Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Israele è “preparato” per l'invasione di terra di Rafah – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Israele è “preparato” per l'invasione di terra di Rafah – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Israele considera la città l'ultima roccaforte del movimento Hamas nella Striscia di Gaza e ha fatto tutti i preparativi necessari per controllare la zona, secondo il portavoce.

Nyheitsbyrået ha scritto che la persona in questione è un comandante senior delle forze di difesa israeliane.

Dicono che devono ancora ottenere l'approvazione del governo e del primo ministro Benjamin Netanyahu prima di lanciare l'attacco.

Questo è anche il luogo in cui molti palestinesi di Gaza hanno cercato rifugio dall’inizio della guerra, l’anno scorso.

Gli attacchi israeliani hanno distrutto molti edifici a Rafah.

Fotografia: Muhammad Abed/Agenzia France-Presse

Qui è stata annunciata un'invasione di terra, ma a quanto pare è stata sospesa quando Israele ha ritirato la maggior parte delle sue forze dal sud di Gaza all'inizio del mese.

Ma allo stesso tempo Israele sta combattendo su un altro fronte, con le forze di Hezbollah nel sud del Libano.

Le autorità israeliane hanno riferito all'AFP di aver effettuato un attacco nella zona mercoledì pomeriggio.

Rafah si trova nel sud della Striscia di Gaza, vicino al confine con l'Egitto.

Norvegia: 1,4 milioni di persone indebitate

– Non c'è niente da dire se non che questo porterà ad un completo disastro.

Questo è ciò che ha detto a NRK il direttore del distretto palestinese di Norwalk, Christel Haraldstad.

– Ci sono 1,4 milioni di persone a Rafah. Per quanto ne so, Israele non ha fatto nulla per garantire che potessi trovare un posto sicuro dove stare.

Palestinesi israeliani

La massiccia distruzione rende difficile trovare rifugio a Khan Yunis. Pertanto, molti di loro sono tornati a Rafah, a 8 chilometri di distanza.

Fotografia: Fatima Shabir/AP

Israele ha chiesto alle persone di tornare a Khan Yunis dopo il ritiro dell'esercito, ma molti da allora sono tornati, secondo Haraldstad.

– Ciò che hanno trovato a Khan Yunis sono rovine e non c'è altro posto, dice.

Rafah è a otto chilometri, due ore di cammino.

– Con così tante persone in un'area così piccola, un esercito pronto a invadere e nessuna via di fuga, questo è ovviamente disastroso.

Penso che accadrà rapidamente se arriverà la domanda

C’è ancora una significativa pressione internazionale su Israele affinché impedisca un’invasione di terra a Rafah, afferma il ricercatore senior Jürgen Genshaugen presso il Peace Research Institute (PRIO).

Ma:

– Ora c'è una finestra molto piccola perché questa pressione possa passare, dice a NRK.

Jürgen Genshaugen

Jensehaugen svolge ricerche principalmente in Israele e Palestina.

Foto: Hueskolen Inlandet

-Quando il governo decide di invadere, se lo fa, l'invasione di terra avverrà molto rapidamente.

Genshaugen continua dicendo: Questa pressione da parte di paesi come gli Stati Uniti ha avuto un certo impatto sulle azioni di Israele.

– Israele ha parlato della creazione di un corridoio umanitario.

– Ma abbiamo visto dal modo in cui è stata affrontata la guerra nel nord e nel centro di Gaza, soprattutto a Khan Yunis, che la guerra non significa molto.




24/04/2024 ore 15.13


24/04/2024 ore 16.36

READ  Commento: un'immagine brillante e una cruda realtà