lunedì, Luglio 22, 2024

La famiglia Fiat dice addio all’Italia

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

La holding della famiglia Agnelli per la Fiat, simbolo dell’ascesa dello stato industriale italiano del dopoguerra, si trasferisce nei Paesi Bassi.

La famiglia Agnelli ruppe i legami con Torino, dove il nonno, Giovanni Agnelli (1866-1945), fondò nel 1899 la casa automobilistica Fiat.

Le auto saranno ancora prodotte nello stabilimento Fiat di Torino e altrove in Italia. Ma la società proprietaria di Exor è diventata una società globale con operazioni in diverse parti del mondo.

Durante l’assemblea generale straordinaria tenutasi nel fine settimana, l’85% dei discendenti del fondatore della Fiat ha votato a favore del trasferimento della sede centrale da Torino ai Paesi Bassi.

John Elkann (40 anni), nipote del fondatore e terza generazione Agnelli nel gruppo automobilistico alla guida di Fiat Chrysler Automobiles (FCA), mette in guardia dall’interpretare simbolicamente questa mossa. Dopo l’assemblea ha dichiarato alla stampa che la famiglia Agnelli continuerà a investire a Torino e in Italia.

Economico e assicurativo

L’azienda di famiglia Exor è cresciuta attraverso acquisizioni negli ultimi anni. Tra l’altro, l’anno scorso hanno acquisito la maggioranza della rivista britannica The Economist e della società di riassicurazione statunitense Partner Re.

Ma la famiglia Agnelli è molto più che una semplice industria. Sono spesso indicati come la famiglia reale d’Italia Quotidiano economico britannico Financial Times.

Gli alti e bassi della famiglia erano spesso vincitori di vendite nelle riviste mondane affamate di sensazioni.

READ  Energia, prezzo dell'energia | Profitto annuo totale di 52 miliardi di corone norvegesi per il settore elettrico

Tiene la Juventus perdente

L’unica cosa rimasta di proprietà diretta della famiglia Agnelli in Italia è la squadra di calcio perdente della Juventus nella loro città natale, Torino.

Exor continuerà ad essere quotata alla Borsa di Milano.

Al suo apice, 30 anni fa, la Fiat contava 100.000 dipendenti a Torino. Oggi, la casa automobilistica, che ha gradualmente preso il controllo della Chrysler americana quando la terza casa automobilistica statunitense è stata salvata dalla bancarotta nel 2009 e si è fusa con FCA nel 2014, ha solo 5.000 dipendenti negli stabilimenti della sua città natale.

Brutte notizie per Renzi

La decisione di trasferire Exor nei Paesi Bassi non poteva arrivare in un momento peggiore per il primo ministro Matteo Renzi, scrive Lo ha riferito l’agenzia di stampa americana Bloomberg.

Soffre di una crescita economica pari a zero, di una crisi bancaria e di una debole fiducia nell’ambiente finanziario internazionale.

Il primo ministro Matteo Renzi ha contribuito a sottolineare l'evento in cui la Ferrari è stata scorporata dal gruppo automobilistico Fiat Chrysler e quotata alla Borsa di Milano quest'inverno.  La famiglia Agnelli rimane anche la proprietaria di maggioranza della Ferrari.

L’Italia è uno dei paesi al mondo con il debito pubblico più alto (133% della produzione totale del paese) e il peso del debito diventa più pesante da sopportare senza crescita economica. I tassi di disoccupazione sono già saliti alle stelle (11,4% a luglio – disoccupazione giovanile 39,2%).

Ho preso Cameron.

In gioco c’è soprattutto il futuro politico di Renzi. Cameron ha preso posizione e ha chiesto il sostegno dell’opinione pubblica in un referendum che si terrà quest’autunno su riforme costituzionali radicali e controverse.

READ  Crisi demografica in Cina - Si offre di pagare per il congelamento delle uova - E24

L’obiettivo è semplificare il processo decisionale politico. Il risultato è completamente aperto.

Da quando Renzi è entrato in carica come primo ministro due anni fa, ha viaggiato per il mondo esortando gli investitori a investire in Italia.

Durante il suo governo, gli investimenti esteri nel paese sono quintuplicati raggiungendo i 74,7 miliardi di euro (un magro 700 miliardi di corone norvegesi), secondo le informazioni sul sito web del governo.

Storia culturale

Exor possiede il 29,15% delle azioni di Fiat (44% dei diritti di voto) e il 23% di Ferrari (33% dei diritti di voto).

La famiglia Agnelli ha avuto una grande importanza nella cultura italiana. Quindi mi scuso per questo e mi dispiace anche un po’. Ma quello che conta è la capacità di investire in Italia, dice l’ex ministro del Lavoro Enrico Giovannini.

Piero Ferrari (X), figlio del fondatore della Ferrari Piero Ferrari e vicepresidente della Ferrari, con il presidente di Angeli Family Investments, John Elkann.  La foto è stata scattata a Wall Street a New York quando la Ferrari è stata quotata alla Borsa statunitense lo scorso anno.

Il presidente ha affermato che Exor e le sue filiali hanno “beneficiato enormemente” della portata internazionale della società negli ultimi cinque anni.

I profitti di Exor sono quasi raddoppiati di anno in anno nella prima metà dell’anno, raggiungendo i 430 milioni di euro (4 miliardi di corone norvegesi).

Sull’orlo della bancarotta

La “mucca da mungere” è ancora FCA. Nella prima metà dell’anno, la casa automobilistica ha generato un fatturato di 54,4 miliardi di euro (506 miliardi di corone norvegesi) e un utile netto di 1,2 miliardi di euro (11,1 miliardi di corone norvegesi), il 207% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

READ  Le azioni giapponesi raggiungono il livello più alto dal 1990 durante la riunione E24-G7

L’azienda di famiglia Exor, come Fiat, era sull’orlo della bancarotta nel 2004. Una fusione con Chrysler nel 2014, guidata dall’amministratore delegato di Fiat Chrysler Sergio Marchionne, ha salvato il patrimonio della famiglia.

Secondo il Financial Times la famiglia Agnelli ora possiede più negli Stati Uniti che in Italia.

More articles

Latest article