Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il video che ha sollevato la questione della mafia di tutti i tempi

Dopo che Cosa Nostra in Sicilia e la mafia camorra a Napoli furono parzialmente indebolite da intense indagini e arresti a partire dagli anni ’70 e ’80, la mafia ndrangheta in Calabria – in punta di piedi – si è rafforzata ed è ora l’organizzazione mafiosa più ricca e potente in Italia.

Il fatturato è di 50 miliardi di euro

Si ritiene che la Ndrangheta controlli le importazioni di cocaina in Europa ed è il principale partner dei cartelli della droga colombiano e messicano nel continente europeo. Hanno filiali in tutta Italia, nella maggior parte dei paesi europei, negli Stati Uniti e in America Latina.

Il suo fatturato annuo è stimato in almeno 50 miliardi di euro e si stima che circa 60.000 persone lavorino nella rete in tutto il mondo.

Gli avvocati lasciano la tanto discussa “Bunker Room” dopo la giornata inaugurale del processo “Rinascita-Scott”. Foto: Gianluca Cheninia / AFP / SCANPEX

Un gigantesco seminterrato privato

Ora è questo ramo della mafia che i pm italiani stanno cercando di colpire in un gigantesco processo che si svolgerà in un bunker su misura su un’area di oltre 3.000 metri quadrati a Lamezia Terme in Calabria – in mezzo a una pandemia – con tutte le regole di sicurezza che devono seguire.

Nel dicembre 2019, 2.500 agenti di polizia hanno partecipato al più grande arresto di massa di membri della mafia dagli anni ’80. Più di 300 sono stati arrestati e ora sono tra quelli sotto processo. Gli arresti sono avvenuti anche in Svizzera, Germania e Bulgaria.

Un poliziotto è in servizio in una sala privata per la gente comune accanto al bunker principale.

Un poliziotto è in servizio in una sala privata per la gente comune accanto al bunker principale. Foto: Gianluca Cheninia / AFP / NTB SCANPEX

Autobombe

L’ultima volta che un grande processo simile alla mafia si è svolto in Italia è stato alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, quando 338 membri della mafia di Cosa Nostra sono stati condannati in Sicilia a Palermo. I giudici all’epoca che guidavano il processo – Giovanni Falcon e Paolo Borsellino – furono brutalmente assassinati dalla mafia nel 1992 con l’aiuto di autobombe.

È considerato il capitolo più oscuro dell’azione antimafia in Italia. Poi molti cittadini hanno perso la fiducia che lo Stato e la magistratura sarebbero stati in grado di vincere la battaglia contro la criminalità organizzata in Italia.

Per evitare che qualcosa di simile accada questa volta, le disposizioni di sicurezza per il processo e persone chiave come giudici, testimoni, agenti di polizia e avvocati sono enormi. Il procuratore Nicolas Graateri, che guida il processo, vive sotto la protezione della polizia e lo fa da 30 anni. Al processo dovrebbero partecipare 900 testimoni, tra cui più di 50 ex mafiosi che hanno rotto il silenzio di Omerta.

“Zio”, “Lupo” e “Paffuto”

Uccisioni volontarie, estorsioni, traffico internazionale di droga, rapimenti, traffico di esseri umani, traffico di armi, violenza estrema e minacce sono solo alcune delle accuse contro noti criminali chiamati con titoli come “Zio”, “Lupo”, “Grasso”, ” Capelli chiari “e capra.

Oltre ai mafiosi puri, ci sono alcuni membri della società civile in panchina. Questi sono coinvolti nella rete criminale a vari livelli: uomini d’affari, medici, contabili, avvocati, ingegneri, non ultimi i servi infedeli dell’amministrazione politica che si sono lasciati corrompere. Uno degli imputati è un ex parlamentare di Forza Italia – partito di Berlusconi – l’avvocato Giancarlo Bitelli.

L’accusa vuole fare luce su tutti gli aspetti dell’attività della ndrangheta. Oltre al traffico di droga, la rete si è infiltrata in varie parti dell’economia e della società: vendita al dettaglio, edilizia, turismo, ristoranti e vita notturna. Si ritiene che controllino il funzionamento di almeno 50 ristoranti nella sola Germania. Inquinano e corrompono le amministrazioni locali e l’economia privata attraverso i loro contatti con la politica e le istituzioni – e sono in gare d’appalto pubbliche per progetti costosi, nelle energie rinnovabili e nell ‘”industria” dei rifugiati per citarne alcuni.

L’organizzazione assomiglia a un impero commerciale internazionale con criminali colletti bianchi fidati e intermediari finanziari affiliati in tutto il mondo.

Schermo che mostra diversi imputati tra gli oltre 300 imputati durante la giornata di apertura del processo).

Schermata che mostra molti degli oltre 300 imputati durante la giornata di apertura del processo).

La Calabria è una regione che ha perso la fiducia nelle forze dell’ordine, nella magistratura e nella politica – quindi è estremamente importante che il processo si svolga qui – per dimostrare che lo Stato e la magistratura esistono, che siamo pronti a combattere con tutti i mezzi ea utilizzare enormi risorse per realizzare questo progetto, proprio nella regione in cui la Ndrangheta gestisce la sua rete criminale, come afferma il procuratore e membro della magistratura Nicolas Grateri per L’Espresso.

Prende il nome dall’agente americano

Il processo è stato intitolato “Rinascita Scott” – “La nuova nascita di Scott” – in onore dell’agente di polizia statunitense Seben William Scott, assassinato nel 2013 dopo aver partecipato a un’indagine durata anni sul traffico di droga tra Stati Uniti e Italia. Ciò conferma l’aspetto internazionale delle indagini e del processo.

La maggior parte degli accusati appartiene al clan Mancuso, che domina la regione Calabria – noto per aver ucciso molti dei suoi familiari quando hanno cercato di collaborare con la polizia e le forze dell’ordine.

È stato costretto a uccidere suo cugino

Un membro della famiglia Mancuso che ora ha testimoniato ha detto di essere stato costretto ad uccidere suo cugino. È stato anche rivelato che l’imprenditrice Maria Chindamo, che ha rifiutato di collaborare con la mafia ed è scomparsa nel 2016, è stata uccisa e nutrita con maiali.

Al processo parteciperà anche Nicolas Moura, capo della commissione parlamentare antimafia. Dice che questa è un’esperienza storica che mostra che lo stato italiano sta operando in ritardo e presto per combattere la mafia, e nel mezzo di una pandemia e in una crisi economica, sta usando enormi risorse per condurre un esperimento senza precedenti ovunque. Nel mondo.

La criminalità organizzata è un problema globale, ma va combattuta a livello locale e distrutta dalle sue radici, dice all’emittente di stato RAI.

Più di 20.000 registrazioni audio saranno presentate come prove, 900 testimoni saranno ascoltati e fino a 600 avvocati parteciperanno alla transazione giudiziaria. Il processo dovrebbe durare almeno due anni.

Risorse: L`espresso, Ansa, Demoskopika, Calabria courier, La Repubblica.

READ  Amazon acquista MGM per circa 70 miliardi di NOK - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri