Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

John Frederiksen vende alla Carriers Corporation – E24

Frederiksen sta andando nella direzione opposta della famiglia Freight, che sta cercando di impedire a Frontline di superare il rivale Euronav.

Il miliardario John Frederiksen è uno dei principali armatori.
pubblicato:

La lotta per il potere tra John Frederiksen e la famiglia di armatori belgi Saverys intorno a Euronav prende una nuova svolta.

Dopo che quest’ultimo ha messo sul tavolo miliardi di corone per acquistare la compagnia aerea e fermare la fusione con Fredriksen’s Frontline, l’ormai magnate miliardario ha fatto il tutto esaurito.

La società di investimento Frederiksen Hemen Holding ha ceduto 2,02 milioni di azioni di Euronav, secondo una notifica inviata all’organismo di vigilanza finanziaria statunitense, la SEC. Le vendite sono avvenute tra il 5 e il 7 dicembre.

In base alla quotazione di chiusura di ieri alla Borsa di New York, vale circa 34 milioni di euro, ovvero circa 340 milioni di NOK.

Dopo la vendita, Hemen Holding e Frontline possiedono un totale di 35,86 milioni di azioni Euronav, pari al 18% delle azioni in circolazione della compagnia di navigazione.

Leggi su E24+

Shippingfest a Oslo Borz: – Periodo molto forte

– Ovviamente è un po’ sorprendente

Non è chiaro perché Frederiksen sia stato venduto. La società di brokeraggio Pareto Securities commenta lo sviluppo come segue:

– Ovviamente questo è un po’ sorprendente e arriva perché i Savery aumentano costantemente la loro partecipazione e ora dovrebbero essere in grado di impedire una fusione diretta. Dal momento che il mercato non ha ancora valutato appieno la fusione, ciò potrebbe sollevare alcune domande, scrive Pareto, citato anche da Infront TDN Direkt.

READ  L'altezza evapora alla Borsa di Oslo - E24

Secondo un rapporto all’inizio di questa settimana, l’azienda di famiglia di Saverys, CMB, detiene una partecipazione del 23,99% in Euronav. L’accordo di fusione tra Frontline ed Euronav richiedeva inizialmente che il 75% degli azionisti lo accettasse come una fusione pura, e quindi stanno per essere in grado di impedirlo.

Tuttavia, le due compagnie di navigazione hanno successivamente modellato l’accordo come un’acquisizione per neutralizzare l’opposizione, il che significa che la soglia minima di accettazione di Frontline dovrebbe essere del 50,1%.

La quota di Euronav è aumentata di oltre il 100% quest’anno.

Leggi su E24+

Rise of the Tankers: – Tieniti il ​​cappello

– È impossibile determinare il possibile risultato

I termini della fusione proposta sono, tra le altre cose, che gli azionisti Euronav ricevano 1,45 azioni Frontline per ogni azione Euronav. Il lancio ufficiale dell’offerta (“Offerta pubblica di acquisto”) è previsto durante il primo trimestre del 2023, che è un ritardo rispetto alla fine di quest’anno.

I Savery ritengono che questa non sia una proposta appropriata e preferirebbero che Euronav si tenesse alla larga dal trasporto di petrolio e si concentrasse sull’ecologia. E così hanno cercato di coinvolgere altri azionisti in una rivoluzione, e hanno anche acquistato più volte in Euronav, cosa che ha fatto anche il sistema Fredriksen. Il primo ha anche tentato di coinvolgere nuovi membri del consiglio senza successo.

Il direttore di prima linea Lars Barstad ha detto all’E24 all’inizio di questo autunno di non essere sicuro dell’esito della gigantesca fusione di carri armati.

È impossibile determinare il risultato più probabile. Partiamo dal presupposto che controlliamo più del 50,1% della società. Ha detto che è difficile dire se arriveremo al punto in cui possiamo completare una fusione completa.

READ  Letizia porterà più giovani donne e accademie femminili