Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La crisi dei rifugiati si avvicina al punto di rottura – VG

Grido di avvertimento: le città polacche ora dichiarano che non saranno presto in grado di farlo. Qui, i rifugiati ucraini stanno andando a Berlino da Cracovia, in Polonia.

Stiamo assistendo alla più grande crisi di rifugiati in Europa dalla seconda guerra mondiale. Mentre i paesi vicini hanno spalancato le porte a milioni di ucraini, altri le tengono aperte.

Inserito:

Questo è un commento. Il commento riflette la posizione dell’autore

Non aiuta a lungo termine, se si protrae la guerra in Ucraina.

In poco meno di tre settimane, quasi tre milioni di persone sono fuggite dal Paese. Quanti sono fuggiti all’interno dell’Ucraina, nessuno può dirlo con certezza.

Non abbiamo mai visto un numero e un ritmo del genere in Europa.

Più a lungo si trascina la guerra, maggiore è l’afflusso di profughi. È fondamentale che il continente si assuma la piena responsabilità degli ucraini in fuga.

Alcuni stanno facendo del loro meglio, come la Polonia. Alcuni esitano e si allenano, come nel Regno Unito.

La Polonia ritira l’onere

A partire dal 13 marzo, la Polonia ha ricevuto il sessanta per cento di tutti i rifugiati ucraini, vale a dire 1,8 milioni di persone. E il numero aumenta ogni giorno di decine di migliaia, per lo più donne e bambini.

La situazione è precaria e la Polonia sopporta la maggior parte dell’onere. finora. Perché anche la Polonia ha un punto di rottura. Un limite a quanti un Paese può prendersi cura, stabilità e integrazione. Che si tratti di breve o lungo termine.

e adesso È vicino al punto di rottura.

Le grandi città di Varsavia e Cracovia, dove è finita la maggior parte dei rifugiati, hanno riferito di avere difficoltà. La maggior parte dell’aiuto è arrivata da individui e volontari che hanno fornito cibo, vestiti e riparo. Ora presto non ci sono letti e camere disponibili da trovare.

READ  Il primo ministro danese è stato interrogato per il massacro dei visoni

Inoltre, ci sono sempre più rapporti in merito Razzismo contro i neri fuggiti oltre il confine dall’Ucraina alla Polonia.

Il Paese non dispone di un apparato pubblico in grado di gestire nel tempo l’afflusso di profughi. La gamma è semplicemente impareggiabile.

Volontariato: i rifugiati sono ospitati ovunque ci sia un posto. Qui è stata allestita una sistemazione temporanea in una storica stazione ferroviaria di Cracovia, in Polonia. La foto è stata scattata il 14 marzo.

Gamma fantastica

Prima dell’inizio della guerra, la Polonia era il 92esimo tra i paesi che accoglievano il maggior numero di rifugiati al mondo, secondo i dati dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

In meno di tre settimane, la Polonia è diventata il paese che ha accolto il secondo maggior numero di rifugiati al mondo. La sola Turchia (3,7 milioni di profughi) l’ha colpita.

Paesi come la Colombia, l’Uganda e il Pakistan vengono ora dopo la Polonia come Paese destinatario (vedi tabella).

Tutti i paesi nell’elenco sono paesi vicini che hanno gravi conflitti nelle regioni vicine. La guerra siriana, la crisi in Venezuela ei violenti conflitti in Sud Sudan, Congo e Afghanistan. E ora la guerra in Ucraina.

La Norvegia si assume la responsabilità

I rifugiati che hanno viaggiato finora dalla Polonia e da altri paesi hanno avuto parenti e conoscenti in questi paesi. Quindi era naturale che trovassero sicurezza da soli.

Questo cambierà. Maggiore è la pressione sulla situazione in Polonia, più persone scappano. Dopo di che ci sarà probabilmente un accordo europeo sulla distribuzione dei profughi. Tra l’altro per la Norvegia.

READ  Sparato contro la protesta contadina in Olanda - VG

Finora abbiamo ricevuto 1.000 richiedenti asilo dall’Ucraina. Forse il numero è più alto, poiché più persone hanno raggiunto parenti e amici e non hanno potuto registrarsi come richiedenti asilo.

L’UDI stima che potrebbe arrivare 30.000 profughi Dall’Ucraina quest’anno.

E la Norvegia si assume la responsabilità, rendendo più facile per gli ucraini che chiedono asilo con noi.

Sarà facile

Come l’Unione Europea, la Norvegia avanza protezione collettiva temporanea per i cittadini ucraini.

Abbiamo fatto lo stesso negli anni ’90, durante le guerre in Bosnia e in Kosovo. 14.000 hanno chiesto asilo e sono rimasti Vivere in Norvegia.

Protezione collettiva non significa affrontare questioni individuali. E per la Norvegia, questo significa risiedere per un anno, con il permesso di lavorare e portare la famiglia più vicina in Norvegia. Il regime viene annullato se la protezione non è più necessaria.

In altre parole, la transizione deve avvenire rapidamente dal momento in cui i rifugiati arrivano nel Paese in modo che possano vivere il più normalmente possibile.

Quindi hanno bisogno di un posto dove vivere: il governo crea 8000 posti di accoglienza e ce ne saranno di più. Consente inoltre agli ucraini di vivere in case private e di ottenere dei soldi per il sostentamento.

Prima della guerra in Ucraina, tutti i richiedenti asilo in Norvegia dovevano registrarsi presso il National Arrival Center di Råde. A partire da questa settimana, gli ucraini possono Registrazione in molte stazioni di polizia nel paese.

Paesi vicini: oltre alla Polonia, Romania, Moldova e Ungheria ora accolgono centinaia di migliaia di rifugiati. Questa foto di un richiedente asilo ucraino è stata scattata alla stazione ferroviaria di Bucarest il 13 marzo.

Gli inglesi falliscono

Attualmente, la Norvegia è pienamente d’accordo sul fatto che gli ucraini dovrebbero poter venire in Norvegia. È importante quando ora sappiamo che ci sarà un afflusso di richiedenti asilo. Non sappiamo quando e quanto grande sarà la forza. e se le misure attuate sono sufficienti.

READ  Arrestato dopo omicidio di massa in Canada - VG

Ciò che non basta sono gli sforzi della Gran Bretagna. Gli europei decisero presto di dare protezione collettiva agli ucraini. Chiedi agli inglesi di alzare le recinzioni. e hanno Percorso operativo.

Guidato dallo stesso ministro dell’Interno Priti Patel figlia di immigrati dall’Uganda.

un paese che non fa più parte dell’Unione Europea, E ‘richiesta una carta Visa per consentire l’ingresso agli ucraini. I rifugiati devono anche avere una famiglia ospitante/sponsor o membri della famiglia nel Regno Unito Per poter fare domanda di asilo.

‘disonesto’, ‘senza cuore’, ‘falso’ e ‘inadeguato’ Parole che sono state usate da critici interni della gestione della crisi da parte del governo britannico.

Non è stato fino al 10 marzo quando Patel ha apportato modifiche al processo di visto. I visti sono ancora richiesti, ma la domanda può essere presentata online e quindi presentarsi fisicamente in uno dei cinque centri visti in Europa.

dovere morale

più vicini 38000 Con un background ucraino che vive nel Regno Unito. Solo loro potrebbero, in teoria, fornire riparo a decine di migliaia di donne e bambini ucraini in fuga.

Gli inglesi dovrebbero semplificare la procedura di asilo. Preferibilmente rimuovere i requisiti per il visto e la famiglia ospitante. Altrimenti, si vergogneranno quando questa storia sarà scritta.

La guerra si svolge in tutta la sua brutalità sulle terre ucraine. Ma nessun europeo è immune dalle azioni di guerra.

La nostra missione comune è prenderci cura dei rifugiati ucraini. I paesi vicini devono essere riposati. Questo può essere intenso, lungo e costoso.

Ma è nostro dovere morale alzarci in piedi. qui e ora. Che siamo Norvegia o Gran Bretagna.