Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I privilegi politici della chiesa vanno contro il loro scopo

Segretario Generale: Olof Edsinger è il Segretario Generale dell’Alleanza Evangelica Svedese. Foto: Tori Hjalmar Civic

Sorprendentemente, la chiesa perseguitata è una chiesa in crescita.

Perché il cristianesimo sta crescendo in alcuni paesi mentre è in declino in altri? Molti di noi si sono posti questa domanda. È difficile trovare una spiegazione finale – se non suscitiamo la sovranità di Dio ei tempi della visita dello Spirito Santo.

Nonostante ciò, nel corso degli anni, sono state lanciate una serie di teorie per spiegare gli alti e bassi del cristianesimo. Per gran parte del ventesimo secolo si è operata sulla “ipotesi della secolarizzazione”, secondo la quale l’emergere della scienza, della tecnologia e dell’istruzione avrebbe portato alla graduale eliminazione della religione.

Tuttavia, più e più volte siamo stati in grado di dimostrare che questa ipotesi non regge. Non da ultimo, ci sono esempi di questo negli Stati Uniti. È stato dimostrato che è del tutto possibile combinare il forte sostegno della Chiesa e della religione con una forte comunità scolastica e accademica.

Stesso problema con l’ipotesi che la prosperità materiale eliminerà il debito. Forse l’ipotesi si basa sull’idea che il materialismo può portare a una vita spirituale più debole – qualcosa su cui anche Gesù era chiaro.

Ma rendere una regola che le nazioni che stanno diventando più ricche debbano necessariamente voltare le spalle a Dio è una conseguenza frettolosa. Ad esempio, molte delle più potenti economie asiatiche sono uscite dalla povertà parallelamente – e in alcuni casi pesantemente influenzate da – un risveglio cristiano.

D’altra parte, c’è un altro fattore che spesso si applica quando viene meno l’adesione alla fede cristiana. Questo fattore (forse un po’ sorprendente) è che i politici danno il loro sostegno ufficiale alla Chiesa cristiana, attraverso leggi e linee guida, tra le altre cose.

In ogni caso, questa è la conclusione raggiunta in un rapporto di recente pubblicazione pubblicato da due ricercatori di Singapore. In un articolo accessibile su Cristianesimo Oggi, uno di questi, Nilay Saiya, scrive di tre grandi paradossi che emergono dal materiale di ricerca.

La prima riguarda la diversità religiosa. Si scopre che il cristianesimo tende ad essere più forte nei paesi in cui deve “competere” con altre tradizioni religiose su un piano di parità. In un tale ambiente, nasce una lotta fruttuosa, che i cristiani devono sostenere per amore della loro fede. A sua volta, ciò richiede che tu sia onesto, indulgere in te stesso e avere poteri di scusa, come rafforzare anche le tue convinzioni.

Si scopre che il cristianesimo tende ad essere più forte nei paesi in cui deve “competere” con altre tradizioni religiose su un piano di parità.

Il secondo paradosso riguarda il grado di sostegno dello Stato alla Chiesa e alla fede cristiana. D’altra parte, Nilay Saya osserva che tra le dieci popolazioni in più rapida crescita al mondo, c’è solo un paese (Tanzania) in cui il sostegno della chiesa pubblica è al di sopra della media mondiale.

D’altra parte, registra che ben nove delle popolazioni cristiane in più rapido declino hanno privilegi alti o molto alti al di sopra della media mondiale.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

Ciò è particolarmente evidente nei paesi con chiese statali o nazionali, con i paesi cristiani ortodossi in Russia e nell’Europa orientale come esempi notevoli. Ma anche la posizione delle chiese luterane nei paesi nordici e il cattolicesimo dell’Europa meridionale sono citati come esempi deterrenti.

Il terzo paradosso, allora? Riguarda le parti della Chiesa cristiana che vengono perseguitate. Tertulliano (160-225) in precedenza aveva pronunciato le parole alate: “Il sangue dei martiri è il seme della Chiesa”. La verità è che questo è vero anche oggi.

Ci sono certamente esempi di persecuzione che hanno spazzato via gran parte della Chiesa cristiana. Il controllo musulmano del Nord Africa nel VI secolo, il Giappone nel XVII secolo e l’Iraq moderno ne sono tragici esempi. Ma è notevole che la chiesa perseguitata sia una chiesa in crescita.

In questo contesto, Nilay Saya consiglia ai suoi lettori di resistere alla tentazione di allearsi con le autorità. Per non capire che i cristiani non possono fare politica, ma devono mantenere un rapporto con lo Stato che pone il “fardello” di ogni attività missionaria sulle spalle del popolo di Dio stesso. Questo è un consiglio a cui dobbiamo pensare!

READ  Gli obiettivi di sviluppo del millennio: la nostra politica di trasporto per gli abitanti dei villaggi