Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il notevole calo del prezzo del petrolio ha portato ad un calo dell’indice principale della Borsa di Oslo

L’indice principale della borsa di Oslo è sceso di quasi l’uno per cento prima delle 14.00 di lunedì. Il mercato azionario si è ripreso dopo essere sceso dell’1,6% dall’inizio dopo che il prezzo del petrolio è sceso drasticamente.

Anche il petrolio è aumentato leggermente nel corso della giornata e lunedì pomeriggio è stato scambiato a 70,30 dollari al barile, in calo di poco più del 5%. Lunedì, i prezzi del petrolio sono scesi sotto i 70 dollari al barile.

È uno dei punti più bassi dell’ultimo mese, mentre il prezzo del petrolio è sceso di oltre il dieci per cento dalla fine di novembre. Il picco iniziale finora quest’anno è arrivato alla fine di ottobre, quando il prezzo era di 86,12 dollari al barile.

Finora il prezzo del petrolio è aumentato di circa il 40% nel 2021.

– Per quanto riguarda il prezzo del petrolio e del mercato azionario, ci sono stati grandi movimenti ultimamente, e oggi anche i mercati azionari asiatici stanno scendendo molto. Anders Johansen, chief strategist di Danske Bank, afferma che la variabile omikron e come sarà la domanda l’anno prossimo sono la principale fonte di incertezza.

segni di debolezza

Secondo Bloomberg, i prezzi del petrolio stanno mostrando segni di calo. E l’agenzia di stampa ha scritto in un commento che ci sono segnali di debolezza.

Un fenomeno nel mercato petrolifero chiamato “contango” è una situazione in cui il prezzo atteso del petrolio in futuro è superiore al prezzo di consegna del petrolio oggi. Cioè, il prezzo dei futures è superiore al prezzo spot. Al momento in cui scriviamo, il petrolio del Mare del Nord con consegna entro un mese veniva scambiato a circa dieci o più del prezzo spot. Secondo Bloomberg, questo potrebbe indicare che il mercato è affollato.

READ  I poveri di Oslo sono aumentati dall'inizio dopo la drammatica inversione di tendenza di ieri a Wall Street: -

Inoltre, i volumi di scambio inferiori durante le prossime festività saranno anche in grado di amplificare qualsiasi volatilità, afferma il capo stratega Johansen.

Non abbiamo una settimana intera ora, e con il Natale basso, avrai maggiori probabilità di cambiare. Penso che continueremo a vedere volatilità nel periodo in cui ci troviamo ora, e fino a quando non sarà più certo come la variabile omikron influenzerà la domanda.

In concomitanza con il calo del prezzo del petrolio di lunedì mattina, la corona si è deprezzata anche nei confronti dell’euro, della sterlina britannica e del dollaro USA. Un euro è ora 10,2 corone, il cinque percento in più rispetto a due mesi fa.

I tagli dei tassi di interesse in Cina

L’indice Nikkei della borsa di Tokyo è in ribasso di quasi il 2%. È lo stesso sviluppo in altri scambi che è anche ampiamente diminuito.

Anche la banca centrale cinese ha abbassato il tasso sui prestiti chiave a 12 mesi di 0,05 punti percentuali, al 3,8 per cento. Questo è il primo taglio dei tassi da aprile 2020.

Poi arriva il taglio dei tassi di interesse in Cina La scorsa settimana, la Federal Reserve statunitense ha segnalato tre possibili aumenti dei tassi nel prossimo annoAllo stesso tempo è stato accelerato il tanto discusso ridimensionamento degli acquisti di supporto. Il piano ora è completare gli acquisti di supporto a marzo.

– Penso che il mercato stia ancora elaborando il messaggio della Fed la scorsa settimana. La banca centrale ha ricevuto molto più di quanto ci si aspettasse e pochi mesi fa pensava che avrebbe segnalato un aumento dei tassi l’anno prossimo. Sono successe molte cose lì, dice Johansen.

READ  L'Europa potrà presto fare a meno della "madre" - VG

Per quanto riguarda la riunione della Federal Reserve della scorsa settimana, la banca centrale era consapevole che l’aumento dell’inflazione era la ragione di questo annuncio offensivo.

“Le solite cose”

Mentre il 2021 volge al termine, il capo stratega Johansen ha affermato che le solite cose stanno accadendo di nuovo. Evidenzia Cina, inflazione e corona, ma allo stesso tempo si rende conto che l’anno nel suo complesso è stato molto buono.

– ma molto è stato guidato dalle società tecnologiche americane, che rappresentano gran parte delle entrate sia negli Stati Uniti che a livello globale.

Sul lato negativo, indica lo scarso sviluppo nei cosiddetti mercati emergenti, con Johansen che afferma che la Cina è stata la ragione principale dello scarso sviluppo. Indica, tra l’altro, l’inasprimento dello Stato nei confronti delle imprese del settore immobiliare e tecnologico.

Oltre ai tre fattori in comune, Cina, inflazione e corona, pochissime persone immaginavano il massiccio aumento dei prezzi dell’energia a cui abbiamo assistito quest’autunno, soprattutto per il gas, ma anche per l’elettricità. Sta chiaramente soffocando la crescita, afferma Johansen.

Nuove misure e minore domanda

Come è noto, la scoperta di una nuova variante omicronica del coronavirus ha portato a nuove misure qui in patria e all’estero.

In molti luoghi in Europa sono stati imposti blocchi fino alla fine dell’anno, mentre molti paesi hanno imposto restrizioni all’ingresso. Tra l’altro, da oggi la Germania ha vietato l’ingresso ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito.

Quando la pandemia di Corona è apparsa per la prima volta, ha causato un forte calo dei prezzi del petrolio. La chiusura e la mancanza di viaggi hanno determinato una perdita quasi completa della domanda di petrolio e prodotti petroliferi. Dall’aprile 2020, il punto più basso della pandemia, quando i prezzi del petrolio erano inferiori a 20 dollari al barile, il prezzo è aumentato oltre il 220 per cento. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Akva Group unisce una compagnia di spedizioni con un concorrente: un fondo di investimento che sputa 100 milioni.