Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– I topi saltano nei letti e li mordono

Gli agricoltori in Australia si sono trovati a dover dormire con il letto in secchi d’acqua per evitare di mangiare i topi mentre dormivano.

Per mesi ha distrutto milioni di topi e invaso le case delle persone nella parte orientale del paese.

Lo stato del New South Wales, in particolare, sta assistendo a un’invasione del museo in questo momento.

Le persone venivano morse nei loro letti. Il contadino Cody Brady dice che erano lì sdraiati e morsi.

La gente dello stato sta cercando di uccidere quanti più topi possibile, ma con poco aiuto.

Due topi possono produrre fino a 500 prole ogni stagione.

Distrugge il benessere sociale ed emotivo delle persone. Ti senti totalmente sopraffatto, dice Cody Brady, un agricoltore nel New South Wales.

Enorme devastazione

L’invasione del museo ha causato ingenti danni alle piantagioni – danni stimati in diversi milioni di dollari.

Tra le altre cose, i ratti mangiano i raccolti degli agricoltori e attaccano i silos di grano.

Piccoli roditori si sono fatti strada anche negli ospedali e nelle scuole e hanno costretto i negozi di alimentari a conservare il cibo in contenitori ermetici.

È la grande quantità di pioggia che il confine orientale dell’Australia ha subito negli ultimi sei mesi che, tra le altre cose, ha creato le condizioni ideali per i topi.

Suggerimento per il mouse: Eric Fishbull solleva un pezzo di stoffa che copre i cereali immagazzinati mentre i topi corrono nel suo ranch vicino a Tottenham, in Australia, il 19 maggio 2021. Foto: Rick Recroft

Salti in famiglia

Le persone mettono le gambe sui letti in secchi e pentole d’acqua, ma i topi si arrampicano sugli estranei nelle tende e saltano nei letti e li mordono.

Questo è quanto ha detto al giornale Xavier Martin, un altro coltivatore di cereali australiano Il telegrafo.

Diversi video pubblicati di recente sui social media hanno dimostrato che questo è un problema in diversi luoghi del paese.

Con l’avvicinarsi dell’inverno, anche i roditori affamati cercano riparo nelle case delle persone, afferma Sue Hodge, operaia professionista delle pulizie. L’indipendente.

Di recente ha trascorso le sue giornate in una piccola città, a quattro ore di macchina a ovest di Sydney.

Lì sta lavorando per rimuovere i topi dalle case delle persone e rimuovere gli escrementi di topi dalle cucine, dalle stanze dei bambini e persino dalle famiglie.

Parassiti del topo: vaste aree di terra nello stato australiano del New South Wales sono minacciate dalla peste dei topi descritta dalle autorità come

PESTE DI MOUSE: vaste aree di terra nello stato australiano del New South Wales sono minacciate da una piaga dei topi, che le autorità descrivono come “assolutamente unica”. Foto: Rick Recroft

Viene utilizzata lana d’acciaio

A casa sua, copriva ogni angolo della casa con lana dura per evitare che i topi le strisciassero addosso.

Preferisce il modello “snap back” che garantisce una morte rapida.

Ma il problema è diventato così grande che le autorità della zona ora useranno alcune delle sostanze chimiche più potenti per uccidere i ratti e sbarazzarsi dei roditori.

Il ministro dell’Agricoltura del Nuovo Galles del Sud, Adam Marshall, ha dichiarato di aver ora chiesto l’approvazione di emergenza alle autorità, con una forma di tossina quattro volte più forte di quella che è già sul mercato.

– Abbiamo bisogno di qualcosa di simile al napalm per rompere questi topi,

Giovedì un poliziotto ha detto di aver ottenuto 5.000 litri di veleno, che è così forte che ucciderebbe i roditori con una sola dose.

Tuttavia, ha causato preoccupazione tra gli altri, che temevano che il veleno avrebbe danneggiato le colture alimentari e ucciso la fauna locale.

– Il ricercatore del CSIRO Steve Henry, pubblicizzato come il massimo esperto australiano sulla peste dei topi, ha detto che provare a contare il numero di topi sarebbe come cercare di contare le stelle nel cielo.

Secondo l’agenzia, tra 800 e 1000 topi per ettaro è considerata una piaga.

READ  Recensione: Amanda Gorman, "La montagna che scaliamo"