Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La borsa di Oslo ha subito un forte calo: – Grandi mosse con grandi rischi e grandi opportunità, afferma il gestore di portafoglio

L’elevata inflazione, il conseguente aumento dei tassi di interesse, la guerra in Ucraina, l’incoronazione in Cina: sfide in vista per i mercati finanziari di tutto il mondo.

Questo, oltre alla prossima stagione degli utili, evidenzia il portfolio manager Nora Damas di Pensum Asset Management come centrale per il mercato in questo momento.

Ci sono grandi mosse che implicano grandi difficoltà e grandi opportunità, dice Damas.

Lunedì, le turbolenze hanno fatto scendere la Borsa di Oslo del 2,99%. Dall’inizio di aprile, il mercato azionario è sceso di oltre il tre percento.

L’indice principale era aumentato del 99% dal minimo di Corona nel marzo 2020, anche prima dell’apertura del mercato azionario oggi.

Quando la Borsa di Oslo ha chiuso, l’S&P 500 e il Dow Jones sono scesi, mentre il Nasdaq è salito a Wall Street.

olio pesante

La giornata di negoziazione è stata segnata, tra l’altro, da un forte calo del prezzo del petrolio di circa il cinque per cento. Lunedì pomeriggio, un barile di petrolio del Mare del Nord, utilizzato come prezzo di riferimento per il petrolio in tutto il mondo, è bruciato per 101,7 dollari al barile.

I prezzi del petrolio stanno scendendo, tra l’altro, a causa della ridotta domanda dalla Cina, il più grande importatore mondiale di greggio in un anno normale, che sta attraversando una nuova ondata di Corona con restrizioni e chiusure.

Le compagnie petrolifere pesanti Equinor e Aker BP, così come le compagnie petrolifere Borr Drilling e Siem Offshore, sono state le più colpite.

READ  Sandnes Sparebank non accetta una multa di $ 1 milione da PST - E24

Damas crede ancora nelle società energetiche per il futuro.

Crediamo che l’energia e i frutti di mare rimarranno forti il ​​prossimo anno. Anche se il prezzo del petrolio scende leggermente, i guadagni delle compagnie energetiche sono molto buoni e il prezzo non è altro, afferma Damas.

Il gestore di portafoglio ha meno fiducia nei titoli che hanno fatto meglio durante la pandemia di Corona.

— Ciò di cui siamo più sospettosi sono i post “stare a casa”, come servizi energetici, negozi online, produttori di IT e gioco d’azzardo online, afferma Damas.

inflazione economica

L’inflazione è aumentata rapidamente dopo la riapertura di Europa e Stati Uniti in seguito alle restrizioni del coronavirus. Negli Stati Uniti, l’inflazione ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 40 anni, che è allo stesso tempo lontana dall’obiettivo di inflazione del 2 per cento fissato dalla banca centrale. Anche in Norvegia l’inflazione ha raggiunto livelli anormalmente elevati.

Damas ritiene che il picco dell’inflazione negli Stati Uniti potrebbe essere già raggiunto.

Ci sono molte indicazioni che ora stiamo assistendo al picco dell’inflazione negli Stati Uniti. Dice che un dollaro forte può avere un effetto calmante e aggiunge:

– Quando si tratta di tassi di interesse, riteniamo che i tassi di mercato siano troppo alti e che i consumatori non possano permettersi tassi di interesse così elevati. Pensiamo che vedremo un’inflazione stagnante.

La Federal Reserve statunitense ha alzato il suo tasso di interesse chiave dello 0,25% finora quest’anno. La scorsa settimana, il segnale più forte è arrivato dal governatore della Banca centrale Jerome Powell, secondo cui il tasso di riferimento potrebbe aumentare di 0,5 punti base a maggio. Un certo numero di economisti crede anche in due aumenti dei tassi, ovvero 0,5 punti base, in occasione di un incontro sui tassi a giugno.

READ  Bank of America raccomanda la quota norvegese nel “ciclo esplosivo”

caduta pesante

Investitore ed ex capo stratega, Peter Hermannrod Tuttavia, è molto pessimista riguardo alle prospettive. Crede che un calo del 30-50 per cento del mercato azionario rispetto all’indice principale della Borsa di Oslo sia imminente.

Il mio caso di base è che stiamo assistendo a una vera recessione economica nel mondo tra un anno o due, afferma Hermannrod.

Ritiene che il forte aumento dei tassi di interesse da parte della Fed per combattere l’inflazione porterà alla deflazione.

– Ciò è sempre più dovuto alla stretta sul mercato del lavoro, che è di gran lunga il più importante. Se vuoi abbassare l’inflazione, devi avere un mercato del lavoro più rilassato. Non è successo senza una recessione allo stesso tempo. Finché c’è un’enorme carenza di manodopera, i salari aumenteranno solo e quindi otterrai più inflazione. Dovrebbe aumentare la disoccupazione, dice l’investitore.

Una recessione è una recessione economica in cui l’economia striscia per due trimestri consecutivi.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.