lunedì, Luglio 15, 2024

Il difensore civico russo dei bambini ricercato per crimini di guerra – NRK Urix – Notizie e documentari stranieri

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Il 17 marzo di quest’anno, la Corte penale internazionale (ICC) ha emesso due mandati di arresto.

Uno riguarda il presidente russo Vladimir Putin e l’altro è il difensore civico dei bambini del paese, Maria Lvova Belova.

Entrambi sono accusati di crimini di guerra. Si dice che abbiano organizzato l’invio in Russia di bambini ucraini provenienti dalle regioni occupate dai russi nell’Ucraina orientale.

È una violazione del diritto internazionale e di altre leggi e accordi internazionali.

Le autorità russe hanno respinto categoricamente le accuse ei mandati di cattura.

Un totale di 23 bambini

Prima che Belova diventasse il difensore civico russo per i bambini, aveva dato alla luce cinque figli e ne aveva adottati quattro.

Famiglia: In totale, Maria Lvova Belova è responsabile di 23 bambini.

Foto: Reuters

Inoltre, si è presa la responsabilità di 13 bambini disabili che vivono in istituti che hanno raccolto fondi per la loro creazione.

L’anno scorso, durante una visita nella città occupata dai russi di Mariupol, nel sud-est dell’Ucraina, ha deciso di adottare un ragazzo di 15 anni che ha incontrato lì.

Belova viene dalla città di Penza, nel sud-ovest della Russia, ed è un’insegnante di musica qualificata.

Carriera missilistica

Alcuni anni fa, Belova si è unita al partito Russia Unita, che sostiene il presidente Putin.

La sua carriera ha subito un’accelerazione.

Putin e Belova

Ricercato: il difensore civico per i bambini Maria Lvova Belova ha incontrato il presidente Vladimir Putin almeno due volte. La Corte penale internazionale (ICC) ha emesso mandati di arresto per entrambi.

Foto: Reuters

Sono entrato nell’Academy for Talented Leaders sotto il Presidente.

Nel 2021 è stata nominata difensore civico dei bambini russi.

Dal punto di vista delle autorità, era probabilmente la candidata ideale.

Rappresenta i valori tradizionali della famiglia e ha seguito la frequente difesa del presidente per provvedere a molti bambini. Il 38enne ha un background nella Chiesa ortodossa russa.

Suo marito era un ex ingegnere informatico, ma alcuni anni fa si è formato come prete nella chiesa dominante del paese.

Ottieni tu stesso le prove

Belova ha un posto molto importante nel pubblico russo.

I media statali coprono ciò che fanno in modo completo.

Pubblica spesso foto e video pubblicitari dei suoi progetti sui social media.

Lo stesso difensore civico dei bambini va ad accompagnare i bambini ucraini nel loro viaggio in Russia.

Ha anche consegnato molti bambini alle famiglie in cui sono stati adottati.

Ha ringraziato il presidente Putin per la nuova legge, che ha reso più facile e veloce la concessione della cittadinanza russa ai bambini ucraini.

In qualche modo la stessa Belova ha fornito molte prove del fatto che ha svolto un ruolo fondamentale nel lavorare per portare i bambini ucraini in Russia.

Esso e gran parte dell’apparato statale russo sembrano orgogliosi di ciò che hanno ottenuto.

Non sono tornato dal campo estivo

La scorsa estate, Natalia Rak a Kherson ha deciso di lasciare che le sue figlie gemelle di 13 anni andassero in un campo estivo per alcune settimane in Crimea, che la Russia ha sequestrato nel 2014.

Bambini ucraini

All’inizio di questo mese, 31 bambini sono tornati in Ucraina dalla Russia. Sono passati più di sei mesi da quando sono andati in un campo estivo nella Crimea occupata dai russi.

Foto: Reuters

A quel tempo, Kherson era occupata dalle truppe russe.

Mentre le ragazze erano al campo, è stato detto loro che non potevano tornare come previsto.

– Hanno detto che avremmo adottato, che avremmo nominato tutori, – dice uno di loro, un tredicenne, all’agenzia di stampa Reuters.

La figlia era in contatto con la madre, che ha viaggiato con i suoi genitori in Polonia, Bielorussia e Russia. Alla fine, i loro figli sono stati consegnati e rispediti in Ucraina.

– È stato straziante vedere i bambini piangere che sono rimasti dietro il recinto, dice Natalya Rak degli altri bambini che sono rimasti con le autorità russe.

Si dice che altri bambini ucraini provengano da orfanotrofi, mentre alcuni sarebbero stati separati dai loro genitori o tutori nella zona di guerra.

costituisce un crimine di guerra

Il norvegese Erik Moss è un ex giudice della Corte Suprema che dirige la Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sull’Ucraina.

In Relazione della commissione Dice che il trasporto di bambini dall’Ucraina alla Russia costituisce un crimine di guerra.

muschio

Querelante: Erich Moss presiede il panel delle Nazioni Unite che ha concluso che il trasferimento di bambini ucraini in Russia costituisce un crimine di guerra.

Foto: Ucraina Crisis Media Center

Ma Moss ha detto a NRK che il lavoro del comitato non è stato facile.

– Nel nostro rapporto abbiamo esaminato l’allontanamento dei bambini. È stato un compito difficile, dice Moss, perché i numeri sono così sparpagliati.

Le autorità ucraine affermano che circa 20.000 bambini sono stati deportati in Russia.

Le Nazioni Unite hanno documentato che ciò è accaduto a 164 bambini ucraini.

Cecilia Helstveit

Crimine di guerra: l’esperta di diritto internazionale Cecilie Helstveit afferma che la Russia non può prendere i bambini dal suo nemico e naturalizzarli tra la sua stessa popolazione.

Foto: Eric Hannemann

Le autorità russe non collaboreranno con le organizzazioni internazionali fornendo i propri numeri.

L’esperta di diritto internazionale Cecilie Helstveit sta aiutando a indagare su ciò che sta accadendo in Ucraina per conto dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Ha detto a NRK che la Russia potrebbe dover rimuovere i bambini ucraini dalla zona di guerra. Ma dopo, i bambini devono essere inviati in un paese terzo o rispediti in Ucraina.

I figli del nemico non possono essere accolti nel proprio territorio e naturalizzati nella propria comunità.

– non può essere. Helstveit dice che questi sono solo crimini di guerra.

Non capisci le accuse

Quando il mandato di arresto e le accuse della CPI sono stati notificati, il difensore civico russo per i bambini ha dichiarato di non aver ricevuto alcun documento dalla CPI.

Belova

Il difensore civico russo per i bambini Maria Lvova Belova ha affermato di non comprendere le accuse della CPI.

Foto: AFP

Le accuse della Corte penale internazionale sono molto astratte. Belova ha detto: Non capiamo di cosa siamo accusati.

Chiede di ottenere i fatti e afferma che tutto sembra una farsa.

Il tono prevalente dei media russi e delle autorità statali era che era nel migliore interesse dei bambini ucraini essere portati dalla zona di guerra in Ucraina in luoghi sicuri in Russia.

Si dice anche che i bambini portati fuori siano orfani o separati dai loro genitori o tutori.

Il fatto che sia stata la Russia a iniziare la guerra di aggressione non è sottolineato.


READ  Donald Trump sostiene che gli immigrati stanno "avvelenando il sangue del nostro Paese" - Dagsavisen

More articles

Latest article