venerdì, Giugno 14, 2024

Il governo spagnolo mette in guardia da venti e tempeste: ha collaborato con i suoi principali fornitori di energia

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "
Un elefante siede su una corda tesa sopra un varco tra due cime montuose.

Uscire con l’alimentazione di rete di solito non è una buona idea – in momenti come questo può essere disastroso. Tuttavia, questo è ciò che ha fatto il governo di Pedro Sanchez in Spagna.

Pedro Sanchez pose fine bruscamente alla posizione neutrale decennale della Spagna nella regione contesa del Sahara occidentale, che era una colonia spagnola fino al 1975. Fino a dieci giorni fa, la Spagna, in linea con la linea delle Nazioni Unite, invitava il popolo saharawi a decidere il proprio futuro attraverso un referendum. Ma tutto è cambiato quando il re Mohammed VI del Marocco ha letto dal vivo una lettera di Sanchez in cui descrive il piano di Rabat per la sovranità sul Sahara occidentale come “il modo più serio, realistico e credibile” per risolvere il conflitto.

Questo scrive Nick Corbishly a capitalismo nudo. Scrive inoltre:

Questo sottile ma significativo cambiamento di politica rischia di silurare le relazioni commerciali della Spagna con il più grande fornitore di gas naturale, l’Algeria, strenuo difensore del diritto del popolo sahrawi all’autodeterminazione.

Non passò molto tempo prima che iniziasse la battuta d’arresto. In primo luogo, l’Algeria ha richiamato il suo ambasciatore in Spagna. Ha quindi annunciato che si sarebbe rifiutata di restituire i migranti africani intrappolati in mare diretti verso le coste spagnole. Ha anche cancellato alcuni voli dall’Algeria alla Spagna, aumentando al contempo il numero di voli con altri paesi europei.

In patria, Sanchez ha affrontato un’opposizione quasi unanime alla sua decisione unilaterale di sostenere la sovranità marocchina sul Sahara occidentale, anche tra i suoi partner della coalizione che non sono stati avvertiti, per non parlare consultati, della decisione. Lo stato d’animo è stato meglio riassunto dal portavoce nazionalista basco Aitor Esteban alla commissione per gli affari esteri la scorsa settimana: “Quando vai a Rabat, ricorda che non hai il sostegno di questo parlamento”.

READ  Le azioni Reddit vengono pubblicate il primo giorno in borsa - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Leggi anche: Sahara occidentale: l’Algeria vede il tradimento nell’improvviso sostegno della Spagna al piano del Marocco

Quantità di gas importati in Spagna per paese di origine

fonte: statista

Un altro colpo è arrivato all’inizio di questa settimana quando l’Algeria si è seduta per colloqui con il governo del paese europeo che potrebbe sostituire la Spagna come primo cliente di gas algerino: l’Italia. Lunedì si è svolto presso l’Ambasciata d’Algeria a Roma un evento che ha visto la partecipazione del Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio e del Segretario Generale del Ministero degli Esteri algerino Chakib Kaid.

Non sorprende che il principale argomento di discussione sia l’energia. Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, l’Italia acquistava circa la metà del suo gas naturale dalla Russia. Quell’offerta è ora a rischio, ha detto Di Maio, “l’Italia considera l’Algeria un partner strategico importante a tutti gli effetti”, aggiungendo che Roma vuole “un partenariato strategico a 360 gradi per intensificare il dialogo politico, rafforzare la cooperazione economica ed energetica e lavorare insieme per la stabilità nel Mediterraneo.” ​​”

Alcune notizie arabe RapportiL’Algeria è già il secondo fornitore di gas all’Italia dopo la Russia:

Le importazioni di gas dal giacimento di Hassi R’Mel, il più grande giacimento di gas naturale dell’Africa, passano dalla Tunisia alla Sicilia Gasdotto TransMed.

Le società energetiche italiane Eni, Enel ed Edison hanno contratti a lungo termine con l’Algeria, che lo scorso anno ha spedito in Italia circa 21 miliardi di metri cubi di gas, ovvero circa il 20 per cento delle importazioni di gas del Paese.

Gasdotto TransMed

Inversione di ruolo

“La Spagna non dovrebbe essere sorpresa da ciò che sta accadendo”, Yahya Al Zubair Analista di origine algerina, strettamente legato alla Fondazione Algerina del quotidiano spagnolo Indipendente. L’Algeria cercherà un nuovo partner in Europa, l’Italia. Si concentreranno sull’oleodotto che va dall’Algeria all’Italia. A medio e lungo termine, l’Italia sostituirà la Spagna come principale via di approvvigionamento del gas verso l’Europa”.

READ  Nuovo Kliss Sirena 68 piedi - 20 pezzi già venduti

Chakib Kaid ha affermato che “l’Algeria rivedrà tutti gli accordi con la Spagna in tutti i campi”, pur escludendo ripercussioni immediate sulla vendita di petrolio e gas. Kayed ha anche sottolineato che Madrid non ha informato Algeri di un’inversione della sua politica sul Sahara occidentale. Conoscerlo prima attraverso ei comunicato stampa Dal Palazzo Reale del Marocco.


Commento: le sanzioni infliggono profonde crepe nella coesione occidentale

Senza energia, non può esserci società. È così semplice, ei politici europei lo hanno improvvisamente scoperto dopo aver ceduto alla dittatura statunitense per penalizzare le esportazioni russe. L’UE è completamente dipendente dal gas russo (e in alcuni paesi dal carbone) e non ha buone alternative a breve termine.

Ciò significa: ora i due partner della NATO e dell’Unione Europea, Spagna e Italia, si battono per l’interesse dell’Algeria, e l’Italia sembra tirare la paglia più lunga a causa della stupidità del governo Sanchez.

Questo dà una tregua all’Italia, ma manda la Spagna giù per un pendio paragonabile al canyon di Ronda.

Dobbiamo aggiungere che il lavoro di Pedro Sanchez è una stupidità con un forte estro politico.

Sono gli Stati Uniti e Israele che hanno intrapreso questa strada.

Gli Stati Uniti hanno firmato un accordo con il Marocco per normalizzare le relazioni con Israele, in cambio dell’impegno di Washington a riconoscere la sovranità di Rabat sulla regione contesa.

Le relazioni diplomatiche tra Marocco e Algeria sono state interrotte dall’agosto 2020. Esistono anche forti differenze tra Algeria e Francia. Leggi: L’Algeria ridurrà significativamente le sue relazioni economiche con la Francia.

Israele e Marocco hanno concordato il 10 dicembre 2020 di normalizzare le relazioni tra di loro in un accordo raggiunto con l’aiuto degli Stati Uniti, facendo del Marocco il quarto Paese arabo a stabilire relazioni con Israele in breve tempo. ha scritto questo Fonte.

deserto occidentale È una zona contesa come il Marocco e Repubblica Democratica Araba Saharawi (Repubblica Araba Saharawi Democratica) guidata dal Movimento di Liberazione Polisario, richiede il diritto di disporne. Dopo la guerriglia tra il Marocco e la Repubblica Araba Democratica Saharawi dal 1975 al 1991, è stato negoziato un cessate il fuoco durante il quale le due parti hanno diviso la regione. Da allora, il Marocco ha controllato tre quarti del territorio (il Sahel e le regioni occidentali), mentre la Repubblica Araba Saharawi Democratica ha controllato almeno in parte il restante quarto con regioni desertiche aride a est, le cosiddette frisone. La zona è inabitabile, per la maggior parte Saharawirappresentata dalla Repubblica Araba Democratica Saharawi, vive nei campi profughi sahrawi a TindoufGovernatorato sudoccidentale dell’Algeria. (Wikipedia.) La Norvegia non riconosce la sovranità del Marocco sul Sahara occidentale.

READ  Ufficiale Mercedes-AMG ONE: - Quasi incredibile. Questo è costato un sacco di soldi

Il Sahara occidentale è tra I giacimenti ittici più ricchi del mondo e le grandi miniere di fosfato. Si presume che ci siano grandi riserve di petrolio e gas sul fondo del mare al di fuori della regione.

La crisi energetica si incrina in tutta l’Unione Europea

Le sanzioni che avrebbero dovuto punire la Russia sembrano essere le peggiori per l’Unione Europea. Il sindacato non ha una politica energetica realistica. Attraverso un “cambiamento verde”, i politici si sono impegnati ad abbandonare le soluzioni energetiche su cui è stata costruita la loro prosperità: energia nucleare, carbone, gas e petrolio. E quando gas e carbone non compaiono, l’Unione europea è sul punto di cadere in un baratro economico mai visto prima.

Alla tredicesima ora, i “leader” europei si resero conto di quanto fosse disastroso, e quindi del “nucleo familiare europeo” non sarebbe rimasto molto.

Resta sintonizzato: questa serie ha molti altri episodi rimasti!

CampagnaSupportaci

More articles

Latest article