Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I sopravvissuti rompono il silenzio

Kylie Goncalves, 21, Madison Maugin, 21, Zana Kernodel, 20, ed Ethan Chapin, 20, sono stati assassinati nel loro letto nella piccola città di Moscow, Idaho, il 13 novembre.

Il colpevole è ancora latitante.

Altri due studenti che vivevano nell’appartamento durante la strage si sono addormentati e hanno denunciato la cosa alla polizia.

Ora hanno parlato pubblicamente della tragedia per la prima volta. Lo hanno fatto in un messaggio letto venerdì sera, scrive hv notizie.

“Hanno tutti illuminato ogni stanza in cui sono entrati ed erano regali per questo mondo. Ogni giorno, vorrei poterli finalmente abbracciare tutti e dire loro quanto li amavo “, ha detto uno dei miei coinquilini nella lettera, che è stato letto dal parroco.

Ha inoltre affermato che il defunto Mugen le diceva che tutto accade per una ragione, ma che ora stava lottando per trovare la causa di questa tragedia.

L’altro compagno di stanza sopravvissuto ha detto nella dichiarazione che il defunto “ha illuminato qualunque stanza fosse entrato”.

READ  La guerra in Ucraina: - Sorprese a dondolo

– La mia vita è stata fortemente influenzata dalla conoscenza di queste quattro bellissime persone, dice la dichiarazione.

Natale: la casa in cui gli studenti vivevano insieme è stata circondata e brutalmente assassinata dalla polizia. Foto: Ted S. Warren/Associated Press
Mostra di più

Qualche parola sulla tragedia

Scrivo che la polizia di Mosca è molto silenziosa quando si tratta del massacro L’indipendente.

Loro stessi affermano di cercare il colpevole, di aver ricevuto più di 1.000 suggerimenti, condotto più di 150 interviste e raccolto una grande quantità di prove.

Finora nessuno li ha avvicinati al sospettato.

– Stiamo controllando tutti gli indizi, ha detto il capo della polizia James Fry a Mosca.

I sopravvissuti rompono il silenzio

– mirato

Secondo il coroner, molto probabilmente gli studenti morti dormivano quando sono stati attaccati.

Tuttavia, alcuni di loro avevano segni di aver cercato di difendersi quando erano stati accoltellati più volte.

Un’affermazione in particolare che ha attirato l’attenzione è che la polizia ha definito le uccisioni di studenti “mirate”.

Non hanno ancora voluto rispondere a domande su questo argomento.

– C’erano dei sopravvissuti qui. Sulla base delle prove sulla scena, gli investigatori ritengono che si tratti di un incidente mirato, ha detto Frey.

La polizia si è finora rifiutata di rispondere al tipo di prove coinvolte.

– Devi solo fidarti di noi, – ha detto Roger Lanier della polizia di Mosca durante una conferenza stampa L’indipendente.