Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

In che modo gli interni modellano i nostri ricordi di Natale?

scienza popolare:

Sincronizzazione: ciò che ci circonda rafforza la nostra memoria e il senso di appartenenza. Quando celebriamo il Natale, questo diventa particolarmente evidente.

Ne accese uno nuovo. Poi si sedette sotto l’albero di Natale più bello. Era più grande e più ornato di quello che aveva visto attraverso la porta a vetri del ricco mercante, ora lo scorso luglio; Tese le mani in aria – poi il tappo di zolfo si è spento».

La fiaba “La bambina con i bastoncini di zolfo” di H.C. Andersen si svolge nel bel mezzo delle vacanze di Natale a Capodanno. La ragazza stira i fiammiferi che venderà effettivamente, per scaldarsi invece. Scena dopo scena che descrivono una festa di Natale in una stanza di cui la ragazza non ha mai fatto parte, ma guardava attraverso la finestra dall’esterno. Per lei, sono buone stanze. Poteva chiaramente immaginare come ci si sente dentro, che odore ha, quanto fa caldo e le persone che ci sono dentro.

Cos’è casa?

L’interno delle nostre case è costituito non solo da pavimenti, pareti e soffitti, ma anche da suppellettili, mobili, oggetti, quadri, effetti personali, suoni e odori. In combinazione con noi come residenti, questo crea una casa, una piccola estensione di noi stessi che ottiene espressione corporea. La casa ci dà una base e un luogo a cui apparteniamo.

La necessità di creare una struttura fisica intorno a noi stessi è fondamentale.

Architetto e professore di architettura d’interni, Edward Hollis, crede che gli interni svolgano un ruolo importante non solo nel ricordarci chi siamo o da dove veniamo, ma che ci ricordano l’atto stesso di ricordare: la memoria inizia sempre nella stanza . La stanza e la casa stessa sono un luogo dove il nostro passato e chi siamo si esprimono nelle cose di cui abbiamo scelto di circondarci. Connettiamo anche il passato con il futuro stando nello spazio e vivendolo. Ci dà la sensazione di essere parte di un tutto più ampio e una continuità tra noi come esseri umani.

Diventa molto chiaro in noi se questa regola ci manca, come fa la ragazza con i bastoncini di zolfo. Fondamentale è la necessità di creare intorno a noi una cornice fisica, sia essa permanente o temporanea, e soprattutto in relazione alla vacanza.

L’ambiente crea ricordi

Le celebrazioni natalizie creano un’atmosfera speciale nelle nostre case. Le diverse stanze emettono odori e suoni associati alla celebrazione dai cibi che produciamo, alberi di Natale, decorazioni natalizie, musica e raduni di persone. Ha senso ricordare qualcosa se “ci sono indizi nella situazione relativi a ciò che si deve ricordare”. Quando celebriamo il Natale, ripetiamo una serie di tradizioni e usanze ogni anno. Quasi tutti vengono eseguiti in ambiente domestico. La casa, con i suoi contenuti, stati d’animo e persone, sono guide ai ricordi che creiamo attraverso le azioni che avvengono e l’interazione che avviene all’interno o tra le persone nelle nostre abitudini.

Ad esempio, decorando l’albero di Natale con la stessa decorazione ogni anno, ricostruiamo il ricordo degli anni precedenti dell’albero di Natale. Possiamo mettere un albero di Natale nel soggiorno della nonna e allegargli un evento, magari annusandolo o ricordando che gli stessi addobbi natalizi sono appesi al suo albero. In questo modo nasce un senso di continuità e ci diventa chiaro da dove veniamo.

Una stanza addobbata con il Natale dove si ripetono le tradizioni è limitata e ha un carattere e un’atmosfera speciali.

La stessa cosa accade quando guardiamo una casa dall’esterno o visitiamo qualcun altro. Abbiamo un quadro di riferimento rispetto al quale confrontiamo costantemente il mondo che ci circonda. Percepiamo l’impronta degli altri nelle proprie stanze e la interpretiamo verso la nostra storia. La ragazza con i bastoncini di zolfo può ancora interpretare ciò che vede, con il proprio quadro di riferimento, anche se potrebbe non averlo mai sperimentato. I suoi ricordi sono le sue esperienze e ne fanno parte.

“La bambina con i fiammiferi” è una storia di Natale, ma racconta anche la gioia che può creare in una stanza e quanto sia importante per il nostro bisogno di una struttura fisica attorno alla nostra vita e alla celebrazione del Natale. Una stanza addobbata con il Natale dove si ripetono le tradizioni è limitata e ha un carattere e un’atmosfera speciali. Questo ci aiuta ad avere chiari indizi a cui possono essere collegati i ricordi di Natale.

Riferimenti:

Andersen, Hans Christian: La bambina con i bastoncini di zolfo. Avventure e storie. 69-72. Copenaghen: Gildendale, 189.

Edward Hollis: Il Palazzo della Memoria. Londra: Portobello Books, 2014 (Astratto)

Jahani Plasma: stanza, luogo, stanza e anima. Klingenberg, Elaine (a cura di) Architettura d’interni. 164-171. Oslo: Spartacus Forlag AS / Stampa accademica scandinava, 2007.

Leggi anche:

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai commenti su questo articolo? O domande di lode o critica? O suggerimenti su un argomento importante che dovremmo trattare?

L’area di ricerca è abbandonata. Nessuna discussione e sito di divulgazione scientifica

READ  - Interessato a una certa competizione - E24