Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Israele invia più soldati a Gaza – Store afferma: il limite è stato ormai oltrepassato troppo – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Israele invia più soldati a Gaza – Store afferma: il limite è stato ormai oltrepassato troppo – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

– questo è un disastro. Non abbiamo mai visto niente di simile prima. Lavoro nel servizio di ambulanza da 25 anni. Queste sono circostanze molto difficili. Le ambulanze aspettano una chiamata d’emergenza, ma nessuno chiama. Tutte le linee sono tagliate e la situazione è critica.

Questo è ciò che Nassim Hassan, un addetto alle ambulanze a Gaza, dice riguardo ai bombardamenti in corso.

Una donna che vive nel sud di Gaza afferma di essere tagliata fuori dal mondo esterno.

Abbiamo perso tutti i mezzi di comunicazione con il mondo esterno: Internet e le reti di telefonia mobile non funzionano. Gaza è isolata dal resto del mondo. Le bombe ci hanno colpito. Nessuno sa dove si incontreranno.

I bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza sono continuati domenica dopo l’escalation attuata venerdì sera dall’esercito israeliano.

Tuttavia, la rete, rimasta inattiva per gran parte del fine settimana, è stata parzialmente ripristinata nell’area.

Storr ritiene che la guerra israeliana sia sproporzionata.

Store ha chiaramente condannato l’attacco di Hamas contro Israele tre settimane fa, ma ora ritiene che la reazione stia andando nella direzione sbagliata.

– DottCiò che vediamo ora è una guerra crudele. Temo che ora vengano gettati i semi per più odio, più intransigenza e massiccia distruzione materiale, dice Storr a Helgemorgen della NRK.

I palestinesi piangono i loro parenti uccisi nel bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, in un obitorio a Khan Yunis, domenica 29 ottobre 2023.

Fotografia: Fatima Shabir/Fatima Shabir

Storr riconosce il diritto di Israele a difendersi, ma ciò che è importante è il modo in cui lo fa.

Hanno il diritto all’autodifesa e mi rendo conto che difendersi dalla guerra in un’area densamente popolata come Gaza è molto difficile. Da Gaza vengono ancora lanciati razzi verso Israele e noi lo condanniamo, dice Storr e conferma:

– SSecondo il diritto internazionale, ciò deve essere proporzionato e tenere conto dei civili. Questa linea è stata ormai superata ben oltre.

Ciò che Israele sta facendo a Gaza ora viola le regole della guerra. Questo è ciò che dice il primo ministro Jonas Gahr Sture.

– Chiede il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi

Støre chiede che i combattimenti finiscano. Si arrabbia quando lo vede «Una guerra brutale che colpisce in modo sproporzionato e inaccettabile i civili, soprattutto i bambini».

– Quinto“Chiedo che la guerra finisca affinché gli aiuti possano arrivare e le persone possano uscire”, dice Storr.

Allo stesso tempo, non vi sono dubbi nemmeno sulla necessità di liberare gli oltre duecento ostaggi israeliani detenuti da Hamas.

“Facciamo presente a Israele e ad Hamas che sosteniamo senza riserve la richiesta di rilascio degli ostaggi”, afferma Storr.

I palestinesi perdono la vita dopo l'attacco israeliano contro una casa nella città di Gaza sabato.

I palestinesi perdono la vita dopo l’attacco israeliano contro una casa nella città di Gaza sabato.

Foto: Reuters

L’ambasciatore israeliano risponde a Store

– La nostra guerra è contro Hamas e solo Hamas, ed è importante che i residenti della città lascino Gaza per salvarsi la vita. Le accuse di violazione del diritto internazionale possono basarsi solo su fatti e non su sentimenti.

Questo è ciò che l’ambasciatore israeliano in Norvegia, Avraham Nir Feldklein, ha detto a NRK in risposta alle dichiarazioni di Store.

Ha aggiunto che il quartier generale di Hamas si trova sotto l’ospedale Al-Shifa, e questo indica che si nascondono deliberatamente dietro i civili e sotto le istituzioni civili.

Ad oggi non è stato fornito alcun documento che confermi tale affermazione.

– Israele cerca di evitare di fare del male ai civili, ma Hamas purtroppo vede i civili come obiettivo primario. Ciò vale sia per i civili israeliani e palestinesi che per i civili palestinesi, che usano come scudi umani, dice a NRK l’ambasciatore israeliano in Norvegia, Avraham Nir Feldklein.

Lavorare per far uscire i norvegesi

A Gaza sono ancora numerosi i cittadini norvegesi, ma è stato difficile per le autorità norvegesi restare in contatto durante il fine settimana a causa dell’interruzione della rete Internet e della telefonia mobile. Ma domenica si è ripreso gradualmente al lavoro.

– Abbiamo iniziato a stabilire alcuni contatti con i norvegesi all’interno di Gaza, e non abbiamo più sentito parlare di altri contagiati, ha detto a NRK il ministro degli Esteri Espen Barth Eide (AP).

Espen Barth è di proprietà esterna al Dipartimento di Stato

Il ministro degli Esteri Espen Barth Eide ha affermato che il Ministero degli Esteri è in stretto contatto con i cittadini norvegesi nella Striscia di Gaza.

Foto: Beyat Uma Dahli/NTB

Le frontiere chiuse significano che non è possibile allontanare i cittadini stranieri da Gaza, ma la Norvegia sta lavorando per far uscire i norvegesi il più rapidamente possibile.

– Abbiamo distribuito elenchi con i nomi di coloro che hanno la cittadinanza norvegese e sono collegati in Norvegia a tutti i partiti locali, a Israele ed Egitto e a coloro che effettivamente governano a Gaza, al punto che c’è chi governa lì, dice Eddie.

Circa 100 norvegesi a Gaza sono bambini.

L’esercito israeliano: – Abbiamo bombardato 450 obiettivi a Gaza in 24 ore

L’esercito israeliano afferma di aver colpito 450 obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza con attacchi aerei nelle ultime 24 ore. Verranno colpiti, tra le altre cose, centri di comando, centri di osservazione e basi di lancio missilistico. L’IDF scrive su Twitter/X.

Moschea

I resti di una moschea e di una casa distrutte dai raid israeliani nel centro della Striscia di Gaza il 29 ottobre 2023.

Fotografia: Muhammad Fayek Abu Mustafa / Muhammad Fayek Abu Mustafa

Hanno anche scritto che le operazioni di terra a Gaza sono aumentate e che il numero di soldati israeliani a Gaza è ora maggiore rispetto a sabato.

Secondo l’IDF, tra le altre cose, le forze di terra devono aver attaccato le cellule terroristiche di Hamas e aiutato l’aviazione a colpire obiettivi di Hamas.

Israele chiede l’immediata evacuazione dell’ospedale Al-Quds a Gaza

La Mezzaluna Rossa Palestinese ha affermato che le autorità israeliane hanno chiesto l’immediata evacuazione dell’ospedale Al-Quds. Questo è quanto scrive la Reuters.

Da domenica mattina si sono verificati diversi attacchi a soli 50 metri dall’ospedale, scrive l’organizzazione su Facebook.

L’ospedale Al-Quds si trova a Gaza City, a nord della Striscia di Gaza.

Nazioni Unite: Migliaia di persone prendono d’assalto i campi umanitari nella Striscia di Gaza

L’UNRWA ha dichiarato in un comunicato stampa che le incursioni hanno avuto luogo nelle regioni centrali e meridionali della Striscia di Gaza e che farina di frumento e altri prodotti di base sono stati rubati dai magazzini e dai centri di distribuzione dell’UNRWA.

Si tratta di un segnale preoccupante del fatto che l’ordine pubblico ha cominciato a crollare dopo tre settimane di guerra e l’assedio imposto alla Striscia di Gaza. L’UNRWA scrive: Le persone sono spaventate, frustrate e disperate.

Donne che trasportano bambini

Un bambino viene trasportato dopo il bombardamento della città di Rafah.

Fotografia: Muhammad Abed

Una situazione umanitaria terribile

Jorgen Halldorsen SeiPresidente regionale della Croce Rossa norvegese. Secondo lui il bisogno di aiuti d’emergenza è enorme.

È una condizione umana terribile. Dopo tre settimane di intensi bombardamenti su questo piccolo settore, la gente era disperata. La maggior parte di loro è scomparsa. Ci sono penuria di cibo e penuria d’acqua. Le persone dormono all’aria aperta e non si sentono sicure da nessuna parte.

Ci ricorda che sebbene molti siano fuggiti verso sud, dobbiamo ricordare che ci sono molti che non possono muoversi.

Ci sono malati, malati, anziani e forse bambini separati dai genitori. È importante che gli aiuti d’emergenza arrivino dove i bisogni sono maggiori.

Jørgen Halldorsen (TV) è qui da un viaggio in Siria all'inizio di quest'anno.

Jorgen Halldorsen (a sinistra) è qui da un viaggio in Siria all’inizio di quest’anno. Dice che è quasi impossibile portare avanti le operazioni di soccorso all’interno di Gaza.

Immagine: NTP

Venerdì il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha ricevuto attrezzature mediche, attrezzature per la depurazione dell’acqua e una prima squadra di esperti sanitari. La settimana scorsa sono arrivati ​​80 rimorchi carichi di aiuti di emergenza.

Prima della crisi arrivavano diverse centinaia di camion al giorno. Questo è ben poco rispetto al grande bisogno che esiste sulla Terra, ma è un inizio, e si scopre che è possibile se c’è la volontà.

Ogni dieci minuti muore un bambino

La situazione è molto difficile. I bambini vivono in un incubo dal quale non si svegliano mai. Milioni di bambini hanno visto la loro infanzia distrutta. Nessun bambino esce indenne da questa situazione, afferma Gunvor Knaag Vilkesnes, direttore delle politiche e delle comunicazioni di Save the Children.

Quando iniziò il conflitto, moriva in media un bambino ogni quindici minuti. Secondo Vilkesnes, questa situazione ora si è intensificata.

– Adesso muore un bambino ogni dieci minuti. Ci sono molti bambini sepolti da soli sotto le macerie e non possono uscire da soli.

Internet a Gaza sta tornando. Vilkesnes ha avuto notizie da diverse persone nelle ultime ore.

Riferiscono solo per dire che sono vivi. Intanto dicono che le cose sono peggiorate. La figlia di uno dei nostri dipendenti ora si rifiuta di mangiare perché non vuole andare in bagno perché le strutture antidoping sono così scadenti. Altri bambini hanno smesso di parlare perché erano molto traumatizzati.


READ  Blocco in Nuova Zelanda dopo un caso di corona - VG