Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I polacchi sono pionieri nel preservare le regioni polari

I polacchi sono pionieri nella ricerca polare, un’area importante della visione ambientale globale oggi.

Solo 20 paesi gestiscono stazioni di ricerca scientifica tutto l’anno in Antartide, dando loro accesso al più grande “laboratorio naturale della natura” con il potenziale per programmi di ricerca ambiziosi e collaborazioni internazionali. Le dure condizioni climatiche dell’Antartide, i severi requisiti ambientali e le enormi sfide logistiche associate alla manutenzione delle stazioni di ricerca e all’attuazione di programmi scientifici, rendono questa regione anche un’area di prova per le nuove tecnologie. L’Antartide è ora anche una delle aree di ricerca più importanti sul cambiamento ambientale del pianeta.

I ricercatori polacchi sono stati tra i pionieri della ricerca in Antartide e hanno seguito le orme del loro connazionale Henrik Arktowski, esploratore, geofisico e geografo. Dopo aver studiato in Belgio, all’età di soli 26 anni, Arctowski ha co-organizzato una spedizione al Polo Sud nel 1897, iniziando così la sua lunga avventura di ricerca polare. La spedizione è arrivata in barca alla destinazione prevista, la prima spedizione in assoluto a trascorrere l’inverno nei ghiacci dell’Antartide.

La ricerca di Arctowski ha dato origine a diverse nuove ipotesi scientifiche, tra cui l’ipotesi antartica, ora confermata dalla scienza moderna, una catena montuosa caratterizzata dalla struttura delle Ande in Sud America e le montagne di Grahams’ Land nella penisola antartica. È stata inoltre sviluppata la teoria dello spostamento delle onde degli uragani, nonché la teoria delle cause di una posizione più profonda della piattaforma antartica rispetto ad altre piattaforme continentali. Negli ultimi anni, Arctowski è stato coinvolto in progetti di ricerca alle Svalbard e ha ricoperto diversi incarichi importanti presso musei di storia naturale e università in Belgio, Stati Uniti e Polonia. La penisola di Unnatak in Antartide e una montagna e un ghiacciaio nelle Svalbard, nonché la stazione scientifica antartica polacca nelle isole Shetland meridionali sono chiamate Arctowski.

READ  Crimea, ucciso | Il 58enne ha ritirato la confessione per un duplice omicidio a Bergen

I ricercatori polacchi hanno continuato questa tradizione per molti anni e hanno condotto ricerche approfondite nelle regioni polari, sia nelle stazioni tutto l’anno che stagionali. Due stazioni per tutto l’anno sono di particolare interesse: la stazione polacca antartica Henrik Arktowski nell’emisfero australe e la stazione polacca Hornsund artica di Stanislaw Sedlicki nell’emisfero settentrionale a sud delle Svalbard.

La stazione antartica polacca Henryk Arctowski è stata istituita nel 1977 ed è un’unità scientifica e di ricerca guidata dal Dipartimento di Biochimica e Biofisica dell’Accademia polacca delle scienze. La stazione, situata sull’isola di King George, a più di 14.000 km dalla Polonia, conduce ricerche scientifiche nei campi dell’oceanografia, geologia, glaciologia, geomorfologia, climatologia, microbiologia, botanica, ecologia, ornitologia e genetica. , biologia marina e chimica e mappatura e monitoraggio ambientale continuo. Sono in corso ricerche sulla variabilità degli ecosistemi polari, sullo sviluppo, sulla struttura e sulla dinamica della biodiversità e sull’impatto dei cambiamenti climatici osservati nella regione della Penisola Antartica sulla funzione degli ecosistemi marini e terrestri. I materiali e i dati raccolti attraverso oltre 40 anni di ricerca continua danno un solido contributo alla scienza globale.

Di fondamentale importanza dal punto di vista odierno è la ricerca sui cambiamenti climatici globali e il monitoraggio ecologico per determinare le dimensioni e le condizioni degli uccelli marini e delle popolazioni di squali, che a loro volta forniscono importanti informazioni sullo stato dell’intero ecosistema, nonché il monitoraggio delle concentrazioni di carbonio nelle precipitazioni in tutti le sue forme (es. pioggia o neve), per determinare il flusso potenziale di inquinanti sia dal trasporto aereo remoto che locale.

Secondo il Protocollo di Protezione Ambientale del Trattato Antartico, l’intera Antartide è una riserva naturale dedicata alla pace e alla scienza. Tuttavia, è importante tenere conto della situazione all’altro polo del nostro pianeta, al Polo Nord. Nonostante le preoccupazioni per il suo ambiente unico, i paesi della regione si contendono l’influenza e incoraggiano le compagnie minerarie a cercare petrolio e gas. Dichiarazioni allarmanti sull’esaurimento delle risorse naturali della Terra sono arrivate almeno dalla pubblicazione del primo rapporto del Club di Roma nel 1972. Mentre infuria il dibattito sulla futura disponibilità energetica della Terra, la tentazione esplorerà aree che non sono ancora arrivate . Diventi povero, per diventare più forte che mai.

READ  Una buona scuola comunitaria con spazio per tutti fa una buona comunità - Dagsavisen

Altre importanti stazioni polari polacche, come la stazione polacca Arctic Hornsund di Stanisław Šidlici, sono iniziate come stazione stagionale nel 1957 e hanno ampliato le loro attività durante tutto l’anno nel 1978. È guidata dal Dipartimento di geofisica polacco. Accademia delle Scienze. La ricerca della stazione mira a comprendere meglio la natura dell’Artico e i suoi cambiamenti, soprattutto nel contesto del cambiamento climatico.

Si può affermare con soddisfazione che le ricerche effettuate dalle stazioni polari polacche godono del meritato riconoscimento internazionale e danno un contributo significativo alla ricerca globale in un’area importante per il futuro del nostro pianeta.

un. Michel Kleber

Il testo è stato pubblicato anche sulla rivista polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito di un progetto realizzato con l’Istituto per la memoria nazionale (Instytut Pamięci Narodowej) e la Banca centrale polacca (Narodowy Bank Polski).