Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il Sinn Fein vince le elezioni in Irlanda del Nord: la Gran Bretagna si disintegrerà? – NRK Urix – Notizie di documentari esteri

Le elezioni amministrative di giovedì ci dicono molto sugli ultimi sviluppi nell’Unione europea. Mentre il partito al governo britannico è quasi crollato in alcune parti della Gran Bretagna dopo lo scandalo con il “Party Gate”, crescono i partiti che vogliono lasciare l’Unione britannica.

Se guardiamo avanti una generazione, la Scozia è indipendente e l’Irlanda del Nord è irlandese. Inghilterra e Galles sono lasciati soli, afferma Eric Musted, professore associato all’Università di Agder.

Qui diamo uno sguardo più da vicino ai risultati elettorali e al loro significato per ciascuno dei quattro paesi:

Irlanda del Nord

Michelle O’Neill e Sinn Fein sono i maggiori vincitori delle elezioni storiche dell’Irlanda del Nord.

Foto: Paul Feith/AFP

Per la prima volta, il partito che vuole un’Irlanda unita è il più grande nell’Assemblea dell’Irlanda del Nord. È una svolta storica nella politica dell’Irlanda del Nord.

Quando fu creata l’Irlanda del Nord, aveva lo scopo di proteggere i protestanti nella parte nord-orientale dell’Irlanda. A quel tempo, erano in maggioranza amichevoli con la Gran Bretagna qui.

Ma dopo 101 anni, i dati demografici si sono invertiti. Si stima che i cattolici siano i più numerosi quando le persone vengono contate più avanti nell’anno.

Non tutti i cattolici sono cosiddetti nazionalisti, cioè i sostenitori dell’Irlanda del Nord che lasciano l’Unione britannica e si ricongiungono all’Irlanda.

Ma il vincitore delle elezioni, Sinn Fein, ha sempre lottato per un’Irlanda unita, e i preparativi per il referendum inizieranno subito dopo queste elezioni. Ciò è stato confermato dal partito NRK a Belfast questa settimana.

Oggi segna un importante momento di cambiamento. Questo sta cambiando la nostra politica e il nostro popolo, ha affermato Michelle O’Neill, leader del partito in Irlanda del Nord, dopo che la vittoria elettorale di sabato è diventata realtà.

Ma vale anche la pena notare che il partito dell’Alleanza ha fatto una buona scelta. Questa è una parte neutrale sulla questione se l’Irlanda del Nord debba essere britannica o irlandese.

I sondaggi d’opinione mostrano che la maggior parte della popolazione nordirlandese non si identifica come nazionalista o unionista, cioè sostenitrice della British Union. Una nuova generazione di nordisti, nata dopo la fine della Guerra Civile, indica una nuova direzione per la regione in queste elezioni.

Scozia

Elezioni del governo locale per il consiglio comunale di Glasgow

Nicola Sturgeon (R) guida l’SNP, consolidando la sua posizione di leadership nella politica scozzese.

Foto: Russell Cheney/Reuters

Lo Scottish National Party (SNP) è stato a lungo il più grande partito in Scozia. Nelle elezioni locali di questa settimana, il partito si rafforza. Il leader del partito e primo ministro Nicola Sturgeon ha tutte le ragioni per essere felice.

Come suggerisce il nome del partito, lo Scottish National Party è un partito che vuole separarsi dalla Gran Bretagna. Ma non tutti gli elettori lo vogliono. Il referendum sull’indipendenza scozzese nel 2014.

Il partito era il più grande all’epoca, ma perse il referendum.

Sabato, Sturgeon ha detto a PA Media che il Regno Unito ora deve porsi le principali domande di base:

Sono mostrati qui in Scozia, sono mostrati in Irlanda del Nord e sono mostrati in Galles. Penso che nei prossimi anni vedremo cambiamenti fondamentali nel modo in cui sarà governata la Gran Bretagna. Sono sicuro che uno di questi cambiamenti è l’indipendenza della Scozia.

Lo Scottish National Party è al secondo posto alle elezioni locali, con 12 punti percentuali di vantaggio sul Labour Party. Il Partito conservatore scozzese sta prendendo una decisione miserabile, incolpando il suo compagno di partito, il primo ministro Boris Johnson e “Partygate”.

Il leader del partito Douglas Ross è tra i parlamentari di Westminster che inizialmente avevano chiesto le dimissioni di Johnson, ma hanno ritirato la richiesta quando la Russia ha invaso l’Ucraina. La domanda ora è se lui stesso debba dimettersi a causa del misero risultato elettorale.

Galles

Galles

“The Party of Wales” è il soprannome del Blade Cymru Party, che ha quadruplicato il numero di consigli municipali che possiede ora dopo le elezioni locali.

Foto: Gry Blekastad Almås/NRK

Il Galles ha anche un partito che vuole l’indipendenza. Blade Cemrow aveva il controllo di un solo comune prima delle elezioni di giovedì. Dopodiché, il numero è quadruplicato.

Il partito conservatore ha perso il suo unico comune in Galles. Mentre il Partito Laburista era e rimane il partito più grande.

Il movimento per l’indipendenza in Galles non era forte come gli scozzesi. Ma ora le cose stanno iniziando ad accadere, afferma Eric Mustafa, assistente universitario all’Università di Agder.

Crede che il nazionalismo in Galles ruoti attorno a una generazione rimasta in Scozia. Tuttavia, si ritiene che sia improbabile che il Galles diventi indipendente. Il paese dipende molto dall’Inghilterra.

Inghilterra

La politica britannica

Il mal di testa del primo ministro Boris Johnson. Le elezioni locali hanno confermato che il suo partito conservatore al governo è stato gravemente indebolito dopo il “partito di strada”.

Foto: Daniel Leal/AP

Il Partito conservatore ha perso più di 500 seggi nei comuni che ora hanno tenuto le elezioni. Il sistema elettorale significa che circa la metà dei comuni inglesi non ha preso parte alle elezioni locali di giovedì.

La perdita peggiore è stata a Londra, dove il partito ha perso il controllo di tre distretti. Per la prima volta nella storia, Westminster non è conservatrice. Wandsworth era il quartiere preferito di Margaret Thatcher ed è stato un conservatore per 44 anni. Ma non più. Il lavoro ha vinto anche nell’area bambini.

I conservatori hanno vinto Barrow, controllando solo cinque dei 32 distretti di Londra.

Andò male anche nelle aree tradizionalmente conservatrici del sud. Qui il partito ha perso in modo significativo contro i liberaldemocratici, che sono stati i maggiori vincitori delle elezioni.

Tuttavia, il calo non è stato così significativo per il Partito conservatore che le richieste di dimissioni di Boris Johnson sono state rafforzate. Sembra che sia sopravvissuto anche a questo.

Il più grande partito di opposizione, il Labour, ha fatto progressi moderati alle elezioni locali, ma non è riuscito a vincere molto nel nord. Il leader del partito Keir Starmer aveva bisogno di questo per convincerlo che avrebbe potuto guidare il partito alla vittoria nelle imminenti elezioni parlamentari.

Oltre all’incapacità dei laburisti di trarre vantaggio dal fatto che il Partito conservatore è in crisi dopo il suo “cancello del partito”, ieri è diventato chiaro che il leader del partito Keir Starmer sarebbe stato indagato dalla polizia.

Un uomo che ha ripetutamente chiesto le dimissioni del primo ministro per aver violato le regole di Corona, ora rischia di essere multato. Non ha un bell’aspetto e la discussione sulla sua sostituzione è in corso.

Il nazionalismo in Inghilterra non è più visibile nel panorama politico che in altri paesi britannici. L’Inghilterra è di gran lunga il più grande dei quattro paesi con una popolazione di 56 su una popolazione totale della Gran Bretagna di 67 milioni.

Eric Musted dice che quando le persone sono oppresse, emerge il nazionalismo.

Ma l’Inghilterra rischia di perdere metà del sindacato. Questa tendenza è stata confermata dalle elezioni locali di questa settimana.

READ  Guerra: - La "zona proibita" dell'Europa potrebbe essere la prossima