Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La gente di “Horror Island” Alikudi pensava di essere cacciata

Nel Mar Mediterraneo, al largo delle coste italiane, ci sono le Isole Eolie. Distesa come un triangolo dalla città italiana di Milazzo, e isolata all’estremità è la leggendaria isola di Alicudi. All’inizio del XX secolo, gli isolani descrissero visioni inspiegabili che avrebbero caratterizzato l’isola per decenni.

Alcuni li chiamavano maghi, altri li chiamavano Shadow People. In uno di essi, Ituri Paratha dice: Quando ero piccolo, i nostri genitori parlavano ancora di quello che avevano passato. Rapporto della BBC. Baratta è un residente attuale dell’isola, ed è cresciuto con la paura che il popolo delle ombre sarebbe tornato. Poco più di 100 anni fa, più di 1.000 persone vivevano sull’isola e oggi ne sono rimaste solo 120.

Centinaia hanno lasciato l’isola. Ma abbiamo scelto di preservarlo com’era allora, con le stesse strade di ciottoli e piccoli sentieri di pietra, dice Paratha.

(Il caso continua sotto la foto)

Poco è cambiato l’architettura e le infrastrutture da quando la minuscola isola ha acquisito la sua squallida reputazione, ma la vita sull’isola è qualcosa di completamente diverso fino ad oggi. Foto: Alexander Zemlianichenko / AP / NTB

La risposta è ai loro piedi

La piccola isola rotonda di 5,2 chilometri quadrati è stata formata dal vulcano spento Montagnola circa 150.000 anni fa. Secondo le scoperte archeologiche, l’isola è stata abitata sin dal 1600 a.C. La maggior parte della popolazione dell’isola si guadagna da vivere con la pesca e la piccola agricoltura, e l’economia dell’isola è ampiamente supportata dalla produzione di pesche. Può essere raggiunta con il traghetto che parte dalla terraferma e attraversa le Isole Eolie, ma durante i rigidi mesi invernali, la comunità dell’isola può sperimentare l’isolamento per più di due settimane di seguito.

Oggi si parla poco degli eventi che hanno dato all’isola la sua squallida reputazione all’inizio del XX secolo, ma le storie vengono tramandate di generazione in generazione. Per molti decenni, i residenti hanno vissuto senza una spiegazione sul motivo per cui tutti gli isolani hanno avuto le stesse visioni e hanno subito gli stessi eventi inspiegabili. Si è scoperto che la risposta è cresciuta sotto i loro piedi.

Come è oggi, il popolo Alikudi nel ventesimo secolo viveva in gran parte nelle proprie fattorie. La coltivazione del grano non era facile sull’isola vulcanica e la maggior parte del cibo doveva essere fatto con orzo e segale. Quello che non sapevano era che la segale che avevano cucinato era stata attaccata dall’oidio, un fungo che cresce sui chicchi, scriveva il giornale. Sud Africa. Se lo mangi troppo a lungo, alla fine sviluppi l’ergot, una malattia che può causare disturbi al sistema nervoso centrale e psicosi.

Dopo 30 anni, Albert Hoffman sviluppò accidentalmente LSD solo dall’anguria.

All’inizio degli anni ’60, i residenti iniziarono a vedere un legame tra il pane che mangiavano e gli eventi vissuti in seguito, e la chiesa ribattezzò tutto il pane cotto sull’isola come “Pane del diavolo”. Ma il motivo per cui il pane ha causato esperienze spaventose dovrebbe rimanere un mistero per decenni.

Miscela tossica

Di conseguenza, è possibile che le visioni che hanno reso l’isola chiamata “Isola dell’orrore” fossero dovute all’avvelenamento. Gli scienziati ritengono che questo, combinato con la vita appartata sull’isola soggetta alle intemperie, abbia creato un ambiente ideale per allucinazioni di massa.

Secondo la ricercatrice Fiona Macpherson, le allucinazioni si verificano quando il cervello inizia a elaborare le informazioni che riceve attraverso i sensi e quindi invia segnali ai sensi. Quindi, l’ambiente è influenzato dalla nostra immaginazione. Il rumore costante, come il suono delle rocce che lambiscono l’oceano e il vento costante, può giocare un trucco su un cervello intossicato e amplificare le allucinazioni.

READ  Suggerimenti FPL Round 32: L'esperto dell'occhio obliquo promette ancora di essere il più alto

Quando le persone vivono in isolamento in queste condizioni, il cervello inizia a cercare informazioni e schemi, ad esempio, questa è la chiave dietro le molte pitture rupestri inspiegabili realizzate dagli abitanti delle caverne, spiega alla BBC la ricercatrice Fiona Macpherson.

(Il caso continua sotto la foto)

Ecco un visitatore in viaggio verso un vulcano spento dell'isola.  Foto: Valerie Hach / AFP / NTB

Ecco un visitatore in viaggio verso un vulcano spento dell’isola. Foto: Valerie Hach / AFP / NTB

Quindi i ricercatori pensano che sia probabile che la combinazione di oidio che hanno ingerito attraverso il cibo e l’ambiente isolato in cui vivevano, significasse che una popolazione di oltre 1.000 persone avesse sperimentato allucinazioni di massa. I residenti di oggi stanno dietro la conclusione dei ricercatori.

Quando la BBC ha chiesto loro come descriverebbero la vita sull’isola, tutti hanno risposto che l’unico suono che si sente è il mare e l’unica fonte di luce che si riceve di notte è il cielo stellato. Lo stesso silenzio che oggi regala ai residenti la pace interiore, è diventato il più grande incubo dei genitori.

Ma come possiamo finire per vedere le stesse visioni?

Le allucinazioni derivano da qualcosa che hai visto o sentito in precedenza, interamente o come una combinazione di cose che hai notato in precedenza, e sono influenzate dalla cultura e dalla società in cui vivi. Quindi non sorprende che in persone come questa società isolate e coese sviluppino allucinazioni molto simili

Oggi la popolazione dell’isola è molto più piccola di quanto non fosse all’inizio del XX secolo, ma gli abitanti vivono ancora meno isolati. Ogni giorno il traghetto ha attraccato e sbarcato i visitatori che fanno una gita di un giorno alla gemma storica. Fatta eccezione per i rigidi mesi invernali, quando l’isola diventa periodicamente impraticabile.

READ  Venezia è sfuggita a malapena alla sua designazione come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO

Guarda il video: Una creatura aliena ha scioccato i turisti: – Cosa sta succedendo?: