Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Jeddah, Scienza | Ora è finalmente scientificamente determinato: le nonne – di regola – ti fanno bene!

I ricercatori ora affermano di aver trovato prove di ciò che molti di coloro che sono cresciuti con le nonne sanno fin troppo bene: le nonne hanno un forte istinto per la cura e tratti innati che le spingono a preoccuparsi profondamente dei loro nipoti.

(NTB 🙂 Il nuovo studio è Pubblicato nella Royal Society B Questa settimana, è il primo a misurare l’attività nel cervello quando le nonne potevano vedere le immagini dei loro nipoti. Tali immagini hanno attivato attività nel cervello legate all’empatia emotiva.

I ricercatori della Emory University in Georgia hanno utilizzato la tecnologia FMRI per catturare immagini del cervello di 50 nonne. FMRI – risonanza magnetica funzionale – è una tecnica di imaging cerebrale che può causare cambiamenti nell’attività in aree del cervello umano o animale.

Le nonne che hanno partecipato al sondaggio hanno potuto vedere le foto dei nipoti dai 3 ai 12 anni. Come controllo, sono state mostrate anche immagini di bambini sconosciuti, un padre dello stesso sesso del nipote e un adulto sconosciuto.

Ricordi la novità russa che si è diffusa nel 2017?


Mostra gli stessi sentimenti

Gli studi hanno dimostrato che quando i nonni guardavano le foto dei nipoti, anche in loro erano attive le stesse emozioni che apparivano nella foto.

Significa che quando il bambino esprime la sua gioia, prova gioia. Quando un bambino esprime disperazione, si sente allo stesso modo, afferma l’antropologo e ricercatore James Rilling, che ha guidato lo studio.

L’attività nel cervello è cambiata quando le nonne hanno guardato le immagini dei loro figli adulti. Poi c’è stata una più forte attivazione della parte del cervello associata all’empatia cognitiva, cioè quando si cerca di capire cosa prova una persona e perché. Quindi l’impegno emotivo era inferiore.

READ  Onde calde a Bergen | lotta di classe

– Questo può essere correlato al bell’aspetto dei bambini – scientificamente noto come “look da bambino”. Ciò significa che la maggior parte di noi ha un senso interiore di ciò che è dolce. Questo è uno dei motivi per cui i bambini piccoli suscitano una risposta educativa.

Questa è una nonna fuori dal comune:


primo nel suo genere

Rilling, che in precedenza aveva condotto ricerche simili sui padri, questa volta ha voluto attirare l’attenzione sulle nonne. Voleva esplorare una teoria in antropologia nota come “ipotesi della nonna”.

Secondo questa ipotesi, ci sono ragioni evolutive per cui le donne spesso vivono una vita lunga, vivendo oltre i loro anni riproduttivi. Il motivo è che devono aiutare la prole dei loro figli adulti.

Prove a sostegno di questa ipotesi sono state trovate in diverse comunità, tra cui il popolo Hadza che vive in Tanzania. Queste persone vivono come i loro antenati per decine di migliaia di anni, come cacciatori e raccoglitori. In questo gruppo, le nonne nutrono i nipoti.

A differenza di molti altri primati, gli umani lavorano insieme per nutrire e allevare la prole.

Lo stesso è stato osservato anche in altre specie, come gli elefanti. Come gli esseri umani, gli elefanti continuano a vivere per decenni oltre la loro età riproduttiva, a differenza della maggior parte degli altri mammiferi.

Questo è il primo studio sulla “mente della grande madre”, dice Rilling. Dice che la maggior parte degli studi sul cervello anziano di solito si occupa di stati patologici, come il morbo di Alzheimer.

Non tutte le nonne sono ugualmente comode:

READ  La Convenzione di Glasgow è un passo nella giusta direzione

Sezione trasversale

Le nonne che hanno partecipato allo studio provenivano da uno spaccato della popolazione.

Inoltre è stato chiesto loro di compilare un questionario.

Le nonne che hanno risposto di avere un desiderio maggiore di partecipare alle cure hanno avuto una maggiore attività nelle aree rilevanti del cervello.

Quando Rilling ha finalmente confrontato il nuovo studio con i risultati del suo precedente lavoro con i padri, ha scoperto che le nonne in genere avevano più attività in aree che coinvolgevano l’empatia emotiva e la motivazione rispetto ai padri.

Ha sottolineato che questo risultato è solo una media e non si applica necessariamente agli individui.

Oslo aveva un bombarolo. Porsgrunn era la signora nera

peggio e meglio

Rilling ha anche intervistato ciascuna delle nonne per scoprire quali credono siano le sfide e le ricompense dei nonni.

– In generale, la differenza di opinione con i genitori sull’educazione è stata la più difficile.

– ma scherziamo anche molto sul vantaggio che i nonni possono riportare indietro solo i loro nipoti – non è un lavoro a tempo pieno essere una nonna, dice Rilling.

Diverse nonne hanno anche detto che sentivano di poter essere più presenti ora che non erano più schiave del tempo o della pressione finanziaria, come lo erano quando allevavano i loro figli.

Molti in realtà hanno detto che gli piaceva essere una nonna più che una madre, dice Rilling.

(© NTB)