Aprile 15, 2021

Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Italo-americani e la lingua del cibo: come Kalamari è diventato Kalamara e come la Ricotta è diventata Ricotta

Il New Jersey è un posto meravigliosamente vario. Nonostante sia uno stato relativamente piccolo, ha la più alta densità di popolazione negli Stati Uniti. Ha anche un’enorme quantità di residenti italo-americani.

Sono mezzo italiano, ma non parlo con una lingua sottile. Sono cresciuto in un luogo dove si celebra il concetto di Italia, dalla pizza e pasta a “I Soprano”. Tuttavia, mi ci è voluto un po ‘per notare che questa non era la cultura italiana, ma una “sezione” leggermente diversa: la storia e la cultura italo-americana che si erano sviluppate.

Ho iniziato ad accettare tutto fino alla scuola di cucina che l’esperienza italo-americana aveva da offrire, che era più di una semplice corteccia di pollo. Dalla bolognese e gli gnocchi alla carbonata e al finocchio, l’ampiezza della cucina italo-americana ha iniziato a venire in piena vista, e sono stato ansioso di imparare e consumare il più possibile sul cibo e sulla storia della cultura stratificata. (Inoltre non mi fa male avere un accento italiano assassino.)

Correlati: Assolutamente il modo migliore per cucinare il finocchio (perché questo ortaggio acerbo merita una rinascita)

Un vocabolario di domande che inevitabilmente viene fuori. Dove si volevano le parole Ricard, muzzarell, manigott, gabagool O Kalamar A partire dal? Perché sono così diverse dalle pronunce tecnicamente “corrette” insegnate nei corsi di italiano di tutto il mondo, come ricotta, mozzarella, manicotti, cappuccino e calamari? La risposta è al di là del gergo.

Parliamo di dialetti

La mia amica Angela Gallo, che è cresciuta parlando italiano nel New Jersey e ha iniziato a imparare l’inglese all’età di circa quattro anni, mi ha parlato di questo argomento dalla sua prospettiva unica. Angela ha osservato: “La lingua nazionale può essere l’italiano, ma ogni città ha una variante dialettale o linguistica che è completamente unica per le persone che ci vivono. Quando queste persone sono arrivate negli Stati Uniti, si sono unite per affrontare il nuovo mondo sconosciuto. “

READ  Ex Presidente della Repubblica Italiana Conte 5 Stelle - Capi POLITICO

Circa cinque anni fa, Gallo si è effettivamente trasferito da Modera nell’Italia meridionale, dove insegna inglese a persone che parlano italiano. Ha aggiunto: “Le abitudini che sentiamo quando visitiamo un negozio di specialità italiane o parliamo con italoamericani sono a chilometri di distanza dalla loro pronuncia effettiva, perché gli immigrati italiani che per primi hanno iniziato a vendere questi prodotti li chiamerebbero nella stessa lingua italiana che conoscevano: Il loro nome dialettale Con il passare degli anni, quando i bambini hanno rilevato i negozi dei genitori, i colloquialismi sono stati seguiti e formati un po ‘, portando così alla pronuncia di oggi. [certain] Parole. Sono un misto di dialetto italiano.

Come i dialetti italiani hanno dato origine allo “slang” italo-americano di oggi

C’è una vasta letteratura su questi argomenti, che approfondisce il modo in cui gli anelli vocali vibrano quando si pronunciano determinate lettere o suoni, così come le consonanti non dette e altri dettagli linguistici. Brian Alcamoy menziona J.P. Linguistica I dialetti principalmente meridionali hanno influenzato la pronuncia delle parole italo-americane, risultando in parole come Ricard. In molti casi, la lettera finale, in alcuni casi solo una lettera, ad es. Mortadel Al posto della Mortella – abbandonato. Questo è ulteriormente chiarito Il meglio di N.J., Dove scrive Fabiana Santana, “Gli immigrati dall’Italia venivano dal sud Italia, dove era comune lasciare la vocale finale in una parola e cambiare la consonante sorda in suoni gay. Capillare, Come nei suoni G, per le consonanti vocali gabagool. “

La voce di New York Negli Stati Uniti “L’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo e la quinta lingua straniera più studiata nelle università americane”. È molto difficile determinare quante persone nel mondo parlano i dialetti italiani. Herman W. Holler in “Discorsi italiani negli Stati Uniti e Lingua Franca italo-americana” Appunti “Per quanto riguarda la madrepatria, gli italiani che vivono negli Stati Uniti generalmente non hanno l’espressione degli italiani standard. Spesso creano luoghi per i parlanti vernacolari dell’Italia meridionale in un contesto culturale e linguistico dominante, dove per lungo tempo la lingua l’italiano e la lingua “etnica” o “immigrata” non dovrebbero essere insegnate nel sistema scolastico con poca attenzione. “Secondo Atlas AbscuraDon Nosovitz, l’80% degli italoamericani è del Sud. Lo stesso articolo rileva che la composizione linguistica dell’Italia nell’Ottocento era molto diversa e che le isole meridionali della Sicilia e della Sardegna erano “essenzialmente paesi diversi”.

READ  Movimento per porre fine alla pubblicità cittadina sul controverso quotidiano italo-canadese

Creare una nuova comunità

Quando questi individui emigrarono negli Stati Uniti, si dispersero principalmente in tutto il nord-est. “L’italiano italo-americano non è come l’italiano standard. Invece, è la costruzione dei restanti pezzi congelati da lingue che in realtà non esistono in Italia, con un intervento minimo dell’italiano moderno”, aggiunge Nosovitz. In qualche modo, questa nuova “lingua” ha permesso agli immigrati italiani di sviluppare una nuova comunità negli Stati Uniti. “Non sono autorizzati a parlare italiano qui, ma non parlano inglese. Questo è ciò che ha permesso loro di creare una comunità al loro interno”, scrive Santana.

Come molti immigrati, molti italoamericani non insegnano la “lingua di casa”, credendo che consentirà ai loro figli e nipoti di imparare l’inglese e integrare la cultura più facilmente – il che è un peccato. Tuttavia, queste peculiarità sono intrecciate in modo interessante. Nel 2021, potresti sentire qualcuno ordinare qualcosa di nuovo mutz Un tele o Kalamar In una pizzeria. Ovviamente ci sono altre domande sulla pronuncia italo-americana Changwich O Marscaphone, Che potrebbe essere una conversazione linguistica per un altro giorno.

Altro da Michael Law Court: