Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La borsa di Oslo bocciata: gli occhi di tutti sulla Federal Reserve americana

La Borsa di Oslo è scesa un po’ dall’inizio prima di diventare positiva. A metà della giornata di negoziazione, l’indice principale è sceso di nuovo e subito dopo le 13:00 è sceso dello 0,1 percento.

La compagnia di spedizioni di rinfuse secche Western Bulk è cresciuta sin dall’inizio dopo la compagnia Mercoledì mattina, il suo risultato atteso è aumentato Per il 2021, finora è sceso dello 0,4%.

Mercoledì, Aurora Estate è andata in borsa. in un In estate si è saputo che l’investitore alberghiero Peter Stordalen, il proprietario del Norgesgruppen Johann Johansson, Marius Varner nel Varner Group, Christian Ringnes e Lars of Lusth hanno unito le forze per creare la nuova società di centri commerciali.

La società quotata sulla piattaforma di trading Euronext Growth è aumentata di circa l’otto percento dall’inizio.

Elliptic Labs è il vincitore finora nel mercato azionario di oggi ed è in rialzo del 22,7% dopo l’annuncio mercoledì mattina che la società sta entrando in una partnership con Intel Corporation. I titoli più scambiati della giornata sono stati Equinor e Hydro, in calo rispettivamente dello 0,2 e dell’1,7 percento.

riunione sui tassi di interesse

Dopo il crollo del mercato azionario sia negli Stati Uniti che in Europa martedì, gli occhi di tutti erano concentrati sulla riunione sui tassi di interesse della Federal Reserve americana di mercoledì. Data l’elevata inflazione, il mercato si prepara ad alzare i tassi di interesse.

L’evento più importante della giornata sarà senza dubbio l’incontro sui tassi di interesse della Federal Reserve. È chiaro dalle carte che la banca centrale adotterà un tono più “più duro” nel discutere l’inflazione, ha scritto Knut A. Magnussen nel rapporto mattutino di DNB Markets.

READ  Wall Street ha chiuso a un record - le azioni "meme" sono quadruplicate in due giorni - E24

Alla conferenza stampa, il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell illustrerà i piani della Federal Reserve statunitense (Fed) per ridurre gli acquisti di titoli statunitensi.

In attesa di un doppio ridimensionamento

Dallo scoppio dell’epidemia, la Federal Reserve statunitense ha sostenuto l’acquisto di titoli di stato per 120 miliardi al mese, ma recentemente è stato ridotto di 15 miliardi al mese. Magnussen di DNB, come il mercato, crede che verrà tagliato di altri 15 miliardi da gennaio.

La riduzione del volume degli acquisti di titoli dovrebbe raddoppiare da 15 a 30 miliardi di dollari al mese, il che significa che il processo sarà completato entro la fine di marzo. È probabile che il grafico a punti, che mostra le aspettative sui tassi di interesse dei rappresentanti, venga notevolmente aumentato. Ha scritto che la media potrebbe ora mostrare tre aumenti nel 2022, grosso modo in linea con i prezzi di mercato, e altri quattro aumenti nel 2023.

La SEB ha anche scritto in un aggiornamento mattutino che si aspetta che anche la Federal Reserve statunitense aumenti i tagli a 30 miliardi di dollari al mese.

Tuttavia, Handelsbanken ha scritto nel suo rapporto mattutino che sarebbe più eccitante vedere con quanta rapidità i membri prevedono di aumentare i tassi di interesse, al fine di portare l’inflazione verso l’obiettivo.

Finora, i membri sono stati divisi tra altri due o tre aumenti nel 2023. C’è il rischio che anche queste aspettative sui tassi di interesse vengano riviste al rialzo. Se le previsioni fossero riviste al rialzo a circa quattro incrementi, sarebbero complessivamente più aggressive di quanto il mercato sembri oggi prezzare.

READ  L'investitore privato Edvin Ostbo ha guadagnato 320 milioni di NOK l'anno scorso

Il crollo della borsa negli Stati Uniti

Martedì ci sono stati ribassi del mercato azionario sia negli Stati Uniti che in Europa. Tutti i principali indici statunitensi sono scesi ampiamente. L’indice Standard & Poor’s 500 ha chiuso in ribasso dello 0,75%, mentre il Nasdaq Technology Index è sceso dell’1,14%.

I mercati, che in gran parte hanno ignorato i numeri elevati dell’inflazione della scorsa settimana, ora sembrano più preoccupati per ciò che verrà dalla Federal Reserve, scrive DNB Markets.

I tassi a lungo termine sono leggermente aumentati ieri, ma gli effetti sono stati modesti e negli Stati Uniti il ​​tasso a dieci anni si è fermato all’1,43%. La corona ha continuato a indebolirsi ieri.

In Giappone, il Nikkei 225 è salito dello 0,1 percento, mentre l’Hang Seng è sceso dell’1,14 percento. Anche qui gli investitori attendono l’esito della riunione sui tassi di interesse della Federal Reserve.

Martedì, l’indice principale della borsa di Oslo è sceso dell’1,34 per cento, Dove l’ovvio perdente oggi era la società di stoccaggio automatizzato Autostore Che è diminuito del 13% dopo la sconfitta nelle cause sui brevetti. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.