Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Israele e Palestina: – Sono venuti per uccidere

Israele e Palestina: – Sono venuti per uccidere

Nir Oz, Israele (Dagbladet): Il suono inconfondibile degli aerei da combattimento sta diventando sempre più forte. Poi c’è un forte rumore. La stessa cosa accade ancora e ancora. L’aeronautica israeliana sta bombardando obiettivi all’interno della Striscia di Gaza più volte al giorno.

Il massacro avvenuto qui a Nir Oz, un kibbutz situato a soli 2,5 chilometri da Gaza, nel sud di Israele, è uno dei motivi:

Prima che Hamas lanciasse il suo attacco massiccio e coordinato contro Israele sabato due settimane fa, qui vivevano circa 400 persone.

Ora 100 di loro sono stati uccisi, rapiti o dispersi.

-Vivevamo in paradiso. Poi Hamas è venuto qui per uccidere e distruggere. Sono come l’Isis, racconta al Dagbladet Ron Bahat (57 anni), un sopravvissuto.

In rovina: la stragrande maggioranza delle case a Nir Oz sono bruciate o in rovina. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

– Pazzo

Erano circa le 6:30 quando gli allarmi di viaggio suonarono a Nir Oz. Tuttavia, le persone che vivono qui sono abituate a ricevere missili lanciati contro di loro.

– Dopo pochi minuti, improvvisamente abbiamo avuto indicazioni della presenza di terroristi all’interno del kibbutz, dice Pahat a Dagbladet.

Lui, sua moglie e le loro due figlie adolescenti si sono rifugiati in un rifugio antiaereo a casa.

Abbiamo sentito spari, esplosioni e grida in arabo. Era assolutamente disgustoso”, dice il 57enne a Dagbladet.

La moglie si assicurò che le finestre fossero chiuse. E ha chiuso la porta.

Fortunatamente non hanno sparato alla porta, dice Bhatt.

Quando l’esercito israeliano mise in sicurezza il kibbutz, otto ore e mezza dopo, Nir Oz non era più un paradiso.

In guardia: c'è una massiccia sorveglianza militare nella zona di confine tra Israele e la Striscia di Gaza, soprattutto intorno ai kibbutz che sono stati attaccati.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

In guardia: c’è una massiccia sorveglianza militare nella zona di confine tra Israele e la Striscia di Gaza, soprattutto intorno ai kibbutz che sono stati attaccati. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

Sono stati trovati nuovi corpi

In collaborazione con l’esercito israeliano, Behat porta un gran numero di giornalisti internazionali in giro per Nir Oz.

– In questa casa sono morti bruciati, dice, e indica una casa in fiamme, dice.

Bhatt si fermò.

-Questa era la casa di Carmella Dunne. Quando i terroristi sono arrivati, hanno dato fuoco alla casa. Aggiunge che i corpi di lei e di sua nipote Noya sono stati ritrovati mercoledì.

Il 57enne va un po’ oltre.

– In questa casa hanno sparato a tutti, dice, e indica un’altra casa.

E continua così, di casa in casa.

– Probabilmente ci sono solo tre o quattro case che non sono state danneggiate, dice Bhatt.

– Mio padre vive lì. Ha aggiunto di non aver chiuso a chiave la porta una volta, ma non è successo nulla, indicando un’altra casa.

TROVATI MERCOLEDI: In questa casa, i corpi di Carmella Dunn e di sua nipote Noya sono stati ritrovati mercoledì di questa settimana.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

TROVATI MERCOLEDI: In questa casa, i corpi di Carmella Dunn e di sua nipote Noya sono stati ritrovati mercoledì di questa settimana. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

Coperto di sangue

Una recinzione di filo spinato circonda l’intero kibbutz. Di fronte al recinto, all’estremo nord, si susseguono un’auto bruciata e l’altra.

Attraverso la recinzione si può vedere direttamente la Striscia di Gaza.

Fuori è deserto.

Dentro lussureggiante.

Prati verdi, fiori e piccoli alberi circondano ora le case completamente bruciate, parzialmente distrutte o gravemente danneggiate.

Ci sono vetri rotti e pietre sul pavimento ovunque. C’è cenere ovunque. Odore di bruciato ovunque.

Nel giardino c’è il disegno di un bambino sull’erba marrone. In una casa sul tavolo del soggiorno rimane un bicchiere di vino mezzo pieno.

Alcune case si vedono proprio sotto, nella stanza dei bambini, dove prima c’era una finestra. Il lenzuolo sul letto a castello era coperto di sangue secco.

In attesa dell’invasione di terra

Circa 1.400 persone sono state uccise nell’attacco di Hamas sabato 7 ottobre. È stato inoltre confermato che sono state rapite circa 200 persone. Anche molti di loro mancano.

Poche ore dopo il massiccio attacco, Israele ha iniziato a bombardare vari obiettivi all’interno della Striscia di Gaza. Hamas sostiene che finora almeno 3.800 persone sono state uccise negli attacchi aerei israeliani.

Ciò rende l’attuale guerra tra Israele e Hamas il conflitto più sanguinoso in Israele da decenni.

La lotta non è ancora finita.

Sicurezza: nove persone che vivono a Nir Oz sono la prima linea di difesa contro gli aggressori.  Cinque di loro sono stati uccisi sabato 7 ottobre.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

Sicurezza: nove persone che vivono a Nir Oz sono la prima linea di difesa contro gli aggressori. Cinque di loro sono stati uccisi sabato 7 ottobre. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

Si prevede che Israele lancerà un’invasione di terra della Striscia di Gaza.

Molti diplomatici, tra cui l’inviato norvegese delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Tor Wennesland, ritengono che sia solo questione di tempo.

La domanda è quanto sarà estesa la portata dell’invasione di terra e quale sarà il suo focus. Non lo sappiamo. Ma l’obiettivo è distruggere le infrastrutture di Hamas, sia la capacità di governare, nella misura in cui governa la Striscia di Gaza, sia le sue capacità militari, ha detto Wensland lunedì alla stampa norvegese a Gerusalemme.

A detta di tutti, ciò aumenterà la sofferenza all’interno della Striscia di Gaza.

Rifiuta di trasferirsi: Ron Bahat (57 anni) ha rifiutato di evacuare da Nir Oz.  Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet

Rifiuta di trasferirsi: Ron Bahat (57 anni) ha rifiutato di evacuare da Nir Oz. Foto: Hans Arne Wedlog/Dagbladet
Mostra di più

– Devo dire

Per raggiungere Nir Oz è necessario partecipare ad un press tour organizzato dalle autorità israeliane. Nessuno può entrare o uscire dal kibbutz senza una scorta militare armata.

Bhatt, 57 anni, è nato e cresciuto qui. Fatta eccezione per alcuni anni negli Stati Uniti, ha vissuto a Ner Oz per tutta la vita.

Ora il kibbutz è una città fantasma sotto pesante sorveglianza militare.

-Vuoi tornare indietro?

“Non ce ne siamo mai andati”, risponde Bhatt con fermezza.

A differenza di quasi tutti gli altri nel kibbutz, Pahat si rifiutò di evacuare dopo l’attacco. Ora mostra alla stampa il kibbutz.

– Questa è una storia che dobbiamo raccontare, dice.

READ  Quattro studenti trovati accoltellati a morte in una piccola città - VG