Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La democrazia negli Stati Uniti è sotto forte pressione – VG

Dimostrazioni: mercoledì, gli elettori hanno manifestato al di fuori della Convenzione dello Stato del Texas. Foto: Eric Gay/AP

Mentre il governatore repubblicano del Texas minaccia di incarcerare i democratici, il presidente Joe Biden attacca i repubblicani.

Inserito:

Nel tentativo di impedire ai repubblicani del Texas di adottare una legge che limita le regole elettorali, un’ampia minoranza di democratici al Congresso dello stato ha lasciato lo stato, per impedire che un numero sufficiente di rappresentanti ad Austin approvasse la legge.

I repubblicani hanno risposto dando alla polizia locale il potere di arrestare i ladri. Ma la polizia non ha autorità al di fuori del Texas.

In linea di principio, il presidente della Camera dei rappresentanti del Texas può emettere un mandato di arresto, ma i democratici possono essere arrestati solo al loro ritorno. Non è chiaro come sarà la logistica. Interpreto la trama principalmente come uno stress retorico. Gli arresti renderebbero i Democratici un martire politico, ha detto a VG il ricercatore della NORCE ed esperto statunitense Hilmar Megilde.

Esperto statunitense: Hilmar Mejilde ritiene che la democrazia negli Stati Uniti sia sotto pressione. Foto: UiB

Una nuova legge elettorale crea reazioni

La nuova legge elettorale del Texas imporrà restrizioni moderate al diritto di voto degli elettori. L’argomento per farlo è prevenire le frodi elettorali.

Il disegno di legge del Texas introduce nuovi requisiti di definizione, rende più urgente il voto anticipato e restringe metodi e tempi di voto. Migildi afferma che il disegno di legge è stato leggermente annacquato dopo pesanti critiche.

Negli stati degli Stati Uniti controllati dai repubblicani, gli stati stanno ora cercando di introdurre nuove leggi elettorali che limitino la capacità delle persone di votare. Gli esperti americani con cui VG ha parlato prima si riferiscono alla situazione come “Ora o mai più” per la democrazia americana.

READ  - Pompa fino al ciclo - E24

Le nuove leggi elettorali sono controverse per due motivi. In primo luogo, dovrebbero colpire gli elettori di minoranza, che di solito votano i Democratici. In secondo luogo, la logica della lotta alla frode elettorale è problematica, perché la frode elettorale non è un problema negli Stati Uniti, aggiunge.

Leggi anche

Contesto: – Non c’è dubbio che questo sia razzista

Polarizzazione finale

Mentre il presidente Joe Biden vuole estendere il suffragio al popolo degli Stati Uniti, diversi stati repubblicani stanno lavorando contro di lui approvando nuove controverse leggi elettorali.

I democratici vogliono votare facilmente, i repubblicani vogliono limitare le possibilità. In parole povere, questo è dovuto al fatto che i democratici fanno un lavoro migliore quando più persone possono votare, mentre i repubblicani fanno peggio, afferma Eric Bergsen, commentatore politico di TV2 ed ex diplomatico negli Stati Uniti.

Polarizzazione: Eric Bergsen dice a VG che ciò che sta accadendo ora è un altro esempio di quanto siano polarizzati gli Stati Uniti. Foto: Jonathan Vivas Kiss

Bergsen crede che questo problema stia aiutando ad aumentare la polarizzazione che già esiste negli Stati Uniti.

L’essenza della politica è la capacità di votare, e qui due partiti stanno su fronti opposti. È l’ultima polarizzazione della politica americana.

Aggiunge che non sembra positivo che la minoranza nel disegno di legge possa impedire il voto in questo modo.

È controverso che i Democratici, che sono in minoranza, siano fuggiti dallo stato per bloccare un disegno di legge. Ma non è nemmeno bene che il partito, che è la maggioranza, si assicuri di adottare leggi che garantiscano la loro posizione, afferma Bergsen.

READ  Attacco missilistico di Hamas su Gerusalemme - Israele ha risposto all'attacco - VG

Legge elettorale: Joe Biden ha parlato a Filadelfia martedì sulle nuove leggi elettorali in tutti gli stati. Si ritiene che le nuove leggi siano un attacco agli Stati Uniti. Foto: Evan Vucci/AP

“Non ti vergogni?”

Ascoltami chiaramente e chiaramente. “Oggi c’è un attacco in America, un tentativo di sopprimere e minare il diritto di voto in un’elezione equa e libera”, ha detto il presidente Joe Biden durante un incontro a Filadelfia martedì.

Il presidente ha definito la campagna del paese antiamericana e antidemocratica.

“Non ti vergogni?” Ha chiesto retoricamente.

Biden ha fatto un’ampia pagina contro il suo predecessore, Donald Trump, scatenando diverse proposte repubblicane che comportano limiti alla possibilità di voto.

Descrivendo la situazione come il test più importante della democrazia americana dalla guerra civile, ha affermato che proteggere il diritto di voto è stata “la sfida cruciale del nostro tempo”.

La grande bugia: Donald Trump ha definito le elezioni americane una grande bugia. Gli esperti ritengono che questo sia lo sfondo del conflitto negli Stati Uniti ora. Foto: Steve Marcus/Reuters

“La grande bugia”

Lo sfondo di questo conflitto che si sta verificando ora negli Stati Uniti si basa sulla dichiarazione di Donald Trump secondo cui le elezioni statunitensi sono state una massiccia frode elettorale, definendo le elezioni una “grande bugia”.

Le affermazioni di Trump non sono corrette. L’esistenza di brogli elettorali non è stata documentata, nessun tribunale ritiene che si tratti di brogli elettorali e nessuna indagine lo ha dimostrato. Tuttavia, il 60% dei repubblicani ritiene che le elezioni siano state truccate, afferma Bergsen.

Gli Stati Uniti stanno vivendo un’erosione democratica. Manomissione delle leggi elettorali, un presidente che non ha accettato la sconfitta elettorale, una generale mancanza di moderazione in politica e molta aggressività in politica, compresa la violenza. Purtroppo, Megaldi dice a VG che la democrazia è sotto forte pressione negli Stati Uniti.

READ  Decine di persone sono morte - VG