Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La causa britannica contro PlayStation si sviluppa e milioni di persone potrebbero avere diritto a un risarcimento –

La causa britannica contro PlayStation si sviluppa e milioni di persone potrebbero avere diritto a un risarcimento –

Sappiamo da tempo che Sony PlayStation sta affrontando problemi legali nel Regno Unito per presunti abusi della sua posizione di leader di mercato nel paese in relazione alla gestione del PlayStation Store tra il 2016 e il 2022. Un'azione legale collettiva intentata da Alex Neill era una causa in cui si sosteneva che la commissione del 30% di Sony su tutte le vendite nel suo negozio (un numero che abbiamo visto utilizzato anche in altri negozi) sta ingannando i clienti e, sebbene sembrasse improbabile che questa causa avrebbe avuto successo mai realizzato, ci è voluto… Ora un grande passo avanti in questo caso.

Ora ne è stato inviato uno avviso Il quale afferma che se hai acquistato qualcosa dal PlayStation Store tra il 19 agosto 2016 e il 19 agosto 2022, potresti avere diritto a un risarcimento compreso tra £ 67 e £ 562 e che un tribunale britannico ha concesso al querelante il permesso di portare avanti la causa.

L'affermazione afferma: “Il reclamo è diretto contro (1) Sony Interactive Entertainment Europe Limited e (2) Sony Interactive Entertainment Network Europe Limited (“Convenuti”), che secondo il Rappresentante della classe hanno violato le leggi britanniche ed europee sulla concorrenza abusando della loro posizione dominante. Il Rappresentante della classe sostiene che i Convenuti hanno abusato della loro posizione dominante imponendo condizioni ingiuste agli sviluppatori/editori di giochi digitali PlayStation e di contenuti aggiuntivi, il che, secondo il rappresentante di classe, ha costretto i consumatori ad acquistare tali prodotti dal PlayStation Store, dove i Convenuti potevano ricevono una commissione del 30%. Di conseguenza, il rappresentante della classe sostiene che i membri della classe hanno ricevuto fatturazioni eccessive per questi prodotti.”

Certo, questo non significa ancora molto per coloro che cercano un risarcimento. Questa sentenza inoltre non significa che il caso sarà vinto, o che verrà chiuso a breve, ma è un passo avanti in un caso che sembrava molto improbabile.

READ  Giove è raramente così chiaro e distinto nel cielo notturno di ottobre

Inoltre, non è chiaro il motivo per cui la causa prende di mira solo Sony, mentre anche Microsoft, Nintendo e Valve (tramite Steam) addebitano commissioni simili sui loro negozi.