Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il debito dell’Italia è il problema più grande dell’Europa – E24

Le banche italiane e di altre banche europee possiedono gran parte dell’enorme debito pubblico italiano. Questo è un problema serio per l’Europa, scrive Bloomberg.

Italia: il vicepresidente del Consiglio e leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio.

Foto: Ciro Fusco AP

Inserito: Inserito:

Ci sono poche cose che potrebbero creare maggiore paura tra i leader europei di così Il debito del governo italiano è di circa 2,3 trilioni di euro (22310 miliardi di corone norvegesi), Bloomberg scrive Sottolinea che è ancora il problema principale dell’Europa.

Al momento, sui mercati finanziari italiani prevale un clima di calma, nonostante la terza economia dell’Eurozona sia entrata in recessione nel quarto trimestre.

Il tasso di interesse sul debito pubblico è nuovamente sceso dopo una soluzione al pasticcio di bilancio dello scorso anno, ma se l’umore tra gli investitori si capovolge e riporta i tassi di interesse del governo su, il timore è che l’Italia fallisca sul suo enorme debito.

Un carico di debito così grande con una combinazione di crescita debole e costi di finanziamento elevati potrebbe nel tempo portare l’Italia a entrare in una situazione del genere, afferma il chief strategist Christian Lee di Danske Bank.

‘veramente fragile’

È la struttura proprietaria del debito del governo italiano che gli consente di creare problemi così grandi sia per l’Italia che per l’Europa.

Le banche italiane possiedono circa il 20% del debito del governo italiano, ma anche altre banche europee ne detengono una quota consistente.

Le banche al di fuori dell’Italia detengono circa 490 miliardi di euro (4.753 miliardi di corone) nel debito pubblico italiano e in altri paesi italiani, L’analisi di Bloomberg mostra Discuti questa settimana.

Le più esposte dagli stranieri sono le banche francesi, che detengono debiti italiani per 285,5 miliardi di euro (2764 miliardi di corone).

Il legame negativo tra la debole economia italiana e le banche viene definito “anello della morte”.

Quando il valore dei titoli di Stato scende e i tassi di interesse salgono, questo rischia di ridurre la solvibilità delle banche attraverso maggiori costi di finanziamento. Ciò a sua volta può indebolire la capacità e la volontà delle banche di stimolare l’economia concedendo prestiti alle imprese e alle famiglie, spiega Lee.

Lo scarso accesso ai finanziamenti per le famiglie e le imprese ha spesso un impatto negativo su investimenti, occupazione e consumi privati.

Questo, a sua volta, potrebbe portare a un ulteriore calo dei prezzi dei titoli di Stato. Anche le banche italiane sono già fragili, afferma Lee, osservando che un prestito bancario italiano su dieci è insolvente.

“Troppo grande per essere salvato”

Inoltre, qualsiasi potenziale crisi italiana eserciterà pressioni sulla Banca centrale europea e sull’Unione europea per decidere se consentire al Paese di navigare il proprio mare o escogitare un pacchetto di salvataggio, secondo Li.

Leggi anche

L’Italia adotta il bilancio dopo il conflitto con l’Unione Europea

– Il problema è che l’economia italiana è troppo grande per ottenere un pacchetto di salvataggio simile a quello ricevuto dalla Grecia durante la crisi del debito, afferma il capo stratega.

Un’altra sfida in Italia che interesserà il resto d’Europa è che la Banca Centrale Europea è stata negli ultimi anni un acquirente dominante di titoli di stato italiani, o quantitative easing.

Ha mantenuto bassi i tassi di interesse del governo italiano.

— Gli acquisti di supporto stanno volgendo al termine, e l’ESB dovrebbe assorbire meno del 15% delle nuove uscite italiane quest’anno, afferma Lee.

È sceso da circa il 50 percento nel 2017 e il 26 percento dell’anno scorso.

Pertanto, altri acquirenti dovrebbero aumentare i loro investimenti per impedire l’aumento dei tassi di interesse del governo, ma Lee avverte che l’interesse, specialmente da parte di investitori stranieri, è sensibile alla situazione economica e politica del paese.

Con una crescita debole, è probabile che il deficit di bilancio sia maggiore di quello che il governo ha indicato all’UE come parte della soluzione lo scorso anno, e ci sono anche importanti disaccordi interni all’interno del governo che potrebbero creare disordini politici anche quest’anno, spiega Lee. .

“vulnerabile”

Il debito pubblico italiano di 2,3 trilioni di euro rappresenta oltre il 130 percento della creazione di valore del Paese, più del doppio del limite massimo raccomandato dalla zona euro del 60 percento del PIL.

Affinché lo Stato italiano sia in grado di gestire il debito pubblico, dipende anche dalla forte crescita economica, dai bassi costi di finanziamento e/o dall’elevata inflazione che riduce il valore reale del debito, sottolinea Lee.

Leggi anche

La rinascita del mercato immobiliare a Firenze, colpita dalla crisi

Oggi la crescita del PIL e l’inflazione in Italia sono inferiori all’uno per cento. Anche il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede che la crescita del PIL del Paese si concluderà allo 0,6 percento nel 2019.

– Così, il governo italiano diventa vulnerabile agli sbalzi d’umore nel mercato finanziario, dice Lee.

Il capo stratega sottolinea che Danske Bank è positivo sulla situazione in Italia a breve termine e ritiene che ci sia una possibilità limitata di una crisi del debito nei prossimi due anni.

– Anche se non vanno sottovalutati i rischi di una crisi in Italia, sulla base di finanze pubbliche insostenibili, sensibilità alla crescita debole, alti costi degli interessi e il potenziale per ulteriori confronti politici con l’UE, dice.

READ  Paura di perdere l'allenatore di successo