Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il marito della regina regnante dovrebbe essere chiamato re? I politici si rifiutano di impegnarsi nel dibattito.

La moglie di un monarca regnante dovrebbe essere chiamata regina mentre il marito di una regina regnante diventa solo un principe? No, dice lo storico. I politici si rifiutano di impegnarsi nel dibattito.

Dopo che i politici hanno cambiato la costituzione, Ingrid Alexandra ha ereditato il trono. Ma fino a che punto dovrebbe spingersi l’uguaglianza?

Venerdì scorso, la principessa Ingrid Alexandra ha compiuto 18 anni. Quindi la luce era sull’uguaglianza nella casa reale. Il governo le diede l’impressione incatenata di frustare per annunciare che la costituzione sarebbe stata modificata in modo che le donne avrebbero lo stesso diritto di ereditare il trono degli uomini.

– Questo è stato un importante cambiamento costituzionale in nome dell’uguaglianza di genere. Il primo ministro Jonas Gahr Store ha dichiarato di aver nominato erede al trono la principessa Ingrid Alexandra quando è nata nel 2004.

Ma fino a che punto dovrebbe spingersi questa uguaglianza? Dovrebbe avere conseguenze anche per l’uso del titolo Queen’s Reigning Wife?

– Ora che c’è uguaglianza nella successione, in futuro sarà 50/50 se il monarca è maschio o femmina. Quindi, dal punto di vista dell’uguaglianza di genere, sarebbe del tutto sbagliato che la moglie di un re maschio fosse chiamata regina, mentre il marito della regina dovrebbe essere chiamato solo principe.

Ecco cosa dice lo storico e autore Trond Noreen Isaksen. È autore di numerosi libri sulla casa reale.

La moglie di re Harald, Sonya, ha il titolo di regina. Il marito della futura regina dovrebbe essere chiamato principe?

Politici silenziosi in più partiti

I politici di diversi partiti si rifiutano di avviare il dibattito. Aftenposten è stato in contatto con il Partito Laburista, il Partito Conservatore, il Partito Popolare Socialista, il Partito Liberale e il Partito Popolare Socialista. Ai leader parlamentari o ai capi della comunicazione viene chiesto se qualcuno desidera commentare la questione. La risposta è stata molto debole.

READ  Biden Heavy Lift - VG

Ci sono due ragioni per cui Isaacsen credeva che il marito di una regina regnante dovesse essere nominato re. Quindi, uno è la considerazione dell’uguaglianza di genere. La seconda è che ci sono lunghe tradizioni storiche per cui il marito della regina accetta il re nello stesso modo in cui la moglie del re è chiamata regina.

“Chiamare principe il marito della regina è un fenomeno relativamente recente”, dice.

Spiega che è nato in Gran Bretagna nel diciannovesimo secolo, seguito dai Paesi Bassi e dalla Danimarca nel ventesimo secolo.

– Vantaggio se la discussione è condotta sulla base di principi

La domanda potrebbe diventare rilevante il giorno in cui Ingrid Alexandra diventa regina e potrebbe aver scelto di sposare un uomo. Potrebbero esserci alcuni decenni a venire. Suo padre, il principe ereditario Haakon, sale al trono davanti a lei.

Durante questi anni, speriamo che la parità di genere faccia ulteriori progressi. Isaacsen dice che sarebbe utile se questa discussione fosse presa su una base di principio e non finisse come un dibattito personale basato sul fatto che le persone siano o meno come il marito della principessa Ingrid, Alexandra.

Pensa che il marito della regina regnante possa ottenere il titolo di re senza di lui costituzione Deve cambiare. Peter Frolich, capo della Commissione di sorveglianza e costituzionale del Parlamento, non è d’accordo con questo punto di vista. Ma lui stesso non vuole prendere alcuna iniziativa.

“re” dovrebbe essere sostituito con “monarca”

Come politico conservatore, non credo che dovremmo sbarazzarci del “re” e della “regina” nella costituzione odierna, dice.

READ  - Rivoglio la mia vita - VG

– Quindi pensi che dovrebbe essere come adesso?

– E’ una soluzione. Se vogliamo cambiarlo, la costituzione deve essere cambiata. Dice che si dovrebbe rimuovere l’uso di “re” e “regina” e usare la parola neutra rispetto al genere “re” per il re o la regina.

Lo spiega dicendo che il “re” ha una funzione molto speciale nella costituzione.

– Afferma che chi detiene questo titolo avrà questo potere, e questo potere non può essere condiviso.

Quindi crede che se la futura regina regnante avrà un re dalla sua parte, a quest’ultimo sarà affidato secondo la costituzione i doveri della regina in quel momento.

– Ma si dovrebbe prendere questo dibattito?

-Coloro che vogliono introdurre un monarca neutrale rispetto al genere nella costituzione devono mettersi in campo ora, dice.

Isaacsen: caratteristica se “re” è sostituito da “re”

Isaacsen ritiene che l’articolo 3 della costituzione chiarisca che quando una donna eredita il trono, la parola “re” nella costituzione dovrebbe essere intesa come la regina e nessun altro. Per questo motivo si ritiene che non sia necessario modificare questa legge affinché il marito della regina regnante possa essere chiamato re.

– Ma poiché ora c’è uguaglianza di successione, e quindi ci sarà una probabilità del 50 per cento in futuro che il monarca sia una donna, non ci sarà alcun vantaggio a meno che la parola “re” nella costituzione non sia generalmente sostituita da ” re”, dice.

Secondo Isaacsen, è consuetudine che il re e non i politici decidano i titoli dei membri della famiglia reale. Afferma che è stato il re a decidere che il titolo di Mette-Marit dovrebbe essere il principe ereditario, che Ari Behn non è diventato un principe e che i figli della principessa Märtha Louise non dovrebbero avere titoli reali.

READ  L'Arabia Saudita è diventata una meta turistica?