Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Israele-Palestina, Frederic Solvang

Israele-Palestina, Frederic Solvang

commento Esprime le opinioni dello scrittore.

Certamente l’intenzione di Frederic Solvang e degli editori di NRK era il meglio del meglio, e rientrava in ciò che di solito funziona:

Ottieni due o tre seguaci dell’uno o dell’altro e mettili contro un numero uguale di avversari. Spara via.

Ma in questo caso è diventata troppo dura, troppo presto.

Prima di tutto, molto vicino al puramente umano. Ma anche molto vicino nel tempo.

Emotivamente era ovviamente impossibile non restare toccati. Di Yoav Melchior, leader della comunità Mosaic Faith di Oslo, sullo schermo da Israele, che ha appena visto i suoi compagni di fede massacrati. E Sarah S. Ibrahim, che per lo stesso motivo aveva paura della figlia lì incinta.

di Arthur Samer Tamraz e Marco Safadi, entrambi norvegesi-palestinesi, hanno pensato che quello che è successo durante il fine settimana sia stato terribile, ma hanno cercato di spiegare la situazione ai loro connazionali che sono rimasti intrappolati nella Striscia di Gaza per anni.

Per quanto riguarda questi quattro partecipanti, non è possibile usare la metafora calcistica che ho usato nel commento di ieri lunedì, riguardo al clima del dibattito norvegese – dove a volte ci comportiamo come tifosi di calcio che tifano per la squadra di casa, a prescindere.

Leggi anche

Questa non è una partita di calcio

Per queste persone era molto pericoloso.

In tali situazioni e in un ambiente del genere, non possiamo aspettarci che i partecipanti siano in grado di ascoltarsi a vicenda o di “comprendere” le rispettive argomentazioni. È semplicemente chiedere troppo.

Quindi è quasi deprimente pensare a quanto sia stato bello il dibattito Potevo Divenne così, quando a un certo punto disse a Timraz che lui e Melchiorre si conoscevano già:

READ  - Hebdo al suo meglio - NRK Cultura e intrattenimento

Quando Timraz era un bambino, appena otto anni, furono intervistati suo padre palestinese e il padre di Melchior, l’allora rabbino di Oslo Michael Melchior. insiemesu una panchina a Oslo, di NRK.

L’occasione fu l’annuncio del Premio Nobel per la pace al leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina Yasser Arafat e ai leader israeliani Yitzhak Rabin e Shimon Peres nel 1993.

A quel tempo, 30 anni fa, la riconciliazione era all’orizzonte, e i due figli si strinsero a vicenda, visibilmente commossi dal ricordo dell’ormai tanto odiato Accordo di Oslo, prima che Timraz esclamasse:

– Da allora non è cambiato nulla, ma è peggiorato!

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debatt

Immagina se Frederik Solvang e NRK potessero cogliere questo momento!

Si sono concentrati esattamente su questi due partecipanti, su questo esatto evento. E ho chiesto loro di parlare del fatto che in questi quasi 30 anni, purtroppo, molto Modificato – in peggio:

  • In primo luogo, la più moderata e laica Organizzazione per la Liberazione della Palestina è stata notevolmente indebolita, e il movimento islamico totalitario Hamas ha preso il controllo completo di Gaza e dei suoi 2,3 milioni di abitanti.
  • In secondo luogo, le “colombe” sono state sostituite dai “falchi” nel governo israeliano, con il sempre più autoritario Benjamin Netanyahu a capo di una coalizione con il Likud e i partiti religiosi ultranazionalisti di estrema destra.
  • Poi ovviamente possiamo discutere su cosa sia venuto prima, se l’uovo o la gallina.

Ma mi piacerebbe sentire una discussione a riguardo!

Soprattutto se Timraz e Melchior evitano di passare secondi con loro, come Len Al-Khatib nel Comitato Palestinese Norvegese e Konrad Mirland in With Israel for Peace.

READ  Ci saranno eccezioni per stupro e incesto - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Leggi anche

Al-Niqash: Nega il “terrorismo”: – Scioccante

Che non riusciva a concedere un solo punto ai suoi avversari e che si comportava come i suddetti “tifosi” politici, entrambi apparentemente con un obiettivo in mente:

Per approfondire il dibattito già vacillante.

Anche con Timraz e Melchiorre in una conversazione penetrante possiamo avere una discussione sull’uovo o sulla gallina. Ma con comprensione umana. Forse con lampi di calore e disponibilità a riconoscere l’altro.

Sulla causa dell’indurimento dei fronti. Su come è successo. Il che potrebbe aiutare a risolvere la situazione.

Ma purtroppo abbiamo perso questa occasione.

Quindi forse non abbiamo nemmeno saputo del padre e del figlio Melchiorre Ancora Si allinea con le forze moderate in Israele, come lo scrittore e giornalista Amos Oz.

Un lettore mi ha inviato una citazione di Oz, che non era né un ragazzino né un ribelle.

Al contrario, oltre a scrivere lui stesso, è stato anche professore all’Università Ben Gurion, dal nome del grande leader del movimento sionista e primo primo ministro israeliano.

Leggi di più da Erik Stefansen

Ma, a differenza dei falchi di oggi di entrambe le parti, ha potuto vedere la complessa tragedia in cui si è effettivamente verificato questo conflitto. Ecco un estratto da un articolo in Il guardiano/osservatore Dal 2002:

In questa regione sono scoppiate due guerre israelo-palestinesi. Il primo è la guerra del popolo palestinese per la liberazione dall’occupazione e per il diritto all’indipendenza. Qualsiasi persona perbene dovrebbe sostenere la loro causa.

La seconda guerra è combattuta da fanatici islamici, dall’Iran a Gaza, e dal Libano a Ramallah, per distruggere Israele ed espellere gli ebrei dalla loro terra. Qualsiasi persona perbene dovrebbe aborrire questa lotta.

READ  -Ne vuoi uno nuovo il 6 gennaio?