Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Idolo italiano disputa sulla prima donna a ricevere il dottorato

Regola

La statua di Elena Lucrezia Cornaro Biscopia ha scatenato polemiche a Padova.

Come allestire una statua della prima dottoressa al mondo?

La proposta è stata avanzata da due consiglieri comunali della città di Padova, nel nord Italia. In questione è Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, una donna che nel 1678 ricevette il dottorato in filosofia da un’università della città. È vero che all’Università fu eretta una statua in memoria di Piscopia, ma ora si propone di erigere una statua. Sul Prado Della Vella.

In questa piazza, la piazza pubblica più grande d’Italia, si trovano le statue di 78 persone oggi legate alla città, tutti uomini.

Ci sono due posti vacanti, uno dei quali ora si propone di ospitare la statua della Biscopia. Non tutti sono ugualmente felici e questo progetto ha acceso il dibattito.

Gli idoli hanno parlato

Simon Bilittery, uno dei due promotori della proposta, descrive la piazza con le sue statue come “un simbolo della storica dominazione maschile”.

– Dice che avere questi posti vacanti è un promemoria del fatto che le donne sono sottorappresentate qui e altrove, che sono state emarginate in passato e almeno non messe su piedistalli. New York Times.

Gli uomini dominano i piedistalli non solo a Prato della Vella. La proposta è stata fatta dopo un censimento delle statue nei luoghi pubblici in Italia, e nel censimento sono state installate solo 148 statue di donne. Secondo la storica dell’arte Federica Arcoraci Difensore Sotto le linee guida del 1776, furono vietati idoli di santi e persone estranee alla città, ma sul sito furono eretti solo uomini, non donne. “Il risultato di un trend storico”, dice.

Pilitary crede che erigere una statua di un filosofo sarà un segno del futuro. Non tutti sono d’accordo.

– Un gioco pericoloso e ignorante

Secondo il New York Times, la proposta ha incontrato accuse di cultura dell’abolizione, un tentativo di scrivere sulla storia. Avisa cita il politico locale e storico dell’arte David Tramer dicendo che, piaccia o no, il luogo è un’espressione del passato.

– Dice che dobbiamo imparare dal passato e non cambiarlo, e raccomanda di allestire statue di donne nel parco, che è in fase di sviluppo.

Si propone di erigere una statua della prima donna a ricevere un dottorato in questo luogo.

Anche i piedistalli vuoti nella piazza dove le statue dei cani veneziani furono distrutte dall’esercito francese nel 1797 fanno parte della storia della città, cita Carlo Fumian, professore di storia nella loro università.

“Non dovresti scrivere della storia con un martello o un coltello”, dice, e l’avvocato gli dice di appendere un poster attraverso uno dei piedistalli vuoti, spiegando perché è vuoto.

In un giornale locale, ha descritto il progetto come “un po’ trendy, ma culturalmente incoerente”.

– Sottolinea che spostare monumenti come i Lego è un gioco pericoloso e ignorante Difensore.

Sono sorpreso dalle reazioni

Margherita Colonello, l’altro consigliere comunale dietro la proposta, dice che non si tratta di “manomettere o distruggere” il monumento sul sito, ma di aggiungere qualcosa di nuovo, che riflette un momento in cui le donne hanno avuto un ruolo chiave. .

Secondo The Guardian, è rimasto sorpreso dalle reazioni e ritiene che “alcuni intellettuali conservatori” ancora non capiscano l’importanza di discutere della sottorappresentazione di metà della popolazione.

Danila Mabelli, il primo rettore dell’università, ha dichiarato al New York Times: “Non si tratta di onorare un idolo o una donna, si tratta di cambiare rotta e dare più riconoscimento al ruolo delle donne”. Comunità. “

READ  Il Vaticano è stato criticato per la cooperazione russo-ucraina nella processione pasquale