Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il rilascio del figlio del dittatore: cosa è successo al resto del clan Gheddafi? – NRK Urix – Notizie di documentari stranieri

L’ex dittatore libico Muammar Gheddafi è stato ucciso durante la rivolta sostenuta dalla NATO nel 2011, ma diversi membri della sua famiglia sono sopravvissuti.

Uno dei figli di Gheddafi, al-Saadi, 47 anni, è stato rilasciato domenica dalla prigione di Tripoli.

Una fonte del ministero della Giustizia libico ha confermato all’Agence France-Presse che Al-Saadi Muammar Gheddafi è stato scarcerato e ha fatto riferimento a una decisione giudiziaria emessa tre anni fa.

Il governo di coalizione che ora governa il paese ha dichiarato in una dichiarazione che spera che il rilascio contribuisca alla riconciliazione nel paese.

La Libia è stata tormentata dal caos e dal conflitto dalla caduta di Muammar Gheddafi.

Anche l’ex capo dell’intelligence e primo ministro di Gheddafi, Ahmed Ramadan, è stato rilasciato, insieme a Saadi Gheddafi. Ramadan è stato soprannominato “The Black Box” perché era famoso per custodire i segreti del dittatore.

Una foto di Saadi Gheddafi durante un’udienza in un tribunale di Tripoli il 7 febbraio 2016. Questo fine settimana è stato scarcerato.

Foto: Ismail Zitouni/Reuters

Deve essere andato in Turchia

Dopo il suo rilascio, Saadi Gheddafi era libero di rimanere in Libia, ma diversi media hanno riferito che ha scelto di andare in Turchia.

Tuttavia, secondo l’AFP, il ministero degli Esteri turco non ha informazioni sul loro arrivo a Istanbul.

Saadi Gheddafi è fuggito attraverso il deserto in Niger dopo che il regime è stato rovesciato. Nel 2014 è stato deportato dal Niger e imprigionato a Tripoli.

L’ex calciatore è stato accusato di aver commesso crimini contro i manifestanti durante la rivolta del 2011 e l’omicidio dell’allenatore di calcio libico Bashir al-Riyani, noto oppositore del regime.

Alla fine, Saadi Gheddafi, il capitano della nazionale libica, che possedeva uno dei più grandi club del Paese e guidava la federazione calcistica del Paese, è stato assolto dall’omicidio dell’allenatore.

Saadi era noto per vivere con un giocatore quando suo padre era un dittatore e a volte parlava più di feste e uso di alcol e droghe che di terapia con la palla.

La sua carriera da calciatore professionista in Serie A è stata limitata a un anno e 15 minuti in campo a partita.

Foto di Saif al-Islam Gheddafi il 19 novembre 2011, poco dopo il suo arresto.

Saif al-Islam Gheddafi è stato catturato nel novembre 2011, questa foto è stata scattata poco dopo.

Foto: AP

Ritorno politico?

Il fratello di Saadi, Saif al-Islam, è stato arrestato in Libia nel novembre 2011.

Nel 2015 è stato condannato a morte per crimini commessi durante la rivolta. Ma nel 2017 il gruppo che lo ha arrestato ha annunciato che sarebbe stato rilasciato.

È ancora ricercato per crimini contro l’umanità dalla Corte penale internazionale.

Nel luglio di quest’anno, è apparso di fronte al pubblico.

poi ha detto New York Times Progettava un ritorno politico e non escludeva la candidatura alle elezioni presidenziali previste per il prossimo dicembre.

Ha indicato che non era più un prigioniero.

– Ha detto al giornale che gli uomini che erano le mie guardie ora sono miei amici.

Il desiderio di restaurare la Libia, che dal 2011 è caratterizzata da caos e disordini politici.

Con il sostegno di diversi paesi, un certo numero di milizie ha combattuto a lungo per il potere.

Un cessate il fuoco nel 2020 ha posto fine alla guerra e ha aperto la strada ai colloqui di pace, alla formazione di un governo di transizione nel marzo di quest’anno e alle elezioni previste per dicembre.

Saif al-Islam Gheddafi

Saif al-Islam Gheddafi era uno dei membri più potenti e importanti della famiglia Gheddafi e viveva in parte a Londra. È stato a lungo visto come la persona che potrebbe succedere a suo padre come sovrano della Libia. Ora annuncia “ritorno”.

Foto: Scanpix/Reuters

Goditi i soldi e le donne

Saif al-Islam, come Saadi, era famoso per il suo stile di vita occidentale e le grandi spese.

Era un amico personale del principe Andrea d’Inghilterra ed è stato più volte ospite a Buckingham Palace. Possedeva una villa nel centro di Londra e preferiva indossare abiti britannici su misura.

Seif al-Islam è stato anche associato a un certo numero di donne, tra cui una star della soap opera israeliana, che non ha soddisfatto i conservatori in patria.

Un ribelle controlla l'aereo Africa One di Muammar Ghadif nell'agosto 2011.

La famiglia Gheddafi non era estranea al lusso. Avevano aerei privati, auto di lusso e yacht di lusso. Qui un ribelle processa una famiglia su un jet privato dopo la caduta del regime.

Foto: Patrick Baz/AFP

Negli ultimi anni, il volto del regime di Gheddafi è stato un outsider e ha guidato i negoziati del Paese con il mondo esterno. In patria si batté per la modernizzazione, le riforme e la normalizzazione dei rapporti con l’Occidente, che lo spinsero in rotta di collisione con due fratelli e una parte tradizionale dell’ordine.

Più volte si diceva che il figlio che aveva studiato architettura avesse perso il favore del padre, ma finiva sempre per tornare al caldo.

Alla fine, Saif al-Islam fu visto come un potenziale successore e finì per essere il principale difensore di suo padre.

Ora vuole giocare un ruolo in Libia oggi, 10 anni dopo la caduta di suo padre.

    Al-Saadi Gheddafi e Annibale Gheddafi (a destra) settembre 2011.

Al-Saadi e Annibale Gheddafi guardano un fratello guidare una parata militare a Tripoli nel 2011.

Foto: Abdel Magid Al-fergany / AP

Tre figli sono stati uccisi, altri in esilio

Durante le rivolte nel 2011, tre degli altri figli di Muammar Gheddafi sono stati uccisi.

Mutassim Gheddafi era un colonnello dell’esercito libico e consigliere per la sicurezza del Paese. È stato ucciso nella città natale di suo padre, Sirte, il 20 ottobre 2011, lo stesso giorno di suo padre.

Saif al-Arab morì durante un attacco aereo della NATO lo stesso anno, mentre Khamis morì durante i combattimenti quattro mesi dopo.

Khamis e al-Mutassim avevano ciascuno le proprie forze all’interno della difesa libica, probabilmente pagate dalla Libyan Oil Company.

Il resto della famiglia, compresa la moglie di Gheddafi Safiya, sua figlia Aisha, suo figlio Annibale e il figlio maggiore Maometto sono sopravvissuti al primo matrimonio del dittatore.

Aisha Gheddafi durante una manifestazione a sostegno del governo di suo padre a Tripoli nell'aprile 2011.

Aisha Gheddafi durante una manifestazione a sostegno del governo di suo padre a Tripoli nell’aprile 2011. Ci sono poche sue foto pubblicamente disponibili negli ultimi anni.

Foto: Louafi Larbi / Reuters

Secondo l’Agence France-Presse, la maggior parte di loro vive ancora in esilio con le proprie famiglie.

Durante la rivolta dell’agosto 2011, la famiglia è fuggita nella vicina Algeria, che ha rifiutato di estradarli in patria.

In seguito fu loro permesso di rimanere in Oman a condizione che non si impegnassero in alcuna attività politica.

Aisha, un avvocato esperto ed ex ambasciatore di buona volontà delle Nazioni Unite, faceva parte della squadra di difesa internazionale di Saddam Hussein dopo che il presidente iracheno fu rovesciato nell’invasione guidata dagli Stati Uniti del 2003.

Nei suoi anni più giovani, Aisha Gheddafi è stata soprannominata Claudia Schiffer in Medio Oriente a causa della sua evidente somiglianza con il modello tedesco. Ha sostenuto gli sforzi di suo fratello Saif per modernizzare e ha cercato di far avanzare il paese a livello internazionale e ha partecipato a negoziati a livello internazionale.

È stata privata del suo ruolo di ambasciatrice di buona volontà nel 2011 e ha mantenuto un basso profilo dalla caduta del regime.

Prima del viaggio, Muhammed Gheddafi aveva grandi partecipazioni in alcune delle più grandi società libiche.

Muammar Gheddafi indossa un'uniforme militare mentre guarda una parata militare a Tripoli nel 2009.

L’ex dittatore libico Muammar Gheddafi indossa un’uniforme militare mentre guarda una parata militare a Tripoli nel 2009.

Foto: Ben Curtis/AP

rissa con la svizzera

Annibale Gheddafi e sua moglie, la modella libanese Aline Skaff, sono diventati noti al mondo esterno dopo un litigio diplomatico con la Svizzera nel 2008. La coppia è stata arrestata in un hotel di lusso a Ginevra, con l’accusa di aver abusato di una collaboratrice domestica.

Annibale Gheddafi, Tripoli, giugno 2010.

Annibale Gheddafi sarà imprigionato in Libano.

Foto: Ismail Zitouni/Reuters

Il caso è stato archiviato, ma i rapporti della famiglia con la Svizzera sono rimasti tesi.

Tre anni dopo, le forze ribelli trovano una tata bruciata in una stanza in una lussuosa villa a Tripoli, dopo che Annibale e sua moglie sono fuggiti. Si dice che le sia stata gettata addosso dell’acqua bollente quando non è riuscita a far smettere di piangere i bambini.

Annibale, come molti membri della famiglia, si rifugiò in Algeria dopo la rivolta, prima di tentare di rientrare di nascosto per incontrare sua moglie.

Le autorità libanesi lo hanno arrestato e accusato nel 2015 di nascondere informazioni sul musulmano sciita Musa al-Sadr, scomparso nel 1978 durante una visita in Libia.

Il sito web ha affermato che è ancora detenuto a Beirut, mentre sua moglie e i suoi figli vivono a Damasco, in Siria Monitor del Medio Oriente.

La collaboratrice domestica etiope Shwegha Mulla, che è stata abusata da Annibale Gheddafi e sua moglie Aline Skaf in un ospedale di Tripoli nel 2011.

La collaboratrice domestica etiope Shwega Mulla, abusata da Annibale Gheddafi e da sua moglie Aline Skaf, è stata portata in un ospedale di Tripoli dalle forze ribelli.

Foto: Patrick Baz/AFP

All’inizio di quest’anno, è stata processata per guida in stato di ebbrezza. Si dice che abbia respinto due poliziotti e tre pedoni sul marciapiede dopo che la polizia ha cercato di arrestarla. Ha anche minacciato di guidare di più se non l’avessero lasciata andare. Le guardie del corpo che l’hanno seguita hanno attaccato la polizia.

Tuttavia, un funzionario siriano convocato ha ordinato alla polizia locale di lasciarla guidare. Questo incidente ha suscitato indignazione sia in Siria che in Libia.

Oltre al gruppo di otto fratelli biologici, c’erano due fratelli adottivi; Nipote di Milad, adottato da Gheddafi e Hanna. La morte di Hanna fu annunciata per la prima volta durante l’attentato dinamitardo americano del 1986 alla villa del dittatore, ma 20 anni dopo si scoprì che era viva e si era formata come medico.

Non si sa dove siano oggi.

READ  Penso che l'India si stia avvicinando al picco di incidenza - VG