Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La grande esplosione del Gruppo Kongsberg in borsa dopo la pubblicazione dei dati: l’indice principale della Borsa di Oslo è salito con cautela

Dopo aver iniziato la settimana con un calo del tre percento, martedì c’è stato un cauto ritorno alla Borsa di Oslo.

Il risultato finale del trading è stato un aumento dello 0,1%, mentre altri importanti indici in Europa sono aumentati notevolmente.

Il gruppo Kongsberg è diventato oggi uno dei maggiori perdenti del mercato azionario con un calo del 18,86%. È successo dopo Il gruppo industriale ha presentato martedì mattina i dati trimestrali.

A parte questo, Equinor è sceso dello 0,26% come il titolo più pesantemente scambiato, davanti a Hydro, Kongsberggruppen e Yara. La maggior parte delle più grandi società di Børsen è finita in rialzo, la migliore è stata Autostore, che è cresciuta del 6,2%.

un po’ drammatico

Nelle ultime due settimane, l’indice di riferimento è sceso al di sopra dell’8% e quest’anno è sceso del 2% finora.

I mercati azionari stanno crollando, sta iniziando a piovere, ma il caffè è ancora buono, afferma il direttore Christian Tonal di Alfred Berg Capitalforvalting.

Rispetto al rally del mercato azionario dell’anno scorso, il calo del 2% finora quest’anno non è così drammatico. Tonal afferma che gli investitori stanno ancora facendo buoni guadagni.

L’anno scorso alla Borsa di Oslo si è chiuso con un aumento del 23% per l’indice principale.

Il prezzo del petrolio è sceso del 2,9 per cento nelle ultime 24 ore e il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord ha raggiunto circa 104 dollari martedì mattina.

Il prezzo del petrolio di $ 104 offre ancora enormi entrate all’industria petrolifera e le compagnie petrolifere di tutto il mondo sono un porto sicuro per gli investitori, afferma Tunal.

READ  Wall Street con il peggior trimestre dall'inizio dell'epidemia

La DNB ha scritto nel suo rapporto mattutino che lo sfondo delle riduzioni dei prezzi sono le sanzioni dell’UE più morbide del previsto sul petrolio russo, i prezzi sauditi più bassi sulle consegne in Asia e un tasso di cambio del dollaro USA più alto che abbassa i prezzi.

– E’ comunque un forte prezzo del petrolio, e la reazione del mercato oggi è vendere titoli sensibili agli interessi e investire tutto in titoli petroliferi alla Borsa di Oslo, dice Tunal.

Guerra, austerità e chiusura

Il mercato sta vivendo la più alta crescita dei prezzi degli ultimi decenni, le banche centrali si stanno stringendo e le conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina stanno colpendo il mercato azionario.

“Gran parte delle turbolenze del mercato è derivata dalle misure di austerità della Fed, ma ciò che è diverso dal precedente importante crollo del mercato azionario nel 2020 è la situazione in Cina”, afferma Tunal.

L’obiettivo di Tuna era quello di sbarcare in borsa quando è iniziata la pandemia di Corona. Da gennaio a marzo 2020, la Borsa di Oslo è scesa del 33%. Successivamente, è seguito un forte rialzo del mercato azionario.

In Cina esiste un regime rigoroso per rimuovere il Corona virus dal Paese. Esiste una strategia libera dalle infezioni e molte grandi città sono state chiuse.

Il mercato globale dipende dalle forniture dalla Cina, ma il commercio si sta ora fermando. A causa delle chiusure, molti milioni di persone sono senza lavoro. Ciò significa che entrambi gli ordini stanno diminuendo e non ce ne sono, dice Tunal e aggiunge:

READ  Ora è più costoso fare acquisti da IKEA

Tonal dice che ha terribili conseguenze per il mondo occidentale quando le merci che avremmo dovuto avere non arrivano.

ampio autunno lun

Lunedì i principali indici di Wall Street hanno visto un ampio calo. L’ampio S&P 500, l’indice tecnologico Nasdaq e il Dow Jones Industrial Average sono scesi in media del 3,2% ieri.

L’indice tecnologico Nasdaq è ora in calo del 26,6% quest’anno, mentre l’S&P 500 è in calo del 16,8% nello stesso periodo. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dell’11,9% dal nuovo anno.

Sono proseguite anche le turbolenze nelle borse asiatiche. Durante la prima mezz’ora dopo l’inizio delle contrattazioni, l’indice Nikkei della Borsa di Tokyo è sceso di oltre il 2%, ben al di sotto di 26.000. Questo è stato lo stesso sviluppo della Borsa di Seoul in Corea del Sud e della Borsa di Sydney, dove l’indice principale è sceso di oltre il 2,5 per cento.

Quando la borsa di Hong Kong ha aperto le negoziazioni, l’Hang Seng è sceso istantaneamente del 3,5%. I mercati azionari cinesi sono andati controcorrente e il mercato azionario di Shanghai è salito dello 0,5%.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.