Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Fed ha aperto un nuovo triplo aumento: Wall Street è salita

Quando il mercato azionario ha aperto a Wall Street, i tre principali indici sono leggermente aumentati. L’S&P 500 è salito dello 0,11 per cento e il Dow Jones dello 0,1 per cento nei minuti di apertura, ma nelle ore successive gli indicatori sono stati caratterizzati dall’incertezza e hanno oscillato tra alti e bassi.

Alle 20:00 ora norvegese, la Federal Reserve statunitense ha presentato il verbale della precedente riunione di politica monetaria. Questo ha prima mandato gli indicatori in leggero rialzo, prima di ricadere in rosso.

Poco più di mezz’ora dopo la pubblicazione del rapporto sui tassi di interesse, l’umore è cambiato di nuovo. Ecco come si presentava per i tre principali indici quando la giornata di negoziazione si è conclusa mercoledì:

  • Il Dow Jones Industrial Average è aumentato dello 0,22%.
  • L’ampio indice S&P 500 è aumentato dello 0,36%.
  • L’indice Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, è salito dello 0,35%.

Sblocca per un altro triplo boost

La Federal Reserve statunitense ha pubblicato mercoledì sera, ora norvegese, il verbale della precedente riunione di politica monetaria. Questa è stata la riunione in cui la banca centrale ha condotto un cosiddetto rialzo dei tassi tripartito di 0,75 punti percentuali.

La banca centrale di solito aumenta il tasso di interesse di 0,25 punti percentuali ogni volta. Il tasso di riferimento principale negli Stati Uniti è ora compreso tra l’1,5 e l’1,75 per cento.

Gli ultimi minuti della riunione di giugno affermano che il comitato ha sostenuto l’aumento del tasso di interesse di riferimento di 0,50 punti percentuali o 0,75 punti percentuali durante la riunione sui tassi di luglio. Molti membri del comitato erano preoccupati che l’inflazione potesse rimanere alta se la popolazione non avesse creduto che tassi di interesse più elevati avrebbero ridotto l’inflazione accelerata.

READ  La Borsa di Oslo ha toccato il massimo storico

“I membri hanno convenuto che le prospettive economiche giustificano una posizione restrittiva nella politica monetaria e hanno riconosciuto la possibilità che una posizione più restrittiva sarebbe appropriata se persistono pressioni inflazionistiche elevate”, afferma il rapporto di giugno.

Aumento dei tassi di interesse il mese scorso Era il più grande dal 1994, ma c’era da aspettarselo. Già a pochi giorni dalla riunione di politica monetaria era previsto un aumento di 0,5 punti percentuali, ma dopo, tra l’altro, un articolo del Wall Street Journal Ha solo sollevato quasi tutte le stime delle principali banche di investimento statunitensi aumentare il tasso di interesse tre volte.

Allo stesso tempo, il comitato ha riconosciuto che un rapido aumento dei tassi di interesse potrebbe rallentare la crescita economica nel breve termine, ma ha ritenuto che i tassi di interesse dovrebbero aumentare per rallentare l’inflazione.

Obsoleto

Tuttavia, mercoledì i principali indici di Wall Street sono aumentati. Il capo economista Marius Gunsholt Hof di Handelsbanken osserva che il mercato sembra un po’ fuori fase durante i verbali della Fed.

– La vera reazione al disco è che è difficile, ma è anche un rapporto un po’ datato sulla composizione del vino che abbiamo ricevuto nel frattempo. Indica che la crescita sta rallentando ulteriormente e che l’inflazione sta rallentando prima del previsto. Ciò significa che il mercato non sta acquistando la previsione sui tassi di interesse che la Fed ha fatto nella riunione precedente.

Hof osserva che la Fed stima che i tassi di interesse raggiungeranno il picco alla fine del prossimo anno, mentre i tassi di mercato raggiungeranno il picco nel primo trimestre del 2023. Successivamente, i tassi di interesse dovrebbero essere ridotti, afferma Hof.

La reazione del tasso è stata con un leggero aumento, ma dovremmo ricordare che è stato leggermente abbassato dall’alto a metà giugno, afferma Hof.

Il tasso di interesse sui titoli di Stato con scadenza a dieci anni, detti anche dieci anni, sale dopo l’annuncio del tasso di interesse ed è ora al 2,96 per cento. Anche il rendimento del titolo di Stato a due anni è salito mercoledì.

A metà giugno, il bambino di dieci anni si avvicinava al 3,5%.

Timori di recessione economica e prezzi bassi del petrolio

Martedì i principali indici statunitensi hanno chiuso in modo misto, dopo un forte calo alla fine della scorsa settimana. Il Nasdaq Technology Index è aumentato dell’1,75%, l’ampio Standard & Poor’s 500 Index è aumentato dello 0,16%, mentre il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,42%.

Finora quest’anno, il Nasdaq è sceso di oltre il 28%, lo Standard & Poor’s è sceso del 20% e il Dow è sceso di circa il 15%, dopo che i timori di inflazione e tassi di interesse hanno spazzato i mercati negli ultimi mesi.

Ma ultimamente, i timori di una recessione, soprattutto negli Stati Uniti, hanno attanagliato l’umore dell’opinione pubblica. Martedì, i prezzi del petrolio sono scesi bruscamente e sorprendentemente. Nel peggiore dei casi, il prezzo del petrolio è sceso del 10% in poche ore.

Mercoledì il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord ha bruciato circa 104 dollari al barile e si è stabilizzato, ma poco prima dell’apertura della Borsa americana il prezzo del petrolio è sceso bruscamente. Al momento in cui scrivo, un barile di petrolio spot Brent del Mare del Nord veniva scambiato a poco più di $ 100 al barile. Il prezzo del petrolio è sceso di oltre il 20 per cento dal picco di inizio marzo.

READ  Equinor e Hitecvision sono diventati partner per Offshore Wind - E24

(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.