Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il fondo petrolifero espelle le aziende ma riceve critiche:

Dati recenti mostrano che il Petroleum Fund ha investito più di 7 miliardi di risparmi norvegesi in società legate al sistema militare in Myanmar. Ora il fondo ha escluso tre società, ma il lavoro non può fermarsi qui, il futuro crede nelle nostre mani.

Proteste: ci sono state grandi manifestazioni in Myanmar dall’ultimo colpo di stato. Il Petroleum Fund è ora legato al regime militare attraverso diversi investimenti.

Vincent Thien / AP

Pubblicato:

La panoramica del Fondo Petroleum mostra diversi miliardi di investimenti in società che conducono operazioni petrolifere e del gas in Myanmar, che implicano una stretta collaborazione con la Myanmar Oil and Gas Corporation (MOGE) controllata dallo stato, Secondo il Financial Times.

All’indomani del colpo di stato di febbraio, queste società sono ora sotto il controllo dei militari.

La Banca di Norvegia ha ora deciso di escludere tre società dal fondo petrolifero, inclusa la Japanese Honey Holding Company.

La decisione viene dopo Raccomandazioni del comitato eticoLa sua funzione è valutare gli investimenti del fondo.

Honeys Holdings possiede stabilimenti in Myanmar che producono abbigliamento femminile dell’azienda e li commercializza attraverso i propri marchi in Giappone e Cina.

L’esclusione di Honeys è dovuta a “un rischio inaccettabile che l’azienda contribuisca a violazioni sistematiche dei diritti umani”, ha affermato.

Leggi la lettera completa Ah.

Leggi anche

Esclude dal Petroleum Fund le società con legami con Israele e Myanmar

Poiché la raccomandazione del Comitato etico è arrivata prima della fine del 2020, il fondo petrolifero stava già iniziando a vendere dalle aziende, scrive Bloomberg.

– La decisione mostra ad altri investitori che Norges Bank considera queste società estremamente sospettose, afferma Anja Bakken Riise, leader di Framtiden in Our Hands, all’E24.

Crede che il fondo dovrebbe “usare il potere che ha in atto per fare pressione sulle aziende affinché tagliano i legami con i militari e si liberino di coloro che continuano a lavorare”.

È molto probabile che ci siano più soldi norvegesi nelle aziende con legami con i militari e sappiamo che molti lavoratori dell’industria tessile sono soggetti a violazioni dei diritti.

Anja Bakken Riise è il leader del futuro nelle nostre mani.

Scanpix Maryam bit / NTB

Vuoi disinvestire in anticipo gli investimenti

Sebbene Framtiden nelle nostre mani sia soddisfatta delle eccezioni, Bakken Riise ritiene che la situazione in Myanmar sia un esempio del motivo per cui il Fondo petrolifero “deve nominare in anticipo per gli investimenti”.

In situazioni così gravi come queste, sono necessarie valutazioni complete di due diligence che rivelino un tale rischio, non estrazioni quando il danno si è già verificato, come pensi.

Continua a leggere per E24 +

Telenor in Myanmar: poco successo, massacri e perdite di miliardi

Si riferisce a Earth Riise Dati dell’OECD Watch and Justice for Myanmar Che collega più compagnie di fondi petroliferi ai militari in Myanmar, prima e dopo il colpo di stato.

L’elenco include Chevron, dove il fondo petrolifero possiede azioni per un valore di circa 15 miliardi di NOK, ha detto. Panoramica del fondo. Secondo quanto riferito, l’interesse dell’azienda per il giacimento di gas di Yadana ha dato a MOGE “entrate significative” Financial Times.

Il MOGE sarà la principale fonte di reddito per i militari e la preoccupazione è che i fondi delle attività petrolifere e del gas finanzino indirettamente le attività militari in Myanmar, scrive la stessa fonte. Si dice che il coinvolgimento di Chevron nel campo di Yadana abbia generato quasi 600 milioni di dollari, più di mezzo miliardo, di entrate per il MOGE nel periodo 2015-2019, secondo Reuters.

Il MOGE è sotto il controllo del paese del Myanmar, il che significa che ora è sotto il controllo militare dopo il colpo di stato all’inizio di quest’anno.

Sono disponibili dati sui materiali Ah.

Visualizza un elenco dell’intera azienda nella casella dei fatti di seguito.

I diritti umani sono centrali

E24 ha informato l’addetto stampa del Fondo Petroleum, Line Aaltvedt, delle società coinvolte e dei commenti di Bakken Riise.

Stabiliamo chiare aspettative per le aziende in cui investiamo su come risponderanno alle varie sfide globali nelle loro attività. Ha scritto che il rispetto dei diritti umani è essenziale a questo riguardo.

Aaltvedt osserva che il fondo stesso preferisce esercitare il proprio potere attraverso la “proprietà attiva”, poiché possono influenzare l’azienda dall’interno.

Ma ci sono aziende che non vogliamo possedere.

Investitore: Il Petroleum Fund ha investito i risparmi norvegesi in società con legami con il regime militare in Myanmar, secondo diverse fonti. Qui dal Senior Manager Nikolai Tanjin.

Christer Sorbo

La liquidazione può essere appropriata se il fondo ritiene che la società sia particolarmente esposta a rischi elevati a lungo termine, laddove gli investimenti non sono ingenti e la proprietà attiva non è considerata uno strumento appropriato. È stato anche creato il Ministero delle finanze Consiglio Etico Per valutare se gli investimenti del fondo sono in linea con le linee guida etiche e per fare una raccomandazione sul controllo aziendale e l’esclusione alla Banca norvegese.

Ha spiegato che “gravi violazioni dei diritti delle persone in situazioni di guerra o conflitto possono fornire ragioni per escludere società o essere monitorate secondo queste linee guida”.

Leggi anche

I conservatori dicono no all’uso politico del fondo petrolifero

Giganti del petrolio con grandi contratti in Myanmar

I colossi petroliferi Royal Dutch Shell e Total sono legati al consiglio militare, che include progetti con società guidate dai militari anche dopo il colpo di stato di febbraio.

France’s Total teme che i dipendenti saranno esposti al rischio di lavoro forzato o incarcerazione “, e quindi lavorare in Myanmar, afferma il capo manager Patrick Bojan, secondo BloombergMa precisa che la compagnia non ha pagato le tasse all’esercito dopo il colpo di stato.

Nell’assemblea generale di Total venerdì prossimo 28 maggio, si voterà se il Senior Director Patrick Boyan, che ha guidato l’azienda ed è stato presidente del consiglio di amministrazione per sette anni, ristabilirà la fiducia. Il Petroleum Fund segue le linee guida che affermano che il presidente e l’amministratore delegato non dovrebbero essere la stessa persona e voterà no per consentire a Boyan di continuare a presiedere il consiglio di amministrazione.

Leggi il caso completo qui: Il Petroleum Fund licenzierà il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Total

Si dice che la Shell olandese abbia vinto contratti di perforazione in Myanmar, il che potrebbe dare alla società MOGE, ora controllata dai militari, un aumento delle entrate dalle operazioni di petrolio e gas, secondo Iniziativa EITI.

Il Petroleum Fund ha valori azionari di poco più di 23,5 miliardi di NOK in totale, mentre l’acquisizione in Royal Dutch Shell è stata di 32,7 miliardi di NOK alla fine dell’anno.

Leggi anche

Telenor ha scritto l’investimento totale più basso del Myanmar di 6,5 miliardi.

READ  Tiro alla fune nell'amara eredità