Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Investitore Peter Hermannrod: Penso che molti titoli possano scendere molto e quindi è una buona idea avere molto da comprare.

Questa è una settimana da star per gli investitori, ricca di eventi cruciali per i mercati. È prima di tutto un intero gruppo di banche centrali che terrà riunioni sui tassi di interesse, comprese le riunioni di banche statunitensi, europee e giapponesi, nonché le nostre riunioni private, afferma Erica Blomgren Dalstø, chief strategist di SEB.

le scale?

Dopo mesi di confortanti discorsi della Federal Reserve statunitense secondo cui l’inflazione elevata era solo “temporanea”, a novembre è arrivata la consapevolezza che l’inflazione era molto più duratura di quanto inizialmente pensato. Pertanto, la banca centrale ha deciso di iniziare a eliminare gradualmente gli acquisti di sussidi.

Erica Bloomgren Dalstow, chief strategist presso il brokerage SEB, ritiene che sarà una settimana speciale per gli investitori, ricca di eventi per i mercati.

Erica Bloomgren Dalstow, chief strategist presso il brokerage SEB, ritiene che sarà una settimana speciale per gli investitori, ricca di eventi per i mercati. (Foto: Elaine Holland)

Il taglio era inizialmente fissato a circa 15 miliardi di dollari in acquisti di supporto ridotto a novembre e dicembre. La banca centrale ha acquistato titoli di stato e altri titoli ipotecari per 120 miliardi di dollari al mese dal giugno dello scorso anno. Dalstow ritiene che la Fed ridurrà ulteriormente gli acquisti di obbligazioni da 15 a 30 miliardi al mese, il che significa che la Fed porrà effettivamente fine al taglio a marzo del prossimo anno.

La Fed darà flessibilità per poter alzare i tassi di interesse già quest’estate. Bloomgreen Dalstow afferma che la cosa più importante per il mercato probabilmente non sarà un ridimensionamento degli acquisti di obbligazioni, come previsto, ma piuttosto ciò che il capo della Fed sta segnalando sull’aumento dei tassi di interesse.

Ritiene che la diffusione del virus Omicron colpisca la Banca centrale europea più degli Stati Uniti, poiché molti paesi in Europa stanno introducendo o introducendo misure globali.

– gioco di fortuna

L’investitore Peter Hermannrod ritiene che siano Omicron e l’inflazione a caratterizzare in primis i mercati del futuro.

La grande domanda con omikron è se può sovraccaricare il settore sanitario a un livello completamente diverso rispetto a prima e portare a più chiusure che mai. Quando si tratta di inflazione, molte persone pensano che sia temporanea, ma a me sembra più un gioco d’azzardo. È come scommettere tutto su una carta e non riesco a capire perché dovresti esserne così sicuro.

Hermannrod si è dimesso da capo stratega di Sparebank 1 Markets quest’estate e ora sta iniziando a investire i propri soldi a tempo pieno. In qualità di capo stratega per diverse società di intermediazione, Hermanrud non poteva investire in azioni da lui raccomandate. Era scettico sui prezzi ad agosto ed è scettico ora.

Ora ho il 20% di contanti e l’80% di azioni. È molto più denaro di quello che ho di solito, ma ora penso che il mercato sia troppo costoso. Penso che molti titoli possano scendere molto, e quindi va bene avere molto da comprare.

Hermannrod non ha dubbi che prima o poi ci sarà un’importante correzione del mercato azionario. È solo uno dei tanti esperti di mercato che hanno messo in guardia sul rialzo del prezzo delle azioni nell’ultimo anno e su cosa potrebbe accadere quando la Federal Reserve statunitense abbasserà il supporto per gli acquisti e aumenterà i tassi di interesse. Ma vede anche un pericolo molto diverso in lontananza, uno che crede possa essere altrettanto facilmente il fattore motivante.

– Quello che ci romperà davvero potrebbe essere il naturale rallentamento economico causato dal crollo del settore immobiliare cinese. Bisogna tornare indietro e guardare le bolle passate. Perché hai rotto? Si tratta sempre di stagnazione economica, dice, citando come esempio l’impresa immobiliare cinese Evergrande. La società ha un debito di circa 2,7 trilioni di NOK e ha violato i termini del prestito diverse volte nell’ultimo anno. Il prezzo delle azioni è crollato e la società potrebbe fare affidamento sull’assistenza del governo per sopravvivere. Anche lo sviluppatore domestico indebitato Kaisa Group è in modalità di crisi.

Se inizi a guardare i numeri, quest’anno le start-up di nuove case in Cina sono diminuite di oltre il 20%. È il calo più grande da almeno 20 anni, ed è anche più grande di quanto non fosse durante la crisi finanziaria, e il declino ha accelerato di recente. È stata una situazione simile negli Stati Uniti a dare il via alla crisi finanziaria. Il settore immobiliare rappresenta quasi il 30 percento dell’economia cinese e la Cina è importante per l’economia globale oggi quanto gli Stati Uniti nel 2008.

Durante la crisi finanziaria, la Borsa di Oslo è scesa di oltre il 60 percento, mentre è scesa del 30 percento quando si è verificata la pandemia di Corona. Hermanud pensa che un posto nel mezzo sia molto probabilmente il prossimo.

– Pensa che un calo del 50 per cento non sia così grande visti i prezzi sul mercato.

Accettare di aumentare il tasso di interesse

– Qui a casa, l’incertezza è aumentata bene, osserva Keri M. Knudsen, capo economista di Sparebank 1 SR Bank.

La comunicazione della Banca di Norvegia è stata chiarissima. La banca ha consegnato il suo primo rialzo dei tassi a settembre e ha fissato il prossimo programma a dicembre. A novembre ha affermato che il tasso ufficiale di riferimento era destinato a salire. La parola “probabilmente” in Norges Bank di solito significa una certa lingua al 100%. Ma poi è arrivata Omicron e nuove misure che limitano l’attività in alcuni settori.

Bloomberg ha chiesto a otto finanzieri e tutti credono che Norges alzerà il tasso di interesse allo 0,5 per cento.

– Ci siamo anche noi. C’è una crescita di fondo molto buona nell’economia norvegese. Siamo già tornati a dove eravamo prima della pandemia se misuriamo l’attività economica, il numero di posti di lavoro e il numero di disoccupati. Quindi, anche se l’incertezza è aumentata, probabilmente non è aumentata così tanto da voler annullare l’aumento dei tassi. Tutto fa pensare che la Norges Bank abbia alzato i tassi di interesse come previsto. L’incertezza potrebbe significare qualcosa per il percorso dei tassi di interesse nel prossimo anno. Il ciclo precedente ha avuto un rialzo dei tassi sia a marzo che a giugno. Penso che Norges Bank stabilirà un nuovo corso un po’ più in basso nei primi mesi del prossimo anno.

Il capo economista di Sparebank 1 SR-Bank, Kyrre M. Knudsen, non pensa che l'incertezza sia aumentata abbastanza da consentire a Norges di posticipare l'aumento dei tassi di giovedì.

Il capo economista di Sparebank 1 SR-Bank, Kyrre M. Knudsen, non pensa che l’incertezza sia aumentata abbastanza da consentire a Norges di posticipare l’aumento dei tassi di giovedì. (Foto: Tommy Ellingsen)

– Gli Stati Uniti non hanno iniziato ad aumentare i tassi di interesse dopo la pandemia?

No, e vuoi ridurre gradualmente gli acquisti di supporto prima di aumentare il tasso di interesse. Quindi la cosa eccitante ora è quando gli Stati Uniti eliminano gradualmente i loro acquisti di sussidi. Negli ultimi due mesi, è stato suggerito che potrebbero aver completato l’acquisto del supporto nel marzo del prossimo anno, e questo potrebbe anche essere ciò che sarà annunciato mercoledì alla riunione sui tassi di interesse. crede.

Gli Stati Uniti sono stati finora molto concentrati sull’economia reale e hanno messo un po’ da parte l’inflazione. Quindi è probabile che l’attenzione sui problemi di inflazione attiri un po’ di attenzione durante la settimana.

– I Democratici moderati negli Stati Uniti stanno ora spingendo la banca centrale a stringere la politica monetaria per frenare l’inflazione?

– Sì. Se si sente che la banca centrale è in pace con una certa perdita di controllo sull’inflazione, deve rispondere in qualche modo, forse riducendo gli acquisti di sostegno più rapidamente e quindi aumentando i tassi di interesse chiave. Vediamo che l’elevata inflazione negli Stati Uniti influisce sul potere d’acquisto della maggior parte delle persone.

Knudsen osserva che questa settimana ci saranno anche più cosiddetti PMI, o PMI.

– Tra l’altro ce ne sarà uno per la Germania. È leggermente diminuito da quest’estate, soprattutto per quanto riguarda i problemi dell’industria automobilistica. Poi ci sono i nuovi numeri dalla Cina che probabilmente verificheranno se l’attenuazione è finita. E non dobbiamo dimenticare i dati di novembre per la bilancia commerciale norvegese. È probabile che questi numeri stabiliscano un nuovo record sia nel valore delle esportazioni che nel surplus commerciale, soprattutto grazie ai prezzi del gas molto alti, afferma Knudsen di SR Bank.

(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Kahoot sta valutando un collocamento privato di 25 milioni di azioni - E24