Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il travaglio è in una posizione laterale stabile. Ciò non significa che ci sia pace e tranquillità nel partito – Dagsavisen

Quasi tutte le promesse del Piano di 100 giorni sono state mantenute entro la scadenza. La crisi energetica è stata soddisfatta con un pacchetto personalizzato. I rubinetti della birra si riaprirono e diverse iscrizioni furono annunciate nelle misure di Corona. Sostegno salariale e ferie per i licenziamenti. Nella politica della vita pratica, le misure vengono introdotte a un ritmo rapido.

Per il Partito laburista, però, le cose stanno peggiorando: a parte i sondaggi d’opinione. C’è un pendio molto ripido. su scala moderna Il volume di lavoro è solo il doppio di quello rosso. Il Center Party è diventato il nuovo campione norvegese di tuffi. Questo è un inizio storicamente negativo per un nuovo governo.

Per il presidente del Consiglio e leader di partito, la vita politica quotidiana è caratterizzata da un’enorme tensione. A un estremo ci sono le grandi questioni globali di guerra e pace, il futuro del pianeta, la crescita economica globale e il collasso e il gioco del potere internazionale.

Lì Jonas Gahr Støre eccelle. Questa settimana è stato a New York e ha presieduto il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. lui intervistato Di Christiane Amanpour, giornalista della Cnn sulla situazione in Ucraina. E soprattutto: ha avuto un incontro spontaneo con Joe Biden alla Casa Bianca. Se il Partito Laburista avesse promesso nel suo Piano dei cento giorni che Storre si sarebbe seduto con il Presidente degli Stati Uniti davanti al caminetto nello Studio Ovale entro la fine di gennaio, sarebbe stato licenziato per una buona ragione. Ma questo è già successo.

All’altro capo troviamo le piccole questioni interne. decisioni di boicottaggio, ad es. Per quanto strano possa sembrare, l’Ucraina non è necessariamente più importante del Golfo. La disputa sui confini delle contee nella Norvegia orientale potrebbe significare più per il futuro dell’APS che un conflitto armato di confine sul suolo europeo. La vaga indifferenza suggerisce che Jonas Gahr Stoer non lo capisca del tutto. Probabilmente non gli importa molto di questo.

Una cosa sta emergendo come un obiettivo sempre più chiaro. Tonje Brenna entrerà a far parte della leadership del Partito Laburista

Le manovre ad Akershus divennero ancora più impressionanti. Il ministro dell’Istruzione Tonji Brenna e il ministro degli Esteri Anneken Heitfeldt si sono opposti al loro governo, al loro partito, a un certo numero di gruppi locali e alla maggior parte dei comuni di Akershus, opponendosi al grande scioglimento del boicottaggio. Anche il loro alleato, il ministro degli Esteri Halvard Ingbrigtsen, si è opposto alla squadra locale che guida lui stesso, il Lørenskog Ap. Tutti i rappresentanti dei consigli comunali APS a Lorenskog hanno votato a favore della soluzione. Tuttavia, Ingebrigtsen ha partecipato alla decisione unanime del consiglio di amministrazione dell’Akershus Ap di mantenere Viken. Non è così che appare il rispetto per la base e la democrazia locale.

READ  Presidente bielorusso sorpreso dal ritardo della guerra - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Ciò che accade in Viken non rimane in Viken. Se il thriller si concluderà con un grande boicottaggio al Meeting of Destiny di sabato entro una settimana, l’equilibrio di potere nel Partito Laburista potrebbe essere seriamente disturbato. L’amministrazione di Akershus Ap ha alleanze con molte altre grandi contee: il ministro del petrolio e dell’energia Marte Mjøs Persen nel Vestland, il rappresentante di Storting Cecilie Myrseth a Troms e il membro del consiglio centrale Tore O. Sandvik a Trøndelag sono attori chiave. La maggior parte delle province sono innumerevoli zanzare rispetto a questo potente mastodonte, che è in gran parte basato sulla vecchia rete del vice Trond Geske uscente.

Una cosa sta emergendo come un obiettivo sempre più chiaro. Tonje Brenna entrerà a far parte della leadership del Partito Laburista. Forse al prossimo incontro nazionale, nella primavera del 2023. Da lì, potrebbe crescere ancora e diventare l’attuale erede dopo Støre. Le speculazioni su questo si stanno avvicinando sempre di più.

Ma chi uscirà?

“Ora penso che stia iniziando ad andare così male che devi bussare al tavolo e metterlo a posto. Tira fuori i tagiki. Dannazione, sono malato. La battuta è dal meraviglioso documentario “Power Reigns” sulla caduta di Trondjesek, che sarà proiettato nei cinema A marzo un locale sostenitore del partito laburista Hommelvik a Trøndelag ha lanciato un messaggio chiaro a Giske. Questo non è un caso unico e casuale. Nell’inverno del 2019 sono stati fatti tentativi concreti per mettere sotto accusa la signora Hadia Tagiki, nell’ambito dei preparativi del Comitato per le nomine per l’incontro nazionale della primavera di quell’anno, ma non ci sono ancora riusciti.

Non vi è alcuna indicazione che i tagiki saranno utilizzati come boa circolare.

Quando il caso di Jeske era al culmine, ha pensato di farsi coinvolgere nella politica, L’ho detto di recente a Dagsavisen. Ma sono passati quattro anni. Ora, la maggior parte delle prove suggerisce che chiunque pensi che sarebbe facile rimuovere un tagiko lo sta sottovalutando del tutto. Non ci sono indicazioni che verrà utilizzata come boa circolare. “Per un po’ ho pensato che stavo visitando la politica norvegese e le posizioni di fiducia sono qualcosa da cui puoi prendere in prestito. (…) Ora voglio essere in politica per molto tempo”, ha detto nella stessa intervista, che è stata pubblicata a Capodanno. Difficilmente si può dire più chiaramente.

READ  Da solo in autostrada, un tassista ha fotografato Depanhe Escobar, 18 anni. Due settimane dopo, è stata trovata uccisa nelle vicinanze.

In precedenza, si ipotizzava che Tonje Brenna potesse diventare segretario del partito stringendo un accordo di baratto con Kjersti Stenseng, che era stata per molto tempo un suo importante sostenitore. Vale anche la pena notare che in nessun momento Stenseng ha tentato di impedire a P. Akershus di violare la politica del partito nell’affare Viken. esattamente il contrario.

La terza possibilità è che Bjornar Skiran ceda. Ha assunto la carica di vice leader quando Trond esk si è dimesso e, come ministro della pesca e degli affari marittimi, non gli è stata assegnata una posizione centrale nel governo, nonostante la sua presenza nella leadership del partito.

Una cosa è certa: il grande weekend di Viken sabato prossimo non è l’inizio della fine. Non è nemmeno la fine dell’inizio. È la continuazione di una lunga, difficile ed emozionante battaglia su quale tipo di partito sarà il Labour fino al 2030 e chi lo guiderà.

Tieniti informato. Ricevi una newsletter giornaliera da Dagsavisen