Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Jarlie Bernhoft parla di doppio ruolo: – Doveva salire a bordo di un aereo privato a causa del cambio dei pannolini

Jarle Bernhoft è l’uomo e l’artista con gli occhiali più funky che l’industria musicale abbia mai visto nell’era moderna e molti di noi possono invidiarlo.

Il genio multistrumentale ha guadagnato slancio nella sua carriera come artista solista nel 2011, e da allora la sua musica è stata molto apprezzata dai fan in patria e all’estero.

Bernhoft è stato chiesto più volte ogni volta che ci incontriamo, ma solo in questa stagione ha scelto di dire di sì. Sabato è stato l’ospite d’onore del programma di musica popolare.

– Ogni volta che ci siamo incontrati, è stata un’ottima esperienza nel complesso. Le poche cose che mi chiedevo se sarebbe stato un po’ difficile non sono diventate affatto difficili, dice quando TV 2 ha incontrato il musicista al Purvika di Oslo.

Grazie: a Bernhoft è stato chiesto più volte di partecipare ogni volta che ci incontriamo. Questa volta ha detto di sì. Foto: Frode Sunde/TV 2

Anche l’artista soul non ha esitato sul motivo per cui aveva scelto di unirsi a questa particolare stagione.

Guarda Bernhoft parlare di ogni volta che ci incontriamo e dei grandi contrasti nella vita, nel video in cima alla scatola.

paura delle spiegazioni

Bernhoft è stato nel mondo della musica per molto tempo, ma anche se oggi ha una buona fiducia in se stesso come musicista, non si sentiva pronto a farsi coinvolgere ogni volta che ci siamo incontrati prima.

“Non mi sentivo abbastanza sicuro di me stesso come persona e come artista per poter dire di sì prima,” dice.

Hills: Stig Brenner, Maj Britt Andersen, TIX, Myra, Arif, Anna of the North e Øystein Greni sono gli artisti che sabato onoreranno Bernhoft.  Foto: Vegard Breie/TV 2

Hills: Stig Brenner, Maj Britt Andersen, TIX, Myra, Arif, Anna of the North e Øystein Greni sono gli artisti che sabato onoreranno Bernhoft. Foto: Vegard Breie/TV 2

Ammette di aver anche concepito uno scenario horror per partecipare al programma.

– Ho pensato un po’ così: e se mi fossi seduto lì ai miei tempi, e la gente facesse copie delle mie canzoni – e poi non mi piacesse? Poi mi siedo lì con la telecamera addosso… non potevo nasconderlo. Se penso che qualcosa stia causando lo stress, provo disagio fisico.

– Ma per fortuna mi sono liberato di questo disagio.

GIOVANE PESCATORE: Bernhoft ha davvero avuto un assaggio della vita vacanziera a Kjerringøy da bambino.  Foto: privato

GIOVANE PESCATORE: Bernhoft ha davvero avuto un assaggio della vita vacanziera a Kjerringøy da bambino. Foto: privato

La stagione di quest’anno è stata registrata nell’idilliaca Kjerringøy, un luogo in cui Bernhoft ha un rapporto molto speciale. E non ha nascosto il fatto di essere stato venduto quando ha sentito dove è stato registrato il programma.

– Ho radici di Kjerringøy. Mio padre visse lì i suoi primi anni, in realtà durante la guerra. Ha costruito un cottage lì con suo padre, quindi sono stato a Kjerringøy ogni estate più grande. Sento un forte senso di appartenenza a quel luogo.

I ricordi estivi della North Norwegian Pearl bruciano nella memoria.

– C’era molta caccia e poco sonno. Questo è il caso in cui i meridionali inesperti sono esposti alla luce del giorno tutto il giorno. Ma c’è stato anche molto maltempo con pioggia che non è caduta, ma ha colpito lateralmente le fruste. Poi mi sdraiavo e leggevo fumetti, e facevamo anche bibite con questo distributore di bibite casalinghe. Ricorda che potrebbe aver avuto un sapore esattamente come “l’uovo”, ma era comunque la migliore bevanda analcolica dell’universo.

Ricordi d'estate: Bernhoft ha molti bei ricordi d'infanzia di Kjerringøy.  Foto: privato

Ricordi d’estate: Bernhoft ha molti bei ricordi d’infanzia di Kjerringøy. Foto: privato

– Cosa distingue Kjerringøy?

C’è luce lì – aria e un odore che non riesco a trovare da nessun’altra parte. Sono stato in parecchi posti in questo paese, ma la luce al tramonto non riesco a trovare la corrispondenza.

Jarl Bernhoft

Nato: 21 giugno 1976

È sposato con Lisa Bernhoft Sujoden e ha due figli, Samuel e Benjamin.

Ha fondato la rock band Span, che si è sciolta nel 2005. L’anno successivo ha avuto una breve carriera come chitarrista e cantante dei Big Bang.

Si è fatto avanti come artista solista nel 2011 con l’album “Solidarity Breaks”.

Ha vinto il Premio Spellemann dell’anno ed è stato nominato miglior artista maschile durante il Premio Spellemann 2011.

Nominato per un Grammy Award come miglior album R&B per “Islander” nel 2014.

Ho visitato i principali talk show americani come The Ellen DeGeneres Show e Conan O’Brien Show.

Fiducia in se stessi e paura

Bernhoft è un artista con una vita teatrale che la maggior parte di noi può solo sopportare e ammirare. Ma mentre è fiducioso in ciò che ottiene sul palco, ammette che non è stato facile relazionarsi con l’attenzione e la performance.

– Sono sempre stato molto timido e ricordo di essermi nascosto ogni volta che dovevo cantare da bambino. Ma, ironia della sorte, ho sempre desiderato attenzioni.

Nel corso degli anni, il 45enne ha capito come affrontare il suo imbarazzo.

– Devo essere un po’ ben preparato e prendermi cura delle mie cose. Se non sono pronto, mi blocco completamente. Ma gradualmente ho acquisito una sicurezza di base nelle cose che so di portare.

Anche se non è improbabile che sia ben preparato, funzionerà comunque.

Ma sarà sempre il tipo che deve sedersi e allenarsi molto duramente per calmare la testa.

Schumann: Bernhoft è un artista ricercato che ha impressionato gli appassionati di musica in patria e all'estero.  Qui si esibisce alla cerimonia del Premio Nobel per la Pace nel 2020. Foto: Terje Pedersen / NTB

Schumann: Bernhoft è un artista ricercato che ha impressionato gli appassionati di musica in patria e all’estero. Qui si esibisce alla cerimonia del Premio Nobel per la Pace nel 2020. Foto: Terje Pedersen / NTB

– Penso che tu possa vederlo a volte, e chiudo gli occhi. È un’altra cosa imbarazzante che sto cercando di affrontare, dice, inventando qualcosa che ha sognato così tante volte:

– Ho un incubo che si ripete, e in quell’incubo sono Winch Voss alla premiere. Il tappeto si alza e poi non posso fare niente. Questo è il peggio che conosco. Non so perché sono esattamente Wenche Foss in questo sogno, ma ora lo sono, dice e ride.

È iniziato presto: con i genitori musicisti, è stato naturale per il giovane Bernhoft imparare diversi strumenti.  Foto: privato

È iniziato presto: con i genitori musicisti, è stato naturale per il giovane Bernhoft imparare diversi strumenti. Foto: privato

Da rock star ad artista soul

Bernhoft è cresciuto a Nettedale ed è stato naturale per lui sviluppare questo interesse per se stesso con gli amanti della musica come genitori.

– Ho suonato in un battaglione, cantato in un coro e cose diverse. Dice che solo quando ho iniziato a suonare la chitarra la chiave ha suonato davvero.

Quando aveva 16 anni, ricevette l’annuncio che avrebbe iniziato nella linea musicale. Lo descrive come un viaggio culturale. La grande ispirazione sono stati gli Iron Maiden e gli ACDC, e alla fine è arrivato in un ambiente in cui tutti si rispettavano a vicenda e ciò che bruciavano dentro.

Insieme al compagno di classe Frittjof Nielsen, fondarono la rock band Span, che sarebbe stata l’inizio della sua carriera musicale. Ma è davvero decollato come artista solista quando ha pubblicato quello che sarebbe diventato un gigante di YouTube con la canzone “C´mon Talk” nel 2011.

– Sei passato dall’essere il protagonista in una rock band – a perseguire una carriera da solista come artista soul. È stato difficile trovare il tipo giusto?

– No, si è acceso da solo quando finalmente ho tirato fuori il mio unico dito. Sono stato molto interessato a questo tipo di musica per molto tempo, da quando abbiamo fondato Span, quindi è stato un modo naturale di procedere.

STUDIO PROPRIO: a casa a Oslo, Bernhoft trascorre la maggior parte della sua vita quotidiana nel suo studio in garage.  Foto: Gitte Johannessen / NTB

STUDIO PROPRIO: a casa a Oslo, Bernhoft trascorre la maggior parte della sua vita quotidiana nel suo studio in garage. Foto: Gitte Johannessen / NTB

Errori di battitura e cruciverba

Anche un artista eccezionale può vivere momenti in cui alcuni progetti vanno bene e altri no. Ogni volta che ci incontriamo, Bernhoft racconta gli alti e bassi della sua carriera e la grande occasione che ha avuto due anni fa.

– Nell’ultima pausa, ho sentito di aver lavorato sodo per molto tempo, che era difficile far uscire la musica e la band. Poi ho notato che ero stato seduto in un mantello per diverse settimane senza fare altro che fare cruciverba. Sono andato dal dottore e ho ricevuto una nota soddisfacente.

– Hai trovato un modo per affrontare le colline ora?

Penso che ci siano molti fattori che giocano un ruolo. Ora stiamo davvero con le metafore qui, ma essere in buona forma fisica è generalmente una buona cosa per le colline. Sia per il figurativo che per il reale. Quindi questo mi aiuta a calmarmi comunque dai miei alti e bassi. Sono un artista da 25 anni ormai, e nessuno ha avuto molti anni di continuo successo.

ALTI E BASSI: Le difficoltà della sua carriera sono state difficili per Bernhoft.  Oggi sente una calma completamente diversa sulle valli della vita.  Foto: Frode Sunde/TV 2

ALTI E BASSI: Le difficoltà della sua carriera sono state difficili per Bernhoft. Oggi sente una calma completamente diversa sulle valli della vita. Foto: Frode Sunde/TV 2

Ma le altezze possono anche arrivare nel mezzo di un successo più costoso, dice. Qui mira a bilanciare la vita di padre e di artista.

– È difficile scappare dalla famiglia. Era “pesante” quando mio figlio si era alzato in piedi e si era aggrappato alla mia gamba quando dovevo andarmene. C’è molta cattiva coscienza – che, ovviamente, non è affatto produttiva. Non aiuta nessuno.

La richiesta: Bernhoft aveva molta cattiva coscienza a causa dei bambini.  Ma durante la pandemia, ha trascorso molto tempo con la sua famiglia.  Foto: Frode Sunde/TV 2

La richiesta: Bernhoft aveva molta cattiva coscienza a causa dei bambini. Ma durante la pandemia, ha trascorso molto tempo con la sua famiglia. Foto: Frode Sunde/TV 2

Insieme alla moglie Lisa Bernhoft Sujoden (40), ha i figli Samuel (11) e Benjamin (4). E se c’è da credere allo stesso Bernhoft, ci sono molte indicazioni che i bambini abbiano ereditato la sua musica.

– Penso che siano entrambi molto musicali. Hanno un grande senso del ritmo, ascoltano molto la musica e cantano tutto il tempo. L’uomo più anziano ha suonato dei violoncelli, ma non gli andava bene.

Cambio ritardato dei pannolini

Conciliare vita familiare e opere d’arte non è solo un requisito, ma introduce anche alcuni eccitanti contrasti nella vita. Almeno questo è ciò che pensa Bernhoft.

Mi piace passare dal contatto con il suolo all’altitudine. Quotidianamente, l’equilibrio è semplice, perché poi il collegamento terrestre è più presente.

Contratti: Bernhoft sente davvero le contraddizioni nella vita di padre di bambini piccoli e di artista.  Foto: Vegard Breie/TV 2

Contratti: Bernhoft sente davvero le contraddizioni nella vita di padre di bambini piccoli e di artista. Foto: Vegard Breie/TV 2

Ma alcune transizioni possono essere molto importanti e il padre di un bambino fornisce un buon esempio:

– C’è stato un tempo in cui ho dormito perché ero così stanco che stavo cambiando i pannolini ecc. E poi ho dovuto semplicemente prendere un jet privato per andare a tenere un concerto. Bene, ho dormito per via dei cambi di pannolini! Penso che tali trasformazioni siano un po’ come “wow”.

Potrebbe anche trovare bello giocherellare dopo il ballo di fine anno.

Quando sono sul palco, sono un centro dove le persone applaudono quello che sto facendo. Fino a quando non sarai in grado di mettere in valigia il tuo altoparlante, c’è solo qualcosa di carino in questo. Per legarli insieme in un piccolo regalo per me stesso.

Non seguire le indicazioni

Non è noto che l’industria musicale sia difficile e bisogna lavorare per rimanere attraenti come musicisti. Bernhoft ha trovato la pace ed è fiducioso su come mantenere la sua carriera in carreggiata.

Credo fortemente nel duro lavoro. Finché penso che la musica che sto facendo sia buona, va bene anche per qualcun altro. E poi penso che sia evidente che mi piace farlo.

Come musicista hai paura di diventare in qualche modo obsoleto?

– Stai invecchiando, se non sei troppo entusiasta di seguire le tendenze allora. non me. Potresti aver appena trovato la calma che va su e giù, dice Soul Artist per TV 2.

Guarda Ogni volta che ci incontriamo ogni sabato alle 20:00, quando vuoi in TV 2 Gioca.

READ  Trond Gesek e Hadi Nji diventano di nuovo genitori - VG