sabato, Giugno 22, 2024

Il 17 maggio, le forze israeliane hanno trovato tre corpi. Uno di loro doveva essere “la donna nel camioncino”.

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

La foto di una giovane donna sul retro di un aereo cargo, circondata da uomini armati, ha fatto il giro del mondo. Ora il suo corpo verrà ritrovato dall’esercito israeliano.

Venerdì sono stati ritrovati a Gaza i resti di tre ostaggi israeliani, ha annunciato l’esercito israeliano. Si dice che tutti e tre siano dispersi e presumibilmente morti dopo l’attacco del 7 ottobre dello scorso anno: Amit Buskila, 28 anni, Isaac Gelernter, 53 anni, e Shani Luke, 23 anni.

– Tragico, dice il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu riguardo ai risultati.

I tre sono stati probabilmente uccisi vicino al Nova Music Festival, nel sud di Israele. Per la famiglia del 23enne Luke, la notizia arriva in parte come un sollievo, dice il padre ai media israeliani.

Prima sono arrivate le foto dall'aereo cargo.  Non molto tempo dopo, iniziarono a diffondersi immagini di Shani Lok che ballava, poche ore prima dell’attacco di Hamas.

Alla famiglia è stata data una falsa speranza

– Nessun padre vuole ricevere un messaggio del genere, che sua figlia è stata uccisa mentre ballava e festeggiava. Ma per me ho provato anche un certo sollievo. Perché ora so che è morta senza soffrire, dice suo padre, Nissim Lok Canale 12.

Il cugino di Shani, Luke, è stato il primo a denunciare la sua scomparsa. Ha riconosciuto qualcosa che ha visto in un video che circola online.

La donna che giaceva a faccia in giù su un’auto con quattro uomini armati aveva tatuaggi e dreadlock come sua cugina. Uno degli uomini nel video le ha afferrato i capelli mentre cantava “Dio è grande!”

READ  Ecco come Netanyahu può fermare la formazione di un nuovo governo - VG

Tre giorni dopo la pubblicazione del video, la famiglia ha avuto un barlume di speranza.

Abbiamo ricevuto informazioni che Shani è viva, ma soffre di un grave trauma cranico e che le sue condizioni sono critiche, ha detto la madre al quotidiano tedesco Spiegel.

Ora la foto di Shani Luke può essere rimossa dal muro dove sono appese le foto di oltre 250 ostaggi israeliani scomparsi a Tel Aviv.

Da sette mesi il muro di Tel Aviv è segnato da volti scomparsi.  Tre di loro sono stati trovati morti venerdì.

Netanyahu ripete la promessa

Shani Luke aveva la doppia cittadinanza tedesca e israeliana. Ora sta tornando nella sua terra natale, Israele.

Circa 1.200 persone persero la vita quando Hamas entrò in Israele e attaccò i civili. Più di 250 ostaggi sono stati restituiti a Gaza. Si dice che 128 di loro rimangano prigionieri, una parte fondamentale dei negoziati per il cessate il fuoco tra Israele e Hamas. Nel frattempo, dal 7 ottobre, l’esercito israeliano ha catturato più di 2.200 palestinesi.

– Riporteremo tutto il nostro popolo in patria, vivo o morto che sia, promette ancora Netanyahu.

Secondo le autorità sanitarie di Gaza, dal 7 ottobre più di 35.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra israeliana nella Striscia di Gaza.

More articles

Latest article