Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La compagnia petrolifera Aker BP di Kjell Inge Røkke ha stabilito un altro risultato record

Giovedì mattina, Aker BP presenterà quello che potrebbe essere il suo ultimo rapporto sugli utili prima che l’acquisizione della rivale Lundin Energy sia completata e renderà la compagnia petrolifera Kjell Inge Røkke il più grande operatore sovrano non statale sulla piattaforma norvegese.

Il primo trimestre è stato un altro periodo caratterizzato dall’aumento dei prezzi del petrolio e del gas e la società registra un altro record di utili. L’utile operativo prima di ammortamenti (EBITDA) ha chiuso a un record di $ 2 miliardi (circa 19 miliardi di corone), rispetto a 1,56 miliardi nel trimestre precedente e in aumento rispetto a 878 milioni nel primo trimestre del 2021.

L’utile al netto delle tasse è stato di 537 milioni di dollari, più che quadruplicato in un anno.

Il primo trimestre del 2022 è stato un altro trimestre record per Aker BP, trainato dall’aumento dei prezzi del petrolio e del gas, combinato con una produzione stabile, costi inferiori e minori emissioni, afferma il CEO Karl Jonny Hirsvik in un annuncio in borsa.

Né allegro né depresso: Karl Jonny Hersvik, CEO di Aker BP.

Né allegro né depresso: Karl Jonny Hersvik, CEO di Aker BP. (Foto: Gunnar Lear)

Raddoppia la produzione con Lundin

Aker BP aveva precedentemente riportato un leggero aumento della produzione a quasi 208.000 barili di petrolio equivalente al giorno nel primo trimestre. Quando l’acquisizione di Lundin da parte dell’azienda sarà completata come previsto alla fine di giugno, la produzione quasi raddoppierà.

L’accordo, che è stato depositato poco prima di Natale, è il più grande mai concluso da Røkke e la sua società di investimento Aker, e il più grande accordo sulla piattaforma norvegese dalla fusione Statoil/Hydro 15 anni fa. Crea di gran lunga la più grande compagnia petrolifera in Norvegia dietro Equinor, succeduta a Statoil.

non aumenta la resa

Il concorrente più vicino di Aker BP è Vår Energi, quotata in borsa a febbraio di quest’anno, con l’italiana Eni e il fondo di acquisizione Hitecvision come principali proprietari. Mercoledì, Vår ha annunciato lei stessa un risultato record, aumentando i suoi piani di dividendi da $ 800 milioni a $ 1 miliardo per il 2022.

Aker BP, dal canto suo, mantiene invariato il dividendo.

La società ha aumentato i suoi pagamenti in relazione all’offerta pubblica di acquisto di Lundin e da allora non ha cambiato i suoi piani, nonostante due rapporti sugli utili con risultati record. Il dividendo è di poco inferiore a $ 685 milioni per il 2022.

Non è un caso che Aker BP non abbia ricevuto un aumento del dividendo nel periodo. Hersvik lo conferma in una teleconferenza con la stampa giovedì mattina, quindi spero che voi della stampa, analisti e investitori sarete d’accordo.

Tra gli analisti che si aspettavano un aumento dei dividendi c’era Theodor Sven-Nielsen di Sparebank 1 Markets, che la scorsa settimana ha scritto in un’analisi di ritenere che Aker BP punterà a guadagni più elevati per il 2022 in termini di risultati del primo trimestre.

– Potrebbero esserci previsioni, risponde Hersvik giovedì.

— ma penso in un certo senso che coloro che sono stati con noi nel tempo, sappiano che non saltiamo di gioia ogni volta che il prezzo del petrolio sale, né entriamo in profonda depressione ogni volta che scende. Gestiamo un’azienda secondo gli stessi principi fondamentali – liquidità elevata, robusta esecuzione del progetto, operazioni solide – per molto tempo, attraverso più cicli negli ultimi anni, e intendiamo fare lo stesso anche durante questo ciclo.

In una recente analisi dei risultati, Sveen-Nilsen scrive che prevede ancora una rapida spinta:

– Prevediamo che la società aumenterà i dividendi fino al 2022. È probabile che ciò accada dopo il completamento della fusione di Lundin, poiché le due società hanno concordato di non aumentare i dividendi prima del suo completamento.

Più gas

Nel primo trimestre, Aker BP ha deciso di attuare misure per aumentare la produzione di gas dal giacimento di Skarv. Il gas nella parte superiore del serbatoio, che finora è stato importante per mantenere la pressione e supportare la produzione di petrolio, verrà ora prodotto e venduto. Questa è solo una delle tante azioni simili che le compagnie petrolifere hanno implementato sulla piattaforma norvegese per soddisfare l’elevata domanda di gas in Europa.

Dopo il completamento dell’acquisizione di Lundin, Aker Investment Company di Røkke diventerà il maggiore azionista di Aker BP con una quota del 21,2%. BP deterrà il 15,9% e la società di investimento della famiglia Lundin Nemesia deterrà il 14,4% della società. Altri azionisti di Aker BP e Lundin Energy deterranno il 48,6% della società.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  L'Unione Europea punisce l'Italia e loda la Grecia