sabato, Giugno 22, 2024

In Italia, l’economia non rientra nel dibattito sul Corona

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

L’economia in Italia è molto incerta, ma vanno bene la produzione di apparecchi sanitari e l’industria alimentare. Molti hanno riorganizzato la propria produzione per contribuire a ciò che serve nel campo della salute. Partecipano anche Prada, Gucci e Ferrari, scrive Roberto Iacono di NTNU.

Cronaca: l’Italia ha un deficit enorme. Tuttavia, non si discute sul prezzo della vita umana e se valga la pena chiudere il Paese.

L’Italia soffre di un grande deficit. Tuttavia, non si discute sul prezzo della vita umana e se valga la pena chiudere il Paese. Ogni giorno diverse centinaia di italiani finiscono nella triste statistica dei morti. Negozi e ristoranti sono rimasti chiusi per diverse settimane. Le strade sono vuote di gente.

Sia in Svezia che in Norvegia si è discusso dei costi e dei benefici di tali misure. In Italia non c’erano discussioni del genere. In Italia la crisi umanitaria è diventata rapidamente grave. La Norvegia non è stata ancora colpita duramente, motivo per cui ci sono sempre più persone in Norvegia che si chiedono se valga la pena adottare queste misure.

Gli anziani motivano i giovani a seguire regole rigide

In Italia muore la maggior parte degli anziani. Le persone anziane hanno uno status più elevato rispetto alla Norvegia. Può giocare nella discussione. In Italia gli anziani sono più centrali e hanno più potere nella popolazione che in Norvegia. L’Italia è una società più gerarchica e gli anziani sono un punto di riferimento per le lezioni che si imparano.

Il numero dei malati e dei morti potrebbe essere il motivo per cui la discussione sui costi delle procedure è meno focalizzata in Italia che in Norvegia. Personalmente non abbiamo letto né sentito parlare di economisti sociali italiani che affermassero che queste misure costano più di quanto “salviamo” vite umane, come hanno affermato alcuni economisti norvegesi e svedesi. Ma il ruolo degli anziani nella società italiana potrebbe aver avuto un ruolo, ad esempio, nel motivare i più giovani a rispettare le rigide regole attualmente in vigore.

READ  Sembra che l'avventura della pizza stia per finire. Sembra un brutto sogno.

Esempio: il presidente Mattarella ha affermato nel suo messaggio al popolo che l’Italia sta perdendo una generazione di anziani che rappresentano un punto di riferimento per le generazioni più giovani nella loro vita.

La crisi ha raggiunto il punto in cui l’economia è al suo meglio

Negozi e ristoranti sono chiusi da diverse settimane in Italia. Le strade sono vuote di gente. Ha un impatto sull’economia. L’Italia come paese è molto divisa tra nord e sud. La crisi ha colpito il nord del Paese. Sono relativamente poche le persone al Sud che soffrono di questa malattia. Il nord è la parte ricca di risorse del paese con molte attività commerciali e industriali. È qui che si fanno i soldi. Di conseguenza, il paese sta subendo un duro colpo finanziario. Le fabbriche erano aperte fino ai giorni scorsi, ma ora molte hanno chiuso.

L’economia è molto incerta, ma ci sono molti settori che stanno andando bene, come quello alimentare, della produzione di articoli sanitari e simili. Molti di loro hanno anche ristrutturato la produzione per contribuire a soddisfare le necessità nel campo della sanità. Viene prodotto ad alta velocità. Partecipano anche Prada, Gucci e Ferrari. C’è un grande settore industriale nel paese.

Anche in Italia le persone lavorano da casa, anche se lo fa una percentuale minore della forza lavoro. Ciò è dovuto a due cose. Il primo è che la capacità della banda larga è molto peggiore che in Norvegia. La seconda è che la vita lavorativa in Italia dipende meno dalle collaborazioni intelligenti. La situazione in Italia è grave e l’incertezza stessa crea problemi. Nessuno sa quando i consumatori comuni torneranno ai loro consueti modelli di consumo.

Le misure a sostegno delle imprese non bastano

Anche le autorità italiane hanno varato misure per aiutare le imprese italiane. È stato lanciato un pacchetto chiamato “Italia Cure”. Proviene dalle autorità e ammonta a 290 miliardi di corone norvegesi. Si tratta di un potente pacchetto anticrisi, ma probabilmente non è sufficiente. La situazione durerà per alcune settimane.

READ  Elbil, NAF | Stor rekkeviddetest: Så langt går elbilene faktisk på vinteren

All’inizio della crisi c’era grande incertezza sul sostegno dell’Unione Europea all’Italia. Ciò avviene ora attraverso la sospensione temporanea dell’accordo tra paesi che limita i deficit della spesa pubblica. Si prevede che quest’anno l’Italia avrà un ampio deficit e l’Unione Europea gli ha permesso di farlo. Senza l’Unione Europea, l’Italia avrebbe probabilmente grossi problemi nel servizio del proprio debito.

Esistono forti misure di licenziamento sociale in cui ricevi l’80% del tuo stipendio. È inoltre possibile usufruire di 15 giorni di congedo parentale retribuito d’emergenza per i figli di età inferiore ai 12 anni. In realtà il welfare italiano non è poi così male.

Il problema in Italia è che gran parte dell’economia è informale e quindi non coperta dalle misure allo stesso modo. Ci sono molte persone che non hanno contratti dignitosi. Pensiamo a condizioni di lavoro come Foodora, dove vieni pagato tramite un’app, ma se nessuno ordina non vieni pagato. Queste sono condizioni di lavoro che non sono coperte dal pacchetto anticrisi e queste persone vengono colpite duramente.

Anche i criminali sono in difficoltà

L’economia legata all’attività criminale è in difficoltà. Secondo me, questa è una buona cosa. Anche l’importazione e la vendita di medicinali sono diminuite notevolmente. Purtroppo la storia ha dimostrato che la mafia ha guadagnato molti soldi in situazioni di crisi. In tempi di crisi, lo Stato deve acquistare e ordinare rapidamente e spesso non ha abbastanza tempo per condurre le normali gare d’appalto. La mafia e altri criminali avevano precedentemente approfittato del fatto che ci fosse meno cautela perché riuscivano a fare buone offerte in breve tempo.

La mafia è coinvolta in tutta l’economia italiana, ma soprattutto nel Mezzogiorno. L’Italia meridionale fu per molti anni governata dai regni spagnoli. Non c’erano riforme liberali come quelle vissute dal Nord, e il Sud era stato a lungo governato in modo non lungimirante. Il Sud soffre molto di più la povertà e l’Italia come Paese non è stata in grado di affrontarla. Il Paese è diviso e sembra che rimarrà tale.

READ  BMW i3 - pericolo di incendio

Alcuni effetti positivi

Non crediamo che questa crisi temporanea porterà a cambiamenti molto significativi per il mondo degli affari a lungo termine. L’economia italiana è più diversificata di quella norvegese, poiché l’economia si basa sull’esportazione di materie prime. In Italia, il turismo, l’industria automobilistica, l’ICT, l’abbigliamento, l’industria farmaceutica e quella alimentare sono importanti per il Paese. In Italia c’è una struttura diversificata, il che è un’ottima cosa.

Ci sono alcuni effetti paradossali positivi del declino del mercato azionario e del declino della ricchezza che stiamo vivendo in questi tempi, perché portano a una distribuzione più equa del reddito da capitale tra la popolazione. Storicamente, le pandemie, come l’influenza spagnola che ha portato a un elevato numero di morti, hanno significato molto per la distribuzione perché riducono la disuguaglianza riducendo il numero di lavoratori e aumentando i salari.

L’Italia aveva un’economia gravata dal debito. Il sostegno dell’UE all’abolizione delle rigide regole che limitano la spesa pubblica significa che l’Italia potrebbe andare in deficit. Quando la crisi sarà finita, è probabile che l’Unione Europea si irrigidisca. Allora potrebbe sorgere una nuova crisi, grave quanto un’epidemia. È vulnerabile alle misure di austerità quando l’economia è in crescita. Il sostegno all’Unione Europea è basso da diversi anni e la crisi del Corona è anche una crisi per l’Unione Europea. Sarà interessante vedere come si svilupperà tutto ciò e se la crisi porterà l’Europa a restare unita.

Leggi anche questo articolo dal sito Favo:

Ricercatore di crisi: questa volta la Norvegia non uscirà dalla tempesta

More articles

Latest article