Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Convenzione di Glasgow è un passo nella giusta direzione

I negoziati sul clima sono almeno su una strada migliore ora.

Ridurre il riscaldamento globale a 1,5 gradi rimane un obiettivo da far rizzare i capelli. BT ritiene che la cosa più importante sia che gli Stati membri delle Nazioni Unite inizino a mettersi d’accordo su come raggiungere l’obiettivo.
pubblicato pubblicato

iconacapo

Questo è un capitano. L’editoriale esprime l’idea giornalistica di Bergens Tidende: un giornale di partito politicamente indipendente, indipendente, liberale e borghese (non socialista).

Ci sono tutte le ragioni per egli è Abbastanza soddisfatto del risultato Dal 26° Summit delle Nazioni Unite sul clima.

Ma nonostante le flessioni verso la fine dei negoziati, è importante che i maggiori inquinatori del mondo ora parlino con saggezza e si accordino sulle definizioni, non da ultimo sull’obiettivo di 1,5 gradi.

I concetti significano molto, Soprattutto durante i negoziati internazionali. A Glasgow, le 195 nazioni partecipanti hanno concordato che tutte le politiche e le misure climatiche dovrebbero essere basate sulla “migliore scienza disponibile”.

Negli ultimi decenni, molti paesi hanno scelto di ignorare la ricerca durante i vertici delle Nazioni Unite. Incredibilmente, i termini “combustibili fossili” e “carbone” non sono stati menzionati nei documenti finali del precedente 25 vertice.

Il fatto che la negazione della scienza e le teorie del complotto non potranno più far deragliare i negoziati da soli è un importante passo avanti.

Leggi anche

Ecco otto cose che dovresti sapere sull’esito del Summit sul clima

Molti sono rimasti delusi Quando la Cina e l’India nelle ultime 24 ore hanno cambiato la formulazione secondo cui il carbone dovrebbe essere “eliminato gradualmente”, così dovrebbe essere “eliminato gradualmente”.

READ  dibattito, filosofia | La vita ha un significato?

La situazione mostra che i negoziati sul clima devono ancora affrontare una grande sfida: come aiutare le economie più popolose e in più rapida crescita del mondo a impedire che le temperature medie globali superino i livelli catastrofici.

Ma ce n’è uno Buone notizie che gli Stati Uniti e la Cina Di propria iniziativa hanno deciso di sviluppare strategie per raggiungere zero emissioni di gas serra.

paesi partecipanti Ha promesso di aggiornare i suoi piani per ridurre il 45% delle emissioni entro il 2030 all’inizio del prossimo anno.

Anche il fatto che le scappatoie nel capitolo dell’accordo di Parigi sul commercio mondiale delle quote siano state colmate è un passo nella giusta direzione.

Un vantaggio nel libro è anche dato all’intenzione di eliminare gradualmente gli enormi sussidi governativi per il petrolio e il gas da carbone.

attraverso la parte superiore A Copenaghen nel 2009, i paesi più ricchi si sono impegnati a trasferire 100 miliardi di dollari all’anno per misure climatiche nei paesi in via di sviluppo. È un peccato che questa promessa non sia stata ancora adempiuta, dodici anni dopo.

A Glasgow, le nazioni ricche hanno rafforzato i loro impegni, “contemplando un raddoppio” del sostegno al clima entro il 2025. Se si vuole avere credibilità nei futuri negoziati sul clima, la promessa deve essere mantenuta.

Leggi anche

Barth Eddy su Glasgow: – Abbiamo fatto del nostro meglio

l’organizzazione Il Global Climate Tracker ha calcolato che L’impatto della Convenzione di Glasgow non basta mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei due gradi all’inizio del prossimo secolo.

Limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rimane un obiettivo preoccupante. È fondamentale che gli Stati membri dell’ONU comincino a mettersi d’accordo su come raggiungere l’obiettivo.