Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Julian Assange, Erling Borgen |  Erling Borgen sul caso Assange: – Disgrazia internazionale

Julian Assange, Erling Borgen | Erling Borgen sul caso Assange: – Disgrazia internazionale

Il giornalista di lunga data della NRK Erling Borgen si trova attualmente nel Regno Unito, dove l'Alta Corte di Londra si sta occupando della questione se il fondatore di WikiLeaks Julian Assange debba essere estradato alle autorità statunitensi, dove è accusato di 18 capi di imputazione per spionaggio.

Julian Assange ha messo in pericolo gli informatori quando ha rilasciato grandi quantità di documenti segreti statunitensi, hanno detto mercoledì gli avvocati statunitensi a un tribunale di Londra.

Leggi il tuo caso: Avvocati statunitensi: – Assange mette a rischio gli informatori

Assange e i suoi sostenitori credono che non abbia fatto nulla di male e che la sua estradizione costituirebbe un grave attacco alla libertà di espressione e alla libertà di stampa. Lo stesso vale per Borgen, che è membro del comitato di Assange per l'organizzazione per la libertà di espressione Norsk Ben.

– È un peccato. “Una vergogna internazionale, e le autorità norvegesi non hanno fatto nulla per far uscire Assange di prigione”, ha detto Borgen a Netavisen al telefono da Londra.

Leggi anche

– Identificherà la divulgazione giornalistica con lo spionaggio

Borgen dice che Assange rischia 175 anni di prigione. Secondo la BBC, le autorità americane ritengono molto probabile una pena detentiva dai quattro ai sei anni, cosa a cui l'esperto giornalista non crede molto.

– In questo caso, mi fido degli avvocati di Assange molto più di quanto dicono gli americani nel contesto della propaganda, dice.

Borgen non crede che la corte permetterà ad Assange di ricorrere in appello, e dice che gli avvocati di Assange hanno poi detto che avrebbero presentato ricorso alla Corte Europea dei Diritti Umani. La domanda quindi è se Assange verrà inviato negli Stati Uniti o se gli sarà permesso di rimanere in Inghilterra fino alla conclusione del caso.

READ  Un uomo è morto in un incidente sugli sci a Hemsedal: - Terribilmente tragico

Rispetto a Navalny

Quando Netavisen ha parlato con Borgen mercoledì mattina, mancava solo circa un’ora prima che i manifestanti si radunassero nella capitale inglese per celebrare il loro sostegno ad Assange.

Erling Borgen descrive la sua presenza a Londra come “molto forte” e dice di aver parlato con gli avvocati di Assange e con la moglie di Assange, Stella.

– La sua salute è pessima, quindi non è in tribunale e non vuole guardare il processo in video.

Leggi anche

Assange è troppo malato per comparire in tribunale

Borgen paragona anche il trattamento di Assange a quello del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny, che è stato recentemente trovato morto dopo aver trascorso del tempo in una prigione russa.

– Come tutte le persone riflessive e giuste, prendo fortemente le distanze da quanto accaduto a Navalny. Dice: Penso che ciò che sta accadendo con Julian Assange sia la stessa storia.

Borgen ribadisce ancora una volta le sue critiche alla gestione del caso da parte delle autorità norvegesi e afferma inoltre:

– Temo cosa accadrà se Assange non verrà rilasciato immediatamente dal carcere.

– Non credi che Assange avrà un giusto processo se verrà estradato negli Stati Uniti?

-Il processo per spionaggio è sostanzialmente segreto e non hai idea di cosa stia succedendo. Penso che il motivo per cui le persone hanno fatto una campagna così forte contro Assange, giornalista e attivista dei media, è perché ha assicurato che i giornali di tutto il mondo fossero in grado di denunciare come gli Stati Uniti e il Regno Unito abbiano commesso massicci crimini di guerra in Iran e in Iran. Afghanistan.

READ  Migranti bloccati su piccole isole del Mar Egeo

“Lo fanno per spaventare i giornalisti e allontanarli dal fornire informazioni simili in futuro”, dice Borgen.

Leggi anche

Nominato per il Premio per la Pace

Avvocato: Troppo malato per chiederlo

Lo stesso Julian Assange non si presenta davanti alla corte quando viene affrontata la questione della sua estradizione negli Stati Uniti.

Il suo avvocato aveva precedentemente affermato che il 52enne era troppo malato per incontrarlo.

Assange si trova in un carcere di massima sicurezza a Londra da quando è stato espulso dall’ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2019. Sua moglie Stella, la scorsa settimana, ha avvertito che la sua “salute mentale e fisica si sta deteriorando”.

Il presidente Ann Margit Austenå di Norsk PEN ha detto questa settimana a questo proposito:

Se Julian Assange venisse estradato negli Stati Uniti, equipararebbe la denuncia giornalistica allo spionaggio, un pericoloso attacco alla libertà di espressione e alla libertà di stampa in tutto il mondo. Costituirebbe inoltre un pericoloso precedente per altri che denunciassero crimini di guerra e abusi di potere. Il caso di Julian Assange riguarda tutti noi.