Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La confusione dell’inflazione di Memmer, Marsdale e il professore di economia Gervin

La confusione dell’inflazione di Memmer, Marsdale e il professore di economia Gervin

A Meemer e Marsdale non piace aumentare i tassi di interesse quando l’inflazione è elevata. Dobbiamo quindi trovare altri modi per ridurre l’inflazione invece di rendere i prestiti più costosi per la gente comune? Questo è stato il tema discusso dal deputato Mimir Christiansson (a destra) e dal leader del Centro di ricerca Manifest, Magnus Marsdal, nel loro podcast del 5 ottobre. Hanno invitato con loro il professore di economia Morten Gervin della NMBU.

La conversazione di Mimir e Marsdale con Gervin è più confusa che utile.

Tutti e tre credono che il controllo dei prezzi possa essere utilizzato invece di aumentare i tassi di interesse. Nel podcast sottolineano che questo è stato introdotto sia nella Macedonia del Nord che in Argentina, due paesi a cui solitamente non paragoniamo la Norvegia. Ciò che si sono dimenticati di dire è che questa procedura non sembra funzionare. In Argentina il tasso di inflazione è salito al 124%, mentre nella Macedonia del Nord è stato poco più dell’8%.

Nel podcast i tre si dibattono su cosa sia l’inflazione e quali siano le variazioni dei prezzi sui singoli prodotti, le cosiddette variazioni dei prezzi relativi. L’inflazione è un aumento diffuso e sostenuto dei prezzi di quasi tutti i beni e servizi. Ecco come viene utilizzata l’arma del tasso di interesse contro l’aumento dei prezzi. Gli aumenti di prezzo sui singoli prodotti potrebbero non aumentare i tassi di interesse. Nel podcast si parla soprattutto di variazioni dei prezzi relativi.

La maggior parte delle banche centrali non ha reagito all’aumento dei tassi di interesse perché l’aumento dell’indice dei prezzi al consumo è dovuto esclusivamente all’aumento dei prezzi dell’energia. I tassi di interesse aumentarono solo quando l’aumento dei prezzi divenne generale. L’aumento dei prezzi dell’energia ha portato rapidamente ad un aumento generale dei tassi di inflazione, perché inizialmente si sono verificate carenze di capacità produttiva e strozzature in gran parte dell’economia. Poi le banche centrali hanno reagito.

READ  L'industria dei trasporti tedesca: stiamo affrontando la più grande crisi di approvvigionamento dalla seconda guerra mondiale

La Norges Bank si è discostata da questo schema. La banca ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse con cautela prima che i prezzi dell’energia esplodessero, perché ha visto come stavano aumentando le pressioni nell’economia norvegese. Il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse è aumentato poiché l’aumento dei prezzi dell’energia ha alimentato le tendenze inflazionistiche.

L’aumento dell’interesse non aumenta le precipitazioni, abbassando così i prezzi dell’elettricità, come dice il podcast. Questo è vero, e il Ministero delle Finanze e la Banca di Norvegia lo sanno bene. Né Memmer, Marsdal, né Gervin si sono resi conto che i prezzi dell’energia non erano inclusi nell’indice dei prezzi più importante che la Banca di Norvegia utilizza per misurare l’inflazione core (l’indice dei prezzi al consumo aggiustato per tasse e prezzi dell’energia). Ciò è stato affermato anche nel mandato della Norges Bank di fissare i tassi di interesse per un lungo periodo.

Sebbene Meemer, Marsdale e Gervin credano che il controllo dei prezzi possa essere uno strumento migliore del tasso di interesse, vedono anche dei problemi con questo nel tempo. Il controllo dei prezzi può portare a carenze, perché diventa non redditizio aumentare la produzione in modo da ridurre la scarsità. Ciò potrebbe portare ad una maggiore scarsità. Pertanto tutti e tre ritengono che il controllo dei prezzi dovrebbe essere combinato con misure sul bilancio statale per aumentare la produzione di prodotti che scarseggiano. Ma come possono aumentare la produzione se l’inflazione è causata da una diffusa carenza di manodopera?

Marsdale spiega in parte il fatto che il controllo dei prezzi venne utilizzato negli Stati Uniti capitalisti subito dopo la seconda guerra mondiale. Sì, quando scoppia la guerra, spesso vengono utilizzati controlli sui prezzi, perché l’economia deve adattarsi per essere in grado di produrre prodotti bellici, e ampie porzioni della popolazione adulta vengono indirizzate a lavori legati alla guerra. Ci sarà carenza di molti beni di consumo e verranno implementati il ​​razionamento e il controllo dei prezzi. Dopo la guerra ci vorrà del tempo prima che l’economia ritorni alla normale produzione civile. Questo è il motivo per cui ci furono controlli sui prezzi anche negli Stati Uniti qualche tempo dopo la seconda guerra mondiale.

READ  Techfall su Wall Street | DN

In Norvegia abbiamo avuto un ampio controllo dei prezzi fino agli anni ’80 inoltrati. Il price manager era una persona potente che fissava i prezzi massimi e gli anticipi. I prezzi sono gestiti dall’Autorità norvegese dei prezzi, che ha uffici in tutto il paese. Durante gli anni ’80, la Direzione Prezzi cominciò a interessarsi più alle condizioni competitive nell’economia che al controllo e agli anticipi dei prezzi. Nel 1994 la Direzione Premi è diventata l’Autorità garante della concorrenza.

In Norvegia, le origini del controllo dei prezzi risalgono alla prima guerra mondiale. La scarsità di cibo ha portato al controllo dei prezzi. La Direzione dei prezzi fu quindi istituita nel 1917 e il controllo dei prezzi continuò dopo la prima guerra mondiale. Il controllo è stato attento e le violazioni della normativa sui prezzi sono state punite. In Prestedende si legge che nel 1919 l’agricoltore Austin Hovden ricevette una multa di 100 corone norvegesi per aver venduto “un maiale macellato indiscriminatamente e in violazione del limite di prezzo”. Nello stesso anno, il calzolaio Haakon Nikolai Bang ha ricevuto una multa di 1.000 corone norvegesi “perché, vendendo troppe scarpe da donna, le cui aste non hanno l’altezza specificata, ha violato il prezzo massimo delle scarpe”.

Le normative sui prezzi di solito richiedono anche normative specifiche per il prodotto. Altrimenti la regolamentazione dei prezzi può essere facilmente aggirata cambiando i prodotti, come ha tentato il produttore di scarpe Bang.

Sono queste le condizioni a cui Mimir, Marsdale e Gervin sognano di tornare quando vorranno un nuovo manager per il premio? Non è molto chiaro. Vedono problemi nel controllo dei prezzi nel tempo. Perché come dice Marsdale nel podcast: il mercato è un ottimo vettore di informazioni. Ottenere queste informazioni attraverso la regolamentazione dei prezzi sarà difficile. La scarsità continuerà e sarà quindi necessario prendere una decisione politica su chi potrà acquistare cosa.

READ  Samsung Galaxy Watch 4 o Galaxy Watch 4 Classic - Test

Marsdale ha assolutamente ragione. È stato comunque sorprendente sentire qualcuno così lontano dalla sinistra politica elogiare il mercato in questo modo.

In Norvegia, abbiamo già cercato di inasprire la regolamentazione dei prezzi, anticipare la regolamentazione, bloccare i prezzi e i redditi al fine di ridurre l’inflazione. Gli esperimenti in questo senso negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 furono pessimi. Nella migliore delle ipotesi, queste misure sono riuscite a ridurre l’inflazione nell’immediato, ma questa è aumentata in seguito, soprattutto quando i controlli sono stati allentati.

Abbiamo quindi buoni esempi norvegesi di controllo e congelamento dei prezzi, anche se combinati con il congelamento dei salari e del reddito, non hanno funzionato. Si tratta, per usare un eufemismo, di una grave omissione che né Memer, né Marsdale, né il professore di economia hanno incluso nella conversazione. Ovviamente è molto più semplice fornire esempi provenienti da paesi di cui la maggior parte delle persone sa poco, come la Macedonia del Nord e l’Argentina, anche se anche lì le esperienze sono pessime.

Il controllo o il congelamento dei prezzi non è adatto a monitorare l’inflazione. Meemer, Marsdale e Gervin sono lontani dal trovare un’alternativa all’arma del tasso di interesse.