Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il primo ministro danese è stato interrogato per il massacro dei visoni

I manifestanti si sono inchinati al primo ministro Mette Frederiksen quando è apparsa in tribunale a Frederiksberg a Copenaghen mercoledì mattina.

Dopo che il Primo Ministro ha lasciato l’auto in cui si trovava, è stata circondata da manifestanti che hanno rotto uno dei fanali posteriori.

La radice mortale ha allarmato molti in Danimarca.

ANGRY: La Danimarca ha circa 1.000 allevatori di visoni. Tutti hanno perso il proprio sostentamento quando il governo ha deciso di uccidere tutti i visoni. Foto: RITZAU SCANPIX

La Commissione visoni ha dedicato un’intera giornata a spiegare cosa è successo nelle settimane precedenti la decisione del governo danese nel novembre 2020 di uccidere tutti i visoni nel paese. Il motivo è la scoperta di una pericolosa mutazione del virus Corona in alcuni animali.

Maas Graf: Le autorità danesi hanno ricevuto assistenza dalla difesa per smaltire le quantità morte di visoni.  Nella foto: Morten Stricker

Maas Graf: Le autorità danesi hanno ricevuto assistenza dalla difesa per smaltire le quantità morte di visoni. Nella foto: Morten Stricker

Guardando indietro, si scopre che il governo non ha l’autorità legale per prendere una decisione.

Influisce sulla credibilità del Primo Ministro

Frederiksen in precedenza aveva affermato di non essere a conoscenza della mancanza di autorità legale per i massacri di massa, e quindi non era sua responsabilità, anche se lei è il capo del governo.

– Questo caso ha creato problemi alla credibilità personale del Primo Ministro, afferma Hans Rieder, redattore politico di TV 2 Danimarca.

Dice che Mitt Frederiksen ha svolto un ruolo importante nel percorso di uccisione dei visoni.

“Il primo ministro voleva il gas visone”.

Quando le è stato chiesto quando ha sentito per la prima volta dell’infezione da visone, Frederiksen ha detto al comitato che le è stato presentato un caso nel giugno 2020. Nello stesso mese, ha approvato una strategia per il monitoraggio dell’infezione da visone.

Durante l’autunno il contagio tra i visoni è aumentato, e il premier afferma che ha destato preoccupazione.

Il comitato fa poi riferimento a una mail inviata dopo la riunione del GFC del 30 settembre 2020. Qui il segretario scrive al capo del ministero delle Finanze che “era chiaro che era molto vicino all’ufficio del PM mandando l’esercito a gas ogni visone stasera.”

Secondo TV 2 Denmark, il primo ministro Mette Frederiksen ha un piccolo sorriso sul viso quando commenta questa e-mail.

– Ho visto questa citazione su qualcosa con “gasato”, dice.

Poi continua dicendo che questo non è qualcosa in cui è stata coinvolta.

Non ho l’immaginazione per immaginare che ci fossero discussioni su specifici metodi di uccisione nell’ufficio del Primo Ministro, dice Frederiksen.

Afferma inoltre che l’uccisione di tutti i visoni nel paese non è più in considerazione.

La decisione verrà presa la sera del 3 novembre.

Impatto della visita: Mette Frederiksen è stata chiaramente comunicata durante una visita a un allevamento di visoni vicino a Kolding alla fine di novembre dello scorso anno.  Foto: Mads Nissen

Impatto della visita: Mette Frederiksen è stata chiaramente comunicata durante una visita a un allevamento di visoni vicino a Kolding alla fine di novembre dello scorso anno. Foto: Mads Nissen

Ha detto che era urgente

Il giorno prima, il Primo Ministro è stato informato che un boom di visoni potrebbe indebolire l’effetto dei vaccini.

Fredriksen dice che ricorda bene cosa è successo:

– Mi sono seduto in solitudine a Marienborg e ho lavorato giorno e notte. C’è stato un attacco terroristico a Vienna, ma poi sono arrivate anche queste violente segnalazioni di visoni, che potrebbero portare a problemi con il vaccino che tutto il mondo stava aspettando, dice il primo ministro.

Una nota di una riunione del giorno successivo mostra che Frederiksen ha affermato che questo dovrebbe essere gradualmente eliminato, poiché potrebbe indebolire i vaccini e che era urgente.

In una riunione ministeriale nel corso della giornata, le note mostrano che Frederiksen ha chiesto di intensificare gli sforzi.

Gli è stato chiesto più volte della necessità

Frederiksen ha negato che prima dell’incontro cruciale nel giorno della decisione, avesse espresso se voleva uccidere o meno tutti i visoni.

“Credo di aver chiesto tre volte, forse anche quattro volte, se si fosse assolutamente certi che fosse necessario prendere una decisione di così ampia portata”, ha detto il Primo Ministro alla commissione.

Dice inoltre che le informazioni che avevano in quel momento le hanno fatto credere che avrebbero dovuto agire rapidamente.

Doveva andare: Mogens Jensen ha dovuto dimettersi da ministro dell'alimentazione a causa dello scandalo dei visoni.  Foto: Untv

Doveva andare: Mogens Jensen ha dovuto dimettersi da ministro dell’alimentazione a causa dello scandalo dei visoni. Foto: Untv

Frederiksen sottolinea che è stato detto loro che il controllo dell’epidemia potrebbe peggiorare drasticamente, che le infezioni sono in aumento e che non c’è nemmeno una spiegazione sul perché le infezioni da visoni vengano trasmesse da un allevamento all’altro.

– Inoltre, c’è il rischio che la comunità internazionale creda che la Danimarca non stia gestendo adeguatamente la situazione, afferma.

Supponiamo che fosse un’autorità legale

Sei minuti prima della riunione decisiva, vengono ricevuti nuovi documenti relativi all’autorità giudiziaria. Ma questo non ha letto. Il motivo, dice Frederiksen, è la pressione del tempo.

Il primo ministro ha anche detto al comitato che avrebbero dovuto avere autorità legale.

Perché non hai chiesto una pausa per la lettura? Non c’erano molte pagine, forse potresti leggerlo in cinque minuti?

– La mia chiara convinzione era che dovevamo rispondere. Frederiksen risponde che la nostra grande preoccupazione era quella di essere accusati di sederci su conoscenze a cui era interessata l’intera comunità internazionale.

Alla domanda se non avessero la responsabilità di leggere il materiale, il primo ministro ha affermato che era perfettamente legittimo deviare dalle normali procedure quando si deve agire rapidamente.

Politicamente debole

La polizia è anche venuta a conoscenza di ciò che è accaduto durante questo periodo e ha sequestrato telefoni e iPad dall’ufficio del primo ministro.

Ma sia Frederiksen che quattro dipendenti stretti durante questo periodo avevano un lavoro che elimina tutti gli SMS dopo 30 giorni.

Il servizio di intelligence sta lavorando per ricreare messaggi SMS cancellati di politici, dopo che i tecnici di polizia non sono riusciti a farlo.

Scavato e scavato: gli animali morti venivano prima scavati nel terreno.  Successivamente furono dissotterrati per essere cremati.  Nella foto: Morten Stricker

Scavato e scavato: gli animali morti venivano prima scavati nel terreno. Successivamente furono dissotterrati per essere cremati. Nella foto: Morten Stricker

Il caos di Mink ha indebolito politicamente il primo ministro, secondo l’analista politico di Jyllands-Posten Nils Th. Dah.

A meno di un anno e mezzo dalle prossime elezioni parlamentari e dall’affare degli SMS cancellati, è difficile per Mitt Frederiksen costruire una nuova piattaforma per andare alle urne, pensa.

READ  Attacchi mortali di droni, sabotaggi e rapimenti. Questa è la guerra ombra tra Iran e Israele in mare.