Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il capo di Overwatch Jeff Kaplan si ritira dopo 19 anni in Blizzard

Jeff Kaplan, forse meglio conosciuto per il suo lavoro con lui Nota e osserva, Blizzard se ne andò. Il veterano sviluppatore lavora con l’azienda da 19 anni, ma ora è la fine del visto.


Kaplan è stato il fronte esterno del Team Overwatch, ma non parteciperà al lancio di Overwatch 2. Foto: blizzard

Kaplan è entrato in Blizzard nel 2002 e ha contribuito a creare World of Warcraft. Nel 2009, è passato a Titan, il gioco di ruolo online finalmente cancellato, prima di assumere finalmente il ruolo di capo dello sparatutto di Overwatch.

In una dichiarazione su Overwatch Kaplan desidera ringraziare i suoi compagni di squadra, così come i giocatori che hanno preso parte alla trasferta.

– È stato un vero onore avere l’opportunità di creare mondi ed eroi per un pubblico così entusiasta. Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti in Blizzard che hanno supportato i nostri giochi, squadre e giocatori.

Overwatch 2 è ancora in arrivo

L’uomo che ha rilevato Kaplan è Aaron Keeler, un veterano di Blizzard che ha anche contribuito a costruire Overwatch. Nella sua stessa dichiarazione, Keeler ringrazia enormemente il suo ex capo, assicurando allo stesso tempo ai fan che il gioco è in buone mani.

“Insieme al resto del team, mi sento fortunato ad avere così tanti leader creativi, più veterani di arte e design da Blizzard e anche molti giovani talenti – oltre a molto supporto da parte dell’intera azienda sia per Overwatch che per Overwatch 2, “Ha detto Keeler.

Cosa o cosa Osservazione 2 Per il nuovo manager, lo sviluppo promette di andare avanti a un buon ritmo, ma non esiste una data precisa e precisa. Certo, Keeler ha accennato a ulteriori scoperte “quest’anno e oltre nel tempo con l’avanzamento del lancio”, il che potrebbe indicare che il gioco non arriverà quest’anno.

READ  Windows nel cloud è molto richiesto: Microsoft interrompe le prove gratuite

Leggi anche: Overwatch 2 dovrebbe vivere fianco a fianco con l’originale »