Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La compagnia di navigazione Dof pronta per un accordo di salvataggio dopo tre anni di trattative: le azioni crollano

Il fornitore Dof, gravato da un debito totale di 18,7 miliardi di NOK, ha lavorato per più di tre anni per trovare una soluzione di rifinanziamento a lungo termine con banche, azionisti e obbligazionisti. Il gruppo ha affrontato difficoltà negli ultimi anni, dopo che il crollo dei prezzi del petrolio nel 2014 ha portato a un forte calo dell’intero settore dei servizi petroliferi, che è stato solo esacerbato dalla pandemia di Corona.

La Colomba ha annunciato mercoledì che la compagnia di navigazione ha raggiunto un accordo con un’ampia percentuale di creditori e altri gruppi di interesse. In sostanza, l’accordo prevede:

  • Convertito 5,7 miliardi di NOK da debito in azioni.
  • I termini del debito residuo di 13 miliardi di NOK sono stati modificati per fornire liquidità alle operazioni, in scadenza rispettivamente nel 2026 e nel 2027, per il nuovo debito bancario e le nuove obbligazioni.
  • Oggi, gli azionisti rimarranno con il quattro percento della società, mentre gli obbligazionisti della controllata Dof Subsea avranno poco più del 53 percento e gli altri creditori poco meno del 43 percento.

Il prezzo delle azioni è sceso all’apertura della borsa mercoledì, in calo di oltre il 51%. Poco prima delle 22, la quota è scesa del 40%.

Il direttore finanziario di Dof Hidle Drønen è in buona fede che il piano verrà attuato.

– Siamo ottimisti che passerà, dice a DN.

Hilda Dronen, chief financial officer di Dove (a destra).  Qui con il CEO Mons Aase nel 2015.

Hilda Dronen, chief financial officer di Dove (a destra). Qui con il CEO Mons Aase nel 2015 (Foto: Brian Cliff Olguin)

Il piano ha il supporto ufficiale della maggior parte delle parti interessate dell’azienda, secondo l’annuncio dello scambio. Comprende tutti i creditori nelle strutture bancarie della società, nonché un gruppo di obbligazionisti che sono assegnati ai tre prestiti obbligazionari e ne controllano in media quasi il 40%.

Per essere approvato, il piano dovrebbe raggiungere una maggioranza del 67% in ogni prestito, ma Drønen osserva che la società ha finora ricevuto più del 90% di sostegno dagli obbligazionisti quando ha chiesto loro di differire le scadenze e il pagamento degli interessi mentre il debito era rimborsato. Le trattative erano in corso.

allevia gravemente

La ristrutturazione dovrà essere approvata anche dagli azionisti della società in un’assemblea generale straordinaria. Sebbene il maggiore azionista di Dof, la famiglia Møgster, sia stato fortemente annacquato, Møgster Offshore ha aderito al piano. La società possiede poco meno del 32% delle azioni di Dof.

Quanto agli altri azionisti, la situazione è alquanto incerta.

C’è stato un disaccordo tra il principale proprietario dell’azienda e il più piccolo azionista sulla via da seguire e sulla necessità di una ristrutturazione. All’inizio di quest’anno, un gruppo di piccoli azionisti che si fa chiamare Dof Minority Group è uscito e ha detto di sì Ha ottenuto il controllo passivo della società con il 34% delle azioni.

Mercoledì, il membro del gruppo Jim Øystein Holden non vuole fare alcun commento immediato sul piano di ristrutturazione, poiché il gruppo dovrebbe conoscere i dettagli. Inoltre, non vuole fornire dati aggiornati sull’entità del palo controllato dal gruppo.

Il direttore finanziario Drønen afferma di non avere una panoramica di quanto controllo abbia il gruppo ora, in parte perché di recente c’è stato un notevole turnover delle azioni.

Ristrutturazione nonostante il miglioramento

Il prezzo delle azioni di Dof è stato un capitolo triste per i proprietari negli ultimi anni. La società ha dovuto raccogliere fondi nel 2016 e nel 2017 e, con il debito incombente, la partecipazione è stata lontana dai massimi precedenti da allora.

Tuttavia, il titolo ha fatto dei balzi drammatici negli ultimi mesi, in qualche modo in linea con le migliori prospettive per l’intera industria marittima. La crisi energetica in Europa, che si è accumulata dallo scorso anno e la guerra in Ucraina, ha attirato l’attenzione sulla sicurezza energetica e sulla necessità di investire in petrolio e gas, a vantaggio dell’industria dei servizi petroliferi.

Tuttavia, la direzione di Dof riconosce comunque che sarà necessaria una ristrutturazione, nonostante le migliori prospettive di mercato.

– Abbiamo rifinanziato Dof per diversi anni e abbiamo una pausa di due anni. Una soluzione è emersa in un modo o nell’altro comunque, e ovviamente il mercato è decisamente migliore. È possibile che il rimbalzo del mercato significhi che è andato un po’ più veloce, ma è chiaro che due anni di stallo sono ancora lontani, dice Drønen mercoledì.

Senza migliorare il mercato, sarà necessario trasferire più debiti?

– Non posso commentare in merito, ma sebbene il mercato abbia mostrato miglioramenti, questa ristrutturazione è necessaria.

Drønen riconosce che il debito residuo della società rimarrà elevato, ma sottolinea che la ristrutturazione si tradurrà in un “miglioramento significativo” dei numeri dei titoli di debito misurati rispetto agli utili medi.

– Pensiamo che la soluzione che abbiamo ora sia buona e renda l’azienda più sostenibile. Aggiunge che il nostro obiettivo è dichiarare l’azienda sana.

Nell’ambito della ristrutturazione verrà eletto anche un nuovo consiglio di amministrazione della società. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Il debito dell'Italia è il problema più grande dell'Europa - E24