Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Kramer: Scioccato dal comportamento dei norvegesi

Nei giorni e nelle settimane successivi all’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio, la nazionale russa si è esibita regolarmente in Norvegia.

L’autobus del lubrificante della nazionale russa è stato segnalato e vandalizzato. I praticanti hanno ricevuto dichiarazioni gergali da passanti, messaggi osceni e incitamento su Internet.

Anche l’allenatore della nazionale Markus Kramer è stato esposto al caldo.

– Sono rimasto davvero scioccato e rattristato da quello che è successo. Sono praticanti, non soldati. Tutto scritto sui media. È stato un grande shock quando ho visto cosa è successo. So anche che i praticanti hanno ricevuto molti commenti sporchi. Markus Kramer dice che non è qualcosa di cui abbiamo bisogno nello sport NRK.

Il caldo intenso alla fine ha impedito al tecnico della nazionale di continuare nella sua posizione. Cramer è ora l’allenatore della nazionale italiana di sci di fondo.

Dice che una volta che ha lasciato il suo lavoro con la nazionale russa, i messaggi hanno smesso di apparire.

I russi dovrebbero essere lasciati a competere
Kramer, che è stato l’allenatore di sci di fondo della Russia dal 2015 fino a marzo di quest’anno, ritiene che gli atleti russi dovrebbero poter tornare alle competizioni internazionali.

La mia opinione è che dovrebbero competere. Sport e politica dovrebbero essere separati, ma come abbiamo visto molte volte prima, non funziona così. È anche difficile capire che in altri sport, come il tennis, si può partecipare, mentre non si può partecipare ad altri sport. Sono anche contrario alla guerra in Ucraina. Ma Kramer ha detto a NRK che i praticanti in Russia non stanno prendendo parte alla guerra.

READ  Budo / Glimt - Ricevi un aiuto inaspettato

Nota anche che danneggerebbe l’interesse per lo sport se i russi venissero banditi questo inverno.

– Spero che parteciperanno quest’inverno, perché senza gli atleti russi sarà uno spettacolo unico. Kramer dice che non va bene per lo sport.

In linea con il Comitato Olimpico Internazionale
Il punto di vista di Kramer sul permettere ai russi di tornare alle competizioni è in linea con le raccomandazioni del Comitato Olimpico Internazionale.

– Come si può garantire giustizia nelle competizioni sportive internazionali quando le autorità scelgono di lavorare politicamente e decidono chi può e chi non può partecipare? Oggi parliamo di Russia e Bielorussia, e domani potrebbe essere il vostro paese di cui discuteremo. Non c’è paese al mondo che tutti amano. Questo tipo di comportamento va contro tutti i principi che rappresentiamo, ha detto il presidente del CIO Thomas Bach all’Assemblea generale dell’ASOIF a Losanna a giugno.

Leggi anche: Il Comitato Olimpico Internazionale è pronto a liberare i russi