Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Il peggior governo israeliano di sempre

– Il peggior governo israeliano di sempre

“Il peggior governo mai visto in Israele vuole lasciare che il Paese bruci”, è il titolo del quotidiano israeliano Haaretz Direttore martedì.

-Non posso accettare di più. Il primo ministro Benjamin Netanyahu passerà alla storia come il peggior leader che il popolo ebraico abbia mai conosciuto, dice Gershon Baskin, attivista pacifista israeliano e mediatore di ostaggi, al quotidiano Dagbladet.

Ciò che è allarmante è che l’attivista pacifista israeliano Gershon Baskin ha negoziato il rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit da Gaza nel 2011. Ora sta attaccando con veemenza Benjamin Netanyahu e il suo governo. Foto: privata
Mostra di più

Paura dell'esplosione

La ragione dietro la rabbia di Haaretz e Baskin nei confronti di Netanyahu e del governo è la decisione di imporre rigide restrizioni sul numero di musulmani autorizzati a frequentare e pregare nella moschea di Al-Aqsa durante il mese del Ramadan.

Haaretz ha scritto: “La decisione più pericolosa che questo governo crudele ha preso dall’inizio della guerra”.

Privare i musulmani della preghiera ad Al-Aqsa durante il mese sacro del Ramadan è sbagliato e pericoloso. Inoltre, non è legalmente consentito negare ai cittadini arabi di Israele la pratica della loro religione, dice Baskin e continua:

Inoltre, la Cisgiordania e Gerusalemme Est sono sull’orlo dell’esplosione. La disoccupazione è più alta che mai e dal 7 ottobre a 200.000 palestinesi è stato impedito di lavorare in Israele. Dice che l'Autorità Palestinese non ha soldi per pagare gli stipendi dei suoi dipendenti – medici, insegnanti e polizia – perché Israele trattiene il denaro delle tasse.

Non è la prima volta: Israele impone regolarmente restrizioni su chi e quante persone possono pregare nella moschea di Al-Aqsa, come è successo qui a dicembre.  Ma un divieto molto severo durante il Ramadan potrebbe portare a una completa esplosione della situazione già esplosiva, come temono sia Haaretz che Gershon Baskin.  Foto: AFP/NTB

Non è la prima volta: Israele impone regolarmente restrizioni su chi e quante persone possono pregare nella moschea di Al-Aqsa, come è successo qui a dicembre. Ma un divieto molto severo durante il Ramadan potrebbe portare a una completa esplosione della situazione già esplosiva, come temono sia Haaretz che Gershon Baskin. Foto: AFP/NTB
Mostra di più

– Netanyahu e i fanatici

Sottolinea di non aver ancora menzionato la brutale guerra che Israele sta conducendo contro Hamas a Gaza, che sta suscitando un'enorme rabbia tra i palestinesi di tutto il mondo.

Del resto, la chiusura di Al-Aqsa è la scintilla che può accendere il fuoco. Ma sappiamo tutti che Ben Gvir (ministro della Sicurezza israeliano, journ.anm) e altri fanatici del governo Netanyahu vogliono questa esplosione. Baskin dice che saranno loro i responsabili se ciò accade.

Sottolinea che la maggior parte degli israeliani ha perso completamente la fiducia in Benjamin Netanyahu, l’uomo che governa Israele da decenni.

– Più dell'80% vuole rimuoverlo. È tutta questione di tempo. Baskin afferma di aver perso più del 50% del suo sostegno dall'inizio della guerra.

Tutti attenti

Venerdì, poco dopo le 13, la Corte internazionale dei diritti dell'uomo dell'Aja ha emesso una decisione sulla guerra intrapresa da Israele contro i palestinesi a Gaza.
Mostra di più

Finora il governo Netanyahu ha affermato che 5.000 musulmani potranno pregare ad Al-Aqsa durante il giorno del Ramadan. In una tipica giornata del Ramadan, circa 250.000 musulmani vengono solitamente a pregare nella moschea Al-Aqsa a Gerusalemme est. La Moschea Al-Aqsa è la terza moschea più sacra per i musulmani dopo La Mecca e Medina in Arabia Saudita.

– Tutti i consiglieri del governo – politici, militari, di intelligence e legali – sono contrari alla restrizione e mettono in guardia. È un passo stupido da compiere, dice Baskin.

– Riconoscimento della Palestina

L'attivista pacifista israeliano Baskin – grazie ai suoi numerosi contatti palestinesi e israeliani – è stato il principale negoziatore tra Israele e Hamas quando il soldato israeliano Gilad Shalit è stato rilasciato nel 2011, dopo cinque anni di prigionia a Gaza.

Baskin mantiene contatti quotidiani con i palestinesi a Gaza e in Cisgiordania.

– Sono senza cibo, acqua e molte altre cose, e vogliono un cessate il fuoco e la fine della guerra. Ma la guerra non finirà finché gli ostaggi israeliani rimarranno a Gaza e finché Hamas manterrà il controllo lì, dice Baskin.

Ha il seguente consiglio al governo norvegese: “Riconoscere la Palestina”. Ora”.

– I paesi che non riconoscono la Palestina adesso o nel prossimo futuro (oltre ai 139 paesi che già la riconoscono) finiscono per sostenere Hamas. Baskin afferma che riconoscere la Palestina è il modo più efficace per combattere gli estremisti e coloro che si oppongono alla pace basata su una soluzione a due Stati.

READ  Gavlebuken - Riaccendi il fuoco