Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il freddo e la mancanza di cibo costringono i migranti ad abbandonare il loro sogno di UE – NRK Urix – Foreign Documentary News

In un piccolo appartamento nella capitale bielorussa, Minsk, NRK incontra tre giovani di un paese del Medio Oriente. Non diranno come si chiamano e non mostreranno i loro volti.

Non lasciano l’appartamento perché i loro visti non sono più validi.

I tre sono al confine con la Polonia da una settimana e mezza. Ma pochi giorni fa hanno rinunciato a cercare di raggiungere l’Unione Europea.

Condizioni difficili: i migranti al confine con la Bielorussia mancano di cibo e acqua. L’unico calore viene dai fuochi.

Foto: Jan Espen Kruse/NRK

Hanno detto che le famiglie a casa hanno raccolto quasi 4.000 dollari USA ciascuna in modo da poter dimostrare di essere in Germania o in un altro paese dell’UE.

Dicono di aver ricevuto suggerimenti che sarebbe possibile attraversare il confine dalla Bielorussia alla Polonia.

frontiere chiuse

Ciò che li ha incontrati è stato un forte raffreddore, una carenza di acqua e cibo e un muro delle guardie di frontiera polacche. Usando gas lacrimogeni e filo spinato, le guardie hanno lavorato per garantire un confine quasi ermetico.

Dopo 10 giorni si sono resi conto che attraversare il confine era quasi impossibile. Ma tornare a Minsk è stata anche una sfida, secondo gli uomini.

Hanno testato che le guardie di frontiera bielorusse non avrebbero permesso alle persone di tornare. Alla fine, sono stati fortunati e hanno ottenuto l’aiuto di qualcuno dalla parte bielorussa per negoziare di nuovo.

Ora sono molto delusi in un appartamento a Minsk. Il sogno di una vita migliore nell’Unione europea è stato infranto.

I tre non criticheranno le autorità bielorusse per quanto accaduto. Dicono che sia stata una loro decisione di viaggiare e hanno colto l’occasione quando sono passati attraverso la Bielorussia.

Gli uomini ora sperano di salire su un aereo per tornare a casa.

I conducenti riportano indietro le persone

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha dichiarato all’inizio di questa settimana che sarebbe stato in grado di portare i migranti in Germania con la compagnia aerea statale Belavia, se la Polonia non avesse aperto un corridoio umanitario.

I migranti che ora si stanno arrendendo per tornare a casa dicono a NRK che non faranno un nuovo tentativo di raggiungere un paese europeo.

I migranti fanno la fila per procurarsi il cibo.  I soldati bielorussi stanno guardando

In coda: affamati e infreddoliti, i migranti sono ora in fila per chiedere aiuto dalla Bielorussia. È così che la Bielorussia dimostra di trattare gli immigrati meglio della Polonia.

Foto: Jan Espen Kruse/NRK

Sono tutt’altro che gli unici a voltarsi ora. Molti immigrati hanno parlato con NRK per dire lo stesso. E gli autisti che trasportavano persone al confine ora trasportano persone nella capitale.

Non arrenderti

A Bruges, a un chilometro dalla zona di confine, il tono è diverso. Qui, il presidente Lukashenko ha ordinato di trasformare il magazzino in un campo per migranti. Circa un migliaio di migranti hanno ormai trascorso la notte negli alloggi temporanei.

La gente qui sta dicendo a NRK che non si è arresa. Continueranno a cercare di attraversare il confine.

Power Suleiman dall'Iraq

Il sogno diretto: Bauer Suleiman dall’Iraq sogna ancora di raggiungere l’Europa. È contento che le autorità bielorusse abbiano ora aperto un campo per immigrati.

Foto: Jan Espen Kruse/NRK

– Voglio restare qui, voglio andare in Europa, ma l’Europa non ci vuole, dice uno degli immigrati che abbiamo incontrato nel magazzino.

Capisce che non sta attraversando il confine ora, ma non perde la speranza e afferma che nuovi immigrati arrivano costantemente nell’area di confine.

Più di 2.000 che sono arrivati ​​ieri al magazzino sono tornati anche nelle tendopoli vicino al confine. Continua così la crisi che, secondo l’Occidente, è stata creata dalla Bielorussia per dividere l’Unione europea e combattere le sanzioni. Minsk ha negato le accuse.

Migranti in attesa in una sala in Bielorussia

Magazzino: secondo le autorità bielorusse, diverse migliaia di migranti hanno trascorso la notte in questo magazzino.

Foto: Jan Espen Kruse/NRK

Spero non ci vorranno anni

– Dobbiamo prepararci al fatto che la situazione al confine tra Polonia e Bielorussia non sarà risolta rapidamente. Dobbiamo prepararci per mesi. Spero che non ci vorranno anni”, ha detto mercoledì il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak alla radio polacca Giddinka.

Martedì Le guardie di frontiera polacche hanno sparato gas lacrimogeni Ha dispiegato cannoni ad acqua contro i migranti che lanciavano sassi cercando di attraversare il confine orientale dell’Unione Europea. Il ministero della Difesa polacco ha anche affermato che la Bielorussia ha fornito granate stordenti e gas lacrimogeni ai migranti.

Nove agenti di polizia, una guardia di frontiera e un soldato sono rimasti feriti negli scontri di martedì, secondo le autorità polacche. Sono stati tutti dimessi mercoledì dall’ospedale.

Secondo dati non confermati, almeno dieci migranti sono morti alla frontiera dalla fine dell’estate.

READ  Almeno 40 morti in esplosioni vicino a una scuola a Kabul - VG