Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La bolla più grande della mia carriera

“In questo momento, siamo probabilmente nella più grande bolla della mia carriera”, afferma Richard Bernstein, un noto e veterano investitore di Wall Street. alla CNBC.

Il veterano del mercato azionario, che è stato anche consulente dell’importante banca di investimento Merrill Lynch, è uscito all’inizio di quest’anno e ha avvertito che Bitcoin è una bolla. Da allora, il valore è leggermente aumentato, ma negli ultimi tre mesi c’è stato ancora un calo del 20%.

– kryptonite

Ora non è la criptovaluta che preoccupa Bernstein. Quando dice che potrebbe essere la più grande bolla della sua carriera, suggerisce che è più grande della bolla delle dot-com all’inizio del millennio, e della bolla della casa che è stata il catalizzatore della crisi finanziaria nel 2008.

“Tutti coloro che hanno questi investimenti a lungo termine devono essere molto convinti che il tasso di interesse rimarrà basso a lungo termine, non salirà, perché è la kryptonite di questa bolla”, afferma Bernstein.

Eric Bruce, capo stratega di Nordea, spiega che si tratta principalmente di obbligazioni. La Federal Reserve degli Stati Uniti ha acquistato obbligazioni, e le sta acquistando, per mantenere i tassi di interesse artificialmente bassi.

Si potrebbe sostenere che parti del mercato azionario dipendono da tassi di interesse bassi e lunghi. Se il reddito arriva lontano in futuro, vale di più se i tassi di interesse sono bassi. Alcuni titoli si basano su un reddito più elevato in futuro e il loro valore diminuirà all’aumentare del tasso di interesse, afferma Bruce a Bursen.

READ  Metà della popolazione è stata colpita dalla chiusura

Dubbi sull’effetto bolla

Ciò riguarda in primo luogo le società in crescita, poiché gran parte del prezzo dipende dal reddito che verrà lontano nel futuro.

– Fumeranno se i tassi di interesse salgono. Gran parte dell’argomento di Bernstein, dice Bruce, è che i tassi di interesse sono artificialmente bassi, che esploderanno e che i tassi di interesse aumenteranno prima che lui faccia la sua valutazione:

– Non sono convinto. Siamo stati in un mondo in cui i tassi di interesse sono scesi. È aiutato dalla banca centrale, ma può anche essere spiegato dalla demografia. Deve cambiare così rapidamente, che i tassi di interesse salgono molto – può succedere – ma ne dubito.

L’economista di Norda spiega che è in corso un dibattito sul fatto che la banca centrale sia o meno indietro.

– Molti credono che la banca centrale sia indietro, che ci sarà inflazione, e quindi bisogna attuare forti aumenti dei tassi di interesse.

Quando si tratta di una bolla o meno, Bernstein e Bruce concordano pienamente sul fatto che non si tratta di una bolla per l’intero mercato.

– Stiamo bilanciando questi investimenti a lungo termine, altamente esagerati e la bolla, contro il resto del mondo. A meno che i flussi di liquidità non si esauriscano, il che è altamente improbabile, afferma Bernstein, le possibilità di una flessione del mercato sono probabilmente molto più basse di quanto si pensi.

READ  I rifiuti di plastica saranno usati per costruire case - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Rilancio nei mercati azionari

Bruce è d’accordo:

– È uno scenario rischioso. Quando si parla di bolla, non è l’intero mercato. Parla di titoli che dipendono dai tassi di interesse a lungo termine. Se prendi l’ampio mercato azionario, dice Bruce, sei lontano dalla bolla.

Per il risparmiatore medio, la cosa più importante è avere un portafoglio ampiamente diversificato e diversificato. Ci sono lati rischiosi nel mercato e uno di questi dipende dal fatto che i tassi di interesse rimangano bassi.

Per quanto riguarda le borse, quest’anno sono cresciute naturalmente con l’obiettivo di riaprire in tutto il mondo.

La borsa di Oslo è salita del 18,21% e l’8 gennaio di quest’anno l’indice azionario ha chiuso per la prima volta nella storia oltre 1.000 punti.

Se guardiamo all’indice S&P 500 degli Stati Uniti ampiamente composto, quest’anno c’è anche un aumento di oltre il 19%.