propositivo.

Il Museo Munch a Bjorvika
Foto: Javier Ernesto Auris Chavez / NRK

Ma è scettica su alcune delle opzioni materiali. La facciata in alluminio, i pavimenti in legno scuro e invecchiato e l’illuminazione attirano foreste di luce dal soffitto. Ma pensava che fosse un museo completo.

– Mi piace l’atteggiamento generale del museo, specialmente come hanno adattato i bambini e gli elementi interattivi che un museo moderno dovrebbe avere oggi. Ma non è sufficientemente adattato per chi è particolarmente interessato al pubblico, dice Robin, e spiega che manca una mostra di base dove si possa seguire lo sviluppo temporale di Munch.

David Nickell scrive per la famosa rivista di affari e finanza Forbes. Gli è piaciuto molto quello che ha visto.

– Non importa cosa pensi della facciata dell’edificio, l’interno è senza dubbio impressionante.

Il Museo Munch incontra finalmente il suo pubblico

Nell’ottobre 2016, la principessa ereditaria Mette-Marit ha partecipato alla posa della prima pietra per il nuovo Museo Munch, “The Munch”. Dopo 5 anni è stato costruito e pronto per ricevere il pubblico.

L’apertura del museo è stata posticipata di tre pieni voti e l’apertura è prevista per l’estate del 2020, ma domani, venerdì, il nuovo Museo Munch incontrerà finalmente il suo pubblico.

Dopo che la stampa ha potuto vedere l’interno del Museo Munch mercoledì, molti, ma non tutti, i norvegesi presenti sono stati critici.

– Sembra un disimpegno

Gaute Brochmann, editore di Arkitektur N e scrive sull’architettura di Morgenbladet. Si aspettava una migliore qualità in architettura e pensava semplicemente che il museo fosse noioso.

– Penso che Munchmueet sia diventato un museo bello, triste e meraviglioso, che probabilmente è più simile a un aeroporto. La lobby è più simile a una sala arrivi di un aeroporto di quanto ce la ricordi in un museo, credo.

Il terzo piano del Museo Munch

A differenza dei critici norvegesi, le reazioni della stampa estera sono state più positive.

Foto: Javier Ernesto Auris Chavez / NRK

Descrive l’atrio e l’area comune come grandi e curiosi. E penso che Edvard Munch abbia avuto una fortuna migliore di quella.

La voglia di compromesso che caratterizza l’esterno colpisce anche l’interno. Qui, nessuno ha effettivamente combattuto adeguatamente per essere il più bravo possibile. In qualche modo è diventato pratico e facile.

– senz’anima

Anche la critica d’arte di NRK, Mona Paheli-Berke, è delusa. Pensi che l’intero museo manchi di anima.

– Avevo sperato che l’esperienza di entrare nell’edificio fosse diversa dalla sensazione un po’ fredda che dà l’esterno. E che questo sarebbe un po’ annacquato, qui almeno è bellissimo.

Critica d'arte Mona Bahli Bjerk

Mona Paheli-Berke, critico d’arte presso NRK.

Foto: Myriam Vossvedt

Crede che l’interno del nuovo museo dia la stessa atmosfera inospitale dell’esterno con pannelli di alluminio che coprono le scale mobili.

In effetti, l’ingresso dovrebbe essere formale per un’istituzione d’arte dedicata al nostro più grande artista di tutti i tempi. E poi sembra di entrare in un qualsiasi centro commerciale.

Penso che sia popolare

Erling Doc Holm, reporter di architettura di Aftenposten, non è d’accordo con i critici. Pensa che l’edificio sia molto artistico e popolare.

– La lobby è molto semplice. È davvero una città senza alcun tipo di fronzoli o dettagli appariscenti. Ma è semplicemente lì in modo che tu come visitatore non provi alcuna intimidazione.

Immagine secondaria - Erling Doc Holm

Erling Doc Holm non è d’accordo con le critiche mosse dai suoi colleghi Gaut Bruchmann e Mona Bahl-Berke.

Lo stesso studioso di architettura era scettico sulla collocazione del museo nello spazio urbano, ma ciò che ha visto ora lo rende entusiasta.

– È un concetto di galleria molto elaborato e l’architettura è lì per promuovere i disegni di Munch. Dove è esposta l’opera più grande di Munch, ad esempio, l’altezza del soffitto è molto maggiore, quindi l’immagine non sembra troppo grande per il suo spazio espositivo.

– La gente lo adorerà

Così risponde alle critiche il direttore del museo Stein Olaf Henriksen:

Vogliamo un interno pulito e aperto che non attiri molta attenzione, l’arte dovrebbe essere sotto i riflettori.

Henrichsen credeva che il museo avrebbe dovuto indossare l’Edvard Munch e la grande collezione d’arte che era dopo di lui.

– Allora ci deve essere un edificio su cui si deve decidere. È un edificio enorme, potente e leggermente brutale. E penso che ci sia qualcosa che si adatta molto bene a questo artista.

Il direttore del museo ribatte che molte delle critiche all’edificio stanno per cambiare.

– Penso che le persone ci si affezioneranno molto dopo un quarto, quando ci si abituerà ad associarlo ai contenuti. E si vede come funziona quando finisce l’intero sviluppo a Bjørvika.

READ  Bethenny Frankel ha avuto una grave reazione allergica