Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

In piedi senza sospetto – La paura si diffonde dopo gli omicidi

Domenica 13 novembre, gli studenti universitari Ethan Chapin (20 anni), Madison Maugen (21 anni), Zana Kernodel (20 anni) e Kylie Goncalves (21 anni) sono andati a dormire nel loro appartamento nella cittadina di Mosca nell’Idaho, Stati Uniti.

Durante la notte sono stati brutalmente uccisi.

La città di poco più di 26.000 abitanti non ha subito un omicidio dal 2015. E ora, all’improvviso, quattro persone lo hanno fatto contemporaneamente.

Dieci giorni dopo, la polizia americana non ha risposte sul mistero dell’omicidio. Non sanno perché i quattro giovani siano stati uccisi e non hanno sospetti.

“È un’indagine molto vasta e un crimine orribile”, afferma Aaron Snell, capo delle comunicazioni della polizia di stato dell’Idaho, Cnn.

Lutto: la comunità locale è in lutto dopo una morte e depone fiori fuori dall’università. Foto: AP/NTB
Mostra di più

Consigli sugli stalker

Quando la polizia è arrivata sul posto, ha trovato tutti e quattro i morti. Due al secondo piano e due al quarto piano. Secondo il medico legale, molto probabilmente i defunti stavano dormendo quando sono stati aggrediti. Tuttavia, alcuni di loro avevano segni di aver tentato di difendersi e sono stati tutti accoltellati più volte.

L’arma del delitto, che la polizia suggerisce fosse un grosso coltello a lama fissa, non è mai stata trovata.

La polizia afferma di aver visto più di 1.000 suggerimenti, condotto più di 150 interviste e raccolto una grande quantità di prove. Finora nessuno li ha avvicinati al sospettato.

Un suggerimento su cui la polizia ha indagato è che Goncalves sarebbe stato perseguitato.

In una dichiarazione su Facebook, la polizia ha scritto di aver indagato a fondo su questo particolare suggerimento, ma non è stata in grado di identificare o confermare un potenziale stalker. Eppure è un percorso che continuano a seguire.

Risposta vaga

Dall’inizio delle indagini, la polizia ha ritenuto probabile che si trattasse di un attacco mirato.

Ma perché esattamente la pensavano così o chi fosse l’obiettivo, finora non hanno voluto dire nulla al riguardo.

– A questo punto, dovrai solo fidarti di noi, perché non diremo perché lo pensiamo. Il capitano della polizia Roger Lanier ha detto che era una questione di integrità delle indagini.

A corredo dell'offerta: tanti fiori deposti e candele accese in memoria del defunto.  Foto: AP/NTB

A corredo dell’offerta: tanti fiori deposti e candele accese in memoria del defunto. Foto: AP/NTB
Mostra di più

Due sono sopravvissuti

C’erano anche altri due coinquilini nell’appartamento quando sarebbero avvenuti gli omicidi, ma non sono stati attaccati, ed è stato uno di loro a chiamare la polizia poco prima delle 12:00 di domenica. In altre parole, devono aver dormito durante gli omicidi. Come ci sono riusciti, il capo della polizia James Frey non ha avuto una buona risposta:

– Non so come ci siano riusciti. Ha detto che è per questo che stiamo ancora indagando.

Tuttavia, la polizia ha dichiarato di non credere che una delle persone che erano nella stanza quando la polizia è stata informata fosse coinvolta negli omicidi, ha scritto la CNN.

paura nella comunità

Le domande sono molte, le risposte sono poche, e i pochi dettagli della polizia e i dati confusi hanno creato paura nella comunità locale.

La polizia è uscita presto e ha detto che non c’era alcuna minaccia immediata per i residenti. Dopo quattro giorni di indagini, la polizia ha dovuto ritirare questa dichiarazione.

– Non possiamo dire che non ci sia alcun pericolo per la società, ha detto Fry.

Alla conferenza stampa di mercoledì, Snell ha spiegato:

– Ci rendiamo conto che è sempre saggio che le persone chiudano le porte, camminino in coppia e siano consapevoli di ciò che stanno facendo. Ci sono una o più persone là fuori che sono degli assassini, ha detto Snell.

Tutti i morti erano studenti dell’Università dell’Idaho. La CNN ha scritto di aver parlato con altri studenti che hanno lasciato la città e andranno a scuola a casa. Il motivo dev’essere che ritenevano che le dichiarazioni della polizia non fossero rassicuranti.

READ  Il vincitore del Premio per la Pace stava raccontando agli scolari delle violazioni dell'ISIS. Poi il consiglio d'istituto ha puntato i piedi.