sabato, Giugno 22, 2024

Il Museo di Storia Naturale prende sul serio i bambini

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

L’insegnante del museo May-Lynn Ostley è a disposizione per salutare circa due dozzine di alunni di terza elementare della Lakegata School di Twin.

– È importante iniziare stabilendo un rapporto, ha detto a Uniforum, spiegando che si tratta di sorridere, stabilire un contatto visivo e dare ai bambini uno spazio per conoscere lei e il museo.

– Lasciare che i bambini facciano alcune domande e raccontino alcune storie. Uso spesso le stesse domande e storie nell’insegnamento successivo. Questo è uno dei motivi per cui due tour con bambini non sono mai uguali, spiega.

– Imbottisci gli animali mentre sono vivi?

Oggi, la maggior parte dell’insegnamento si svolgerà nella mostra “Nature in Need” al primo piano della Robert Collett House, precedentemente nota come Museo Zoologico. Ma prima bisogna togliersi gli indumenti esterni e stabilire la relazione. Sulle scale del corridoio siedono ventotto bambini di otto anni.

-Ci sono sempre meno animali e piante sulla Terra. Ma fortunatamente per gli esseri umani, oggi sappiamo molto su di loro Perché ciò accade e, soprattutto, cosa possiamo fare per prevenirlo. Questo è ciò che impareremo oggi, dice Ostley.

-Gli animali vengono espulsi vivi o morti? chiede un bambino di otto anni. Ci sono uccelli imbalsamati appesi al soffitto nel corridoio.

Un altro vorrebbe sapere qual è l’animale preferito dell’insegnante di museo. Diverse mani rimbalzano in aria e Ostley risponde alle domande finché non deve concludere e iniziare il round vero e proprio.

Esperto di persone scomparse: “Sono orgoglioso di avere una posizione dedicata alla comunicazione della scienza ai bambini piccoli”, afferma l’insegnante del museo May-Lynn Ostley. Qui mostra come le aree in cui vivono i leoni stanno diventando sempre più piccole.

Animali che hanno meno spazio

La prima cosa su cui si ferma May Lyn Ostley è un grande leone impagliato. Tirò fuori una tavola con tre leoni nella savana, ma poi incollò una città nella savana e un’altra città, in modo che lo spazio in cui i leoni dovevano giocare diventava sempre più piccolo.

In Norvegia, il lupo è un po’ allo stesso modo. Molti non vogliono affatto i lupi in Norvegia. Ma chi sa molto della natura, come Ostley, si rende conto che tutti gli animali e le piante hanno un ruolo.

Una delle buone azioni del lupo è che mangia animali malati. Ciò indica che la malattia non si diffonde successivamente.

Il ladro nel museo

Il grande scheletro di elefante in mostra ha zanne di plastica. È arrivata al suo posto dopo che un ladro ha fatto irruzione nel museo e ha rubato i denti veri molti anni fa.

Per fortuna oggi la compravendita di avorio e di oggetti in avorio è proibita, dice l’insegnante del museo.

La storia è emozionante. Ma cosa voleva davvero fin dai denti il ​​ladro e all’epoca vendere l’avorio era legale, si chiedono i bambini.

L’argomento è l’uso e l’abuso delle risorse naturali da parte delle persone. Ostley osserva un’attività. Ai bambini vengono consegnati piccoli oggetti che devono dividere in quattro scatole, una per gli oggetti di plastica, una per gli oggetti del regno vegetale, una per gli oggetti del regno animale e una scatola per gli oggetti di pietra. La maggior parte delle cose sono facili da collocare, ma non molti bambini sanno che le spugne provengono dal regno animale e che il vetro è fatto di pietra.

– Di quante di queste cose abbiamo veramente bisogno, chiede la guida del museo quando tutto è sistemato.

Gioco divertente: ci vuole un po’ perché i bambini possano pescare con la canna da pesca. Ma quando la guida del museo arriva più tardi con le sue indicazioni, le cose vanno molto più velocemente.

Che pesce dovremmo mangiare?

Dopo una breve discussione su ciò di cui le persone hanno bisogno per vivere, l’insegnante del museo annuncia che è ora di fare una breve gita al mare.

READ  C'è ampio margine di discrezionalità in materia di assistenza sociale • Relazione comunale

Davanti al grande schermo contenente i pesci che vivono lungo la costa norvegese c’è uno spazio per giocare. Due studenti dovrebbero tenere un lungo pezzo di stoffa tra di loro. È il mare. Tre bambini ricevono ciascuno la propria canna da pesca, mentre gli altri diventano pescatori che nuotano nel mare. Ci vuole un po’ prima che i pescatori catturino tutti i bambini, ma arriva Ostley e li cattura tutti insieme nella rete, ed è tutto finito in un attimo.

La pesca eccessiva non è l’unica cosa che dobbiamo evitare se vogliamo fare buon uso delle risorse alimentari del mare.

– Dobbiamo imparare a mangiare diversi tipi di pesce, non solo quelli che ci piacciono di più e a cui siamo più abituati, esorta il docente del museo. Un sacco di buon cibo viene gettato in mare.

Inquinamento visibile e invisibile

La grande tartaruga marina imbalsamata suscita l’interesse dei bambini. Di tanto in tanto, in estate, le tartarughe marine vagano nelle acque norvegesi, imparano. Morì in mare e sbarcò a Trondheim.

– Quando i ricercatori l’hanno aperto per scoprire cosa ne avesse causato la morte, hanno trovato un sacchetto di plastica nello stomaco della tartaruga, dice Ostley, e mostrava un sacchetto di plastica completamente vuoto. Le mani si alzano di nuovo in aria. La plastica nell’oceano è un problema di cui molti bambini hanno sentito parlare e notato.

Mostra ai bambini attraverso l’esperienza che l’inquinamento non è sempre visibile. Ogni tre bambini ricevono un bicchierino di marmellata con acqua. Se aggiungi del colorante alimentare all’acqua, l’acqua assume un nuovo colore, ma l’odore rimane lo stesso. Se aggiungi aceto, l’acqua assume un forte odore, ma l’acqua ha esattamente lo stesso aspetto. Il sale, invece, non si sente né si vede, notano i bambini.

Esperimento fantastico: Alice Novakova, Idil Daher Farah e Lucas Figueiredo Gonzalez aiutano in un esperimento. Alcuni tipi di inquinamento si possono vedere o annusare, e altri tipi non si possono annusare o vedere, osserva il gruppo di bambini.

Cosa succede quando il clima diventa più caldo?

Ma ora è il momento di un gioco sul cambiamento climatico. La scala nella sala espositiva si trasforma in una montagna. Alcuni studenti diventano grandi alberi che crescono ai piedi della montagna. In alto ci sono degli arbusti, e in alto crescono bellissime piante ghiacciate che amano il freddo. Ma poi il clima diventa più caldo e gli alberi e gli arbusti si arrampicano più in alto sulla montagna, e alla fine diventa così caldo che il nucleo di ghiaccio non può più sopravvivere sulla montagna.

Specie indesiderate

Il prossimo argomento di cui parlerà l’educatore museale è cosa succede quando le persone spostano le specie in luoghi dove non hanno mai vissuto prima. Quando espone i granchi reali, la guida del museo tira fuori una tavola con alghe, conchiglie e varie piccole creature che vivono sul fondo del mare. Ma poi arriva il granchio reale che mangia di tutto e partorisce tanti figli. Ostley attacca diversi granchi reali al tabellone e raccoglie sempre più altre cose che vivono sul fondo del mare. Alla fine rimase solo il Re Granchio.

Il tempo è passato e tutto ciò che resta è un breve riepilogo.

Gli studenti hanno parlato di quanto sia importante che gli animali selvatici abbiano abbastanza spazio, che noi esseri umani non utilizziamo troppo ciò che si trova in natura, di inquinamento, di cambiamenti climatici e di quanto sia importante non spostare animali e piante in luoghi dove non hanno mai vissuto prima.

READ  Recensione: Jan Arild Snoen «La nuova guerra fredda. USA vs Cina »

Se i bambini fossero stati un po’ più grandi, avrebbero anche imparato che queste sono le cinque cause più importanti della perdita della diversità naturale, secondo la Commissione Natura delle Nazioni Unite.

Una sensazione di ottimismo e dinamismo

Per fortuna sono tanti i ricercatori e i politici che lavorano su questi temi, come conferma alla fine la guida del museo.

“E all’improvviso diventi adulto, e poi spetta a te decidere”, aggiunge.

– Per noi è importante che i bambini lascino il museo pieni di speranza, ottimisti e dinamici. Se non riusciamo a farlo, allora l’insegnamento va contro il suo scopo, come ha commentato May-Lynn Ostley su Uniforum.

Per un’ora intera sono riuscito a catturare l’attenzione del bambino di otto anni con l’aiuto di storie, attività e giochi.

Vero piacere: Nora Aune Tobiassen e Vega Jacoba Knutzen Wara non hanno dubbi. Questa è stata una lezione emozionante e divertente.

– Hanno imparato molto in breve tempo

Il comportamento esemplare dei bambini potrebbe essere in parte dovuto al fatto che hanno ricevuto in anticipo istruzioni dettagliate su come comportarsi al museo, ritiene la loro insegnante Anam Asghar, ma lei attribuisce comunque la maggior parte del merito all’insegnante del museo.

– Era un ottimo piano. L’educatore del museo ha utilizzato esempi concreti e ha stimolato gli studenti. Hanno imparato molto in poco tempo. Queste sono cose che possiamo riportare in classe, annota l’insegnante e aggiunge:

– Noi della Lakijata School abbiamo la fortuna di avere un museo di storia naturale nel quartiere.

Un rapido giro di domande nel gruppo dei bambini rivela che gli alunni concordano con l’insegnante sul fatto che questa è stata una buona lezione con un buon insegnante.

“Ho spiegato le cose chiaramente ed è stato davvero divertente”, dice Vega, che pensa che la cosa più bella sia guardare i pesci. Ma pensava che anche Leo fosse sexy.

– Era divertente giocare con le piante sulla montagna, anche se era un po’ triste con i fiori che morivano, dice Nora. È colpita da quanto sa l’insegnante del museo e trova molto interessante conoscere la grande tartaruga

Edel pensa che sia bello poter passeggiare un po’ e guardarsi intorno dopo il tour. Ho pensato che la cosa più divertente sarebbe stata lasciarle versare l’aceto nell’acqua e poi annusarlo.

Comunicazione della scienza per i bambini

– Non sempre ci vuole un grande sforzo per coinvolgere i bambini piccoli, dice May-Lynn Ostley.

È orgogliosa di avere una posizione dedicata alla comunicazione della scienza per i bambini piccoli.

Ostley ha studiato Botanica, Zoologia e Geologia presso NMBU/Ås . Secondo lei è utile anche il fatto che abbia esperienza anche nel movimento ambientalista, anche come attrice.

È specializzata nell’insegnamento ai bambini dalla prima alla quarta elementare, cioè dai cinque agli 11 anni. Inoltre è anche guida turistica per gruppi privati ​​in occasione di mostre geologiche e delle cosiddette visite guidate per bambini per adulti in vacanza. Se necessario lavora anche come guida museale per famiglie con bambini nei fine settimana e durante le vacanze scolastiche.

-Siamo diventati più professionali

Ostley descrive lo sviluppo della comunicazione scientifica per i bambini come un cambiamento di paradigma nel mondo dei musei.

READ  Autorità norvegese per la protezione dei dati personali con una multa di un milione per una società americana

Non si tratta solo di professionalizzare la comunicazione. Si tratta anche di prendere sul serio i bambini più piccoli.

Il mio obiettivo come guida al Museo di Storia Naturale è creare stupore e fascino nei bambini per la diversità della natura. Sottolinea che dobbiamo affrontare anche temi difficili come il cambiamento climatico e la perdita della diversità naturale.

Crede che questi siano argomenti che interessano anche i bambini piccoli e ai quali sono comunque interessati.

May-Lynn Ostley sottolinea inoltre che l’insegnamento che offre agli scolari dovrebbe essere collegato agli obiettivi curriculari della scuola.

Registrare un gran numero di visitatori

– La posizione di May-Lynn Ostleby è stata creata nell’ambito dell’impegno del museo nei confronti dei bambini e delle famiglie con bambini, afferma la docente universitaria Marianne Goreby. Oltre a guidare il gruppo editoriale del museo, è responsabile dello sviluppo dei piani didattici giovani Nella casa clima.

Mentre May-Lynn Ostley prospera meglio con gli studenti più giovani della scuola, il cuore di Goreby batte un po’ di più per i più piccoli.

Secondo Gorebe, il successo del museo nell’attirare più bambini al museo è una delle ragioni principali del record di visitatori degli ultimi anni.

– Nel 2023 il Museo di storia naturale ha ricevuto 212.717 visitatori. Di questi, bambini e giovani rappresentavano il 48%. Questo numero comprende i bambini dell’asilo, gli scolari e i bambini che vengono con i genitori.

Nel 2023 il Museo di Storia Naturale ha accolto complessivamente 860 gruppi di bambini dalla scuola materna alle superiori.

– Questi sono i gruppi che hanno ricevuto istruzioni. Quasi il doppio dei gruppi vengono da soli, dice Gorebe. Le classi scolastiche e i gruppi della scuola materna entrano gratuitamente In Nei giorni della settimana.

Visualizza ingrandito

Lei ritiene che un’educazione museale di successo per gli scolari abbia tre importanti criteri di successo.

– Gli scolari che vengono qui dovrebbero vivere esperienze uniche e dovrebbero essere attivati ​​e mettere in relazione ciò che imparano con ciò che imparano a scuola.

Oltre al fatto che negli ultimi anni il museo ha ampliato l’offerta di percorsi didattici per scolari e bambini dell’asilo, è aumentata anche l’offerta per le famiglie con bambini nei fine settimana e nelle vacanze scolastiche.

“Ogni sabato e domenica c’è una visita guidata per bambini tra dinosauri, animali meravigliosi, cristalli scintillanti, mostri marini e clima artico”, annuncia il museo sul suo sito.

“Durante le vacanze invernali allestiremo a Climahousset un museo-laboratorio dove i visitatori potranno incontrare ricercatori, tecnici e specialisti del restauro in azione”, aggiunge Gorebi.

La posta in gioco è ampia

Il museo ha un’opportunità unica di raggiungere un vasto pubblico. Stimolando l’interesse per la scienza, la ricerca e la diversità naturale, il museo può dare un contributo a lungo termine al reclutamento nell’istruzione superiore, aggiunge:

– Fornendo una buona visibilità ai bambini e ai giovani, sia attraverso l’asilo nido, la scuola e con la famiglia, creiamo anche buone abitudini di frequentazione dei musei nelle generazioni future.

Maggiori informazioni sui siti web Museo di Storia Naturale:

Programmi didattici per scuole e asili nido Visite guidate per bambini nei fine settimana

Giro del bambino Eventi all’NHM

More articles

Latest article